‘A Pasta

Letture: 471

Oltre ad amici comuni, con Lello Brack condividiamo una passione.
A tutti voi una sua poesia in napoletano stretto
Niente traduzione: chi vò capì, capìsce
di Raffaele Bracale

Gnorsí ‘o ccunfesso: songo… ‘nnammurato,
me piace ‘a pasta/ Tutta: tagliatelle,
mezzane, zite, penne, vermicielle,
linguine, don ciccillo ‘ncruvattate…
basta ch’ è ppasta e m’ îte accuntentato,
m’ îte fatto signore! ‘O pirciatiello
‘a làgana, ‘o tubbetto, ‘a fettuccella…
chella ca songo songo me truvate
pronto pe le fà ‘a festa… ‘Na furchetta
o pure ‘nu cucchiaro… comme sia
le dongo ‘nfaccia… â faccia ‘e chi ‘a scamette
e dice ca fa male… Fessarie!
Nun stàtele a sentí a ‘sti chiacchiarune
ca niente ‘e pô appassà ‘e maccarune!

II
Cunnita comm’ è è; stufata o espressa,
cu ‘a vongola, a rraú, pure… scaldata,
vullente ‘e fuoco, fredda, arrepusata,
pure azzeccata sotto… è bbona ô stesso!
Mettitammélla annanze e – cu permesso –
faccio unu muorzo e dico: Sia lodato
chillu grand’ ommo ca se ll’ è anventato
chestu mmagnà degno ‘e ‘nu rre o ‘e ‘nu… fesso!
E si vulite farme ‘nu regalo,
cunníteme duje tierze ‘e vermicielle
all’ uso nuosto: vierde, juste ‘e sale
cu ll’ aglio, ll’ uoglio e ‘o ppoco ‘e cerasiello…
E pe ‘stu piatto lloco, v’ assicuro,
manco d’ ‘a… cchiú pappona me ne curo!

III
Pecché – nun me pigliate pe ricchione… –
‘a femmena è zucosa, sissignore…
è sapurita, te pô dà calore…,
ma nun pô mmaje apparà ‘nu maccarone!
Nun pô vení a chi sí? cu ‘nu zetone,
cu ‘nu manfredo chino ‘e zuco e addore,
cu ‘na pasta ‘mbuttita o cu ‘o sapore
ca pô lassarte ‘mmocca ‘o cannellone!…
Fosse ‘a cchiú bbella s’ à dda tené ‘a posta
e à dda aspettà, si ‘o maltagliato è ppronto…
e ave voglia ‘e farmela ‘a… pruposta
e ddirme: E ghiammo!… Niente! I’ nun me smonto.
Quanno me chiamma ‘a pasta e ‘a pummarola
i’ corro… e ‘a lasso a s’ arranggià essa sola!
(dal volume ‘E CCOSE D”O PPASSATO ed. Graus Napoli 2006)