Acciaroli, Carlo Petrini nel paese di Angelo Vassallo: chi semina utopie raccoglie realtà

Letture: 204
Carlo Petrini nel Cilento

 

di Domenico Nicoletti*

Abbiamo bisogno di nuovi paradigmi” di nuovi modelli di riferimento per una società che sappia tornare alla sua “Madre Terra”, questo il continuo e motivato colloquio magistrale di Carlo Petrini nella rassegna “ùviecchiu” del 22 e 23 luglio ad Acciaroli tra sogno e realtà.

“Chi semina utopie raccoglie realtà”  ha detto Petrini in uno dei suoi splendidi e straordinari passaggi per una nuova economia che sappia valorizzare il patrimonio di comunità che come ha detto Petrini, la splendida terra cilentana esprime. Se la finanza, l’economia dei mercati e della spesa, genera i mostri che abbiamo sotto gli occhi ogni giorno, meglio ri-orientare il pensiero verso l’economia primaria la solo che ci sostiene ha affermato Petrini, “Tutti siamo viventi perché mangiamo” ma cosa mangiamo non lo sa nessuno o meglio lo sanno le multinazionali che orientano il mercato e speculano sul nostro bisogno primordiale. “Bisogna tornare all’agricoltura gratificando i giovani per fare un lavoro nobile” ha detto Petrini dando un segnale forte alle priorità del nostro agire soprattutto in un’area protetta come il Parco del Cilento che ha come sua missione prioritaria la condizione di ristabilire il giusto equilibrio tra uomo e natura.

“Quando mi chiedono com’ è stato possibile, senza grandi risorse, realizzare una rete come quella di Terra Madre, che oggi conta più di 6 mila comunità in 153 Paesi del mondo, io rispondo che le due colonne portanti sono l’ intelligenza affettiva e un’ austera anarchia.

L’ intelligenza affettiva altro non è se non l’ empatia, la forza di una fraternità che non dimentichiamo essere stato il terzo valore della rivoluzione francese. Ma è stato anche quello più dimenticato. Oggi siamo pieni d’ intelligenza razionale e manca l’ intelligenza affettiva. Per austera anarchia invece intendo la libertà da parte delle comunità di essere se stesse fino in fondo. Questo significa soprattutto difendere, portare in evidenza la sovranità alimentare e quella della conoscenza: ogni popolo, ogni comunità ha il diritto di scegliere cosa mangiare, cosa seminare e come comunicare. Ha diritto alla propria identità”.

Questo è uno dei principali paradigmi di cui Petrini fa memoria e con straordinario intuito, indica come futuro possibile, dando anche la traccia per operare.

Bisogna costruire velocemente i granai della memoria, perché le sapienze e i saperi di queste persone possono ancora essere raccolte con i nuovi strumenti e messe a disposizione di tutti”.

“Pochi ma buoni”,  come si suol dire,  i Cilentani presenti che certamente faranno “tesoro” di un’occasione straordinaria che ancora Angelo Vassallo ci ha voluto regalare.

 *ex direttore del Parco del Cilento

6 commenti

  • Monica Piscitelli

    (26 luglio 2011 - 22:30)

    Davvero un resoconto incisivo e potente nella rappresentazione di un uomo che ogni qual volta apre bocca dà da riflettere per alcuni giorni.

  • domenico nicoletti

    (26 luglio 2011 - 23:54)

    Grazie a Voi dei vostri graditi commenti che avvalorano la grandezza dei pensieri e parole di un grande contemporaneo che come tale sà cogliere e rilanciare con semplicità concetti complessi e strategie per un nuovo ri-nascimento.
    Appena possibile pubblicherò la registrazione di ampi stralci del discorso di Petrini a Pollica.
    cordialità
    a presto
    domenico nicoletti

  • Michela Iannaccio

    (27 luglio 2011 - 10:53)

    senza ombra di dubbio, straordinarie parole e pensieri ma, non abbiamo tempo per riflettere….. e talmente chiaro ed intuitivo il contenuto che bisogna soltanto agire oppure, sarà troppo tardi….
    è già troppo tardi!!!!!

  • gaspare

    (27 luglio 2011 - 12:31)

    quello di questo intellettuale contemporaneo, che tutto il mondo un po ‘ ci invidia, è un vero e proprio programma filosofo-ideologico.
    non è né un programma politico né commerciale, anche se al suo interno ci sarebbe per forza spazio per questo tipo di istanze.
    quella di petrini piuttosto è la proposta di una nuova umanità: dato per assodato che l’uomo, grazie alla tecnologia, ha già distrutto soprattutto se’ stesso.
    una nuova umanità ri-fisicizzata, ri-moralizzata, ri-valorizzata. Buono Giusto Pulito,
    un piano filosofico aristotelico puro, con dentro pure l’emozione della comunità anarchica!
    è scontato che la dottrina slowfooddista mi/ci affascina.
    il suo difetto? è l’assenza di difetti, l’utopismo.. prendiamone il meglio perciò, anche perché è un grande progetto scientifico, io penso da premio nobel.

  • eva willburger

    (28 luglio 2011 - 14:55)

    sono d’accordo con gaspare …”io penso da premio nobel”. ho assistito a tante conferenze e interventi di carlo petrini, tra terramadre al salone internazionale del gusto a torino, ad acciaroli il 22.7.2011; ho sentito sulla pelle come riesce a galvanizzare la gente, e soprattutto i giovani. petrini mi sembra un “nuovo mahatma ghandi”: sono sempre più convinta che il nuovo ordine è possibile con nuovi paradigmi, sembra di essere una soluzione pacifica in questo mondo di profitti e sfruttatori , ma lentamente, slow… appunto

  • non tutto

    (2 agosto 2011 - 10:59)

    Attenzione a esaltare troppo una persona, chiunque essa sia…
    E attenzione a pensare che le cose che vengono proposte come nuove in realtà lo siano… vedi i Granai della Memoria.

I commenti sono chiusi.