Acerra, Pizzeria Bella Napoli. Il calzone ripieno di scarole e baccalà di Enzo Di Fiore

Letture: 700
Enzo Di Fiore e il suo calzone di scarole e baccala’

Via Muro di Piombo (ex capolinea 171 Rione Madonnella)
Tel. 081. 3198112
Su Facebook
Aperto la sera
Pizze da 3,50 a 5 euro

di Tommaso Esposito

Nasce come pizzeria da asporto nel rione di edilizia coop della città, ma ora si è aggiunta un’ essenziale stanzetta con otto tavoli da quattro posti.
Sempre in movimento per le chiamate e le pizze al metro che reclamano a casa i clienti.
Però, ha  il tempo per un sorriso e la cortesia verso chi sceglie il tavolo.
Così è fatto il pizzaiuolo Enzo Di Fiore.
Una buona mano e tanta voglia di crescere, di emergere e di proporre una pizza di qualità.
Perciò: farina Molino Caputo, pomodoro San Marzano dop di Agrigenus e Olio extravergine di oliva pugliese, mozzarella di bufala e provola di caseifici locali.
Per ora basta così, è già tanto.
Partecipa alla settimana del baccalà organizzata ad Acerra da Mario Esposito e i suoi fratelli con una proposta pescata dalla tradizione: nientedimeno una ricetta di Don Ippolito Cavalcanti Duca di Buonvicino, riproposta poi dalla indimenticabile Jeanne Carola Francesconi.
La pizza di scarole e baccalà.

Il calzone di baccala’ di Enzo Di Fiore

Tra le sue mani diventa un calzone ripieno: scarola stufata con alici, olive di Gaeta e Tonde di Spagna, capperi, pinoli, uva passa.
Il baccalà appena scottato viene adagiato sulla verdura.
Un filo d’olio evo e via nel forno; pardon: a bocca di forno.

Il calzone di baccala’ di Enzo Di Fiore

Il profumo si sente già quando è pronto, si diffonde e rallegra l’olfatto.
Al palato i sapori della più verace tradizione casereccia e popolare napoletana racchiusi in un calzone di ottima fattura e lievitazione.

Il calzone di baccala’ di Enzo Di Fiore

Ah,c’è pure la variante con la provola affumicata. Gustosissima. Tutte e due saranno in carta ogni venerdì.

Il calzone di scarole e baccala’ con provola di Enzo Di Fiore

Le altre sere da non perdere la marinara e l’ortolana.

La marinara di Enzo Di Fiore

E che vuoi di più da queste parti?
Un buon Gragnano per festeggiare alla grande, ma per ore un’ottima birra.
Va bene lo stesso.
Evviva il baccalà!

2 commenti

  • Enrico Di Roberti

    (27 settembre 2013 - 11:39)

    Ecco un’altra realtà acerrana da scoprire!

  • nino

    (28 settembre 2013 - 13:20)

    Cannaruto come sono non mi sono fatto scappare l’occasione di gustare il calzone con scarole e baccala’ e la variante con la provola. Gustosissime! Nel mentre della preparazione ho scambiato alcune opinioni sulla bonta’ delle materie prime utilizzate da Enzo, persona amabilissima con cui e’ facile sintonizzarsi subito. Gli avventori presenti, incuriosite da questi manufatti, hanno voluto unirsi con me all’assaggio, tutti con l’acquolina in bocca e sicui del risultato finale. Bravo Enzo

I commenti sono chiusi.