Agerola, caseificio Naclerio: i grandi latticini della Penisola Sorrentina

Letture: 759
Ettore Naclerio con la mamma Antonietta Criscuolo

Azienda agricola Naclerio
via Case Naclerio 1, frazione Pianiello, Agerola
Tel. e fax 0818791106
info@ aziendanaclerio.it
sito internet: www.aziendanaclerio.it

di Salvatore De Napoli

Poco ma eccezionale. E’ questa la filosofia dei titolari dell’azienda agricola Naclerio che produce un superbo fior di latte agerolose. Fondato nel 1981 dal cuoco Antonio Naclerio e dalla moglie Antonietta Criscuolo, l’azienda ha raccolto una tradizione risalente ai nonni, anche se legata per lo più alla sola produzione di latte e allevamento di mucche da carne. I Naclerio, infatti, producevano dapprima fior di latte solo per le necessità della propria famiglia. Nel 1981, la decisione di papà Antonio di non vendere più il latte ai lattai e di cominciare a produrre fior di latte da vendere. A determinare questa scelta fu il successo che il loro fior di latte riscosse in una sagra ad Agerola. Da qui pian piano, l’azienda agricola Naclerio oggi possiede 65 mucche di cui 10 di razza agerolese, dalle quali ricava latte per produrre i suoi rinomati prodotti caseari. Anzi le mucche sono ora 66: l’ultima è nata mentre visitavamo l’azienda.

I Naclerio nel corso degli anni non hanno voluto perdere la caratteristica di azienda familiare, nonostante il successo del loro prodotto, tant’è che per chi vuole gustare il fior di latte deve arrivare di mattina presto nell’unico punto vendita presso l’azienda agricola.

Il fior di latte Naclerio

“Produciamo fior di latte solo con latte delle nostre mucche, munte due volte al giorno, e con caglio rigorosamente italiano -ricorda Ettore Naclerio, figlio del fondatore-. Nonostante la grossa richiesta, abbiamo deciso di rimanere un’azienda a carattere familiare, con il dogma della filiera corta. Per questo, abbiamo scelto anche di non fornire né ristoranti né supermercati. Ci dispiace che quotidianamente molte persone arrivino in azienda dopo mezzogiorno, quando la nostra produzione è ormai stata tutta venduta”.

I prodotti Naclerio

In azienda lavorano solo Antonio Naclerio, la moglie e il figlio Ettore che oltre il fior di latte producono un ottimo provolone del monaco, anche in questo caso in numero, purtroppo, limitato (circa 100 l’anno).

Una mucca appena nata in azienda
Una mucca appena nata in azienda

E c’è di più. I Naclerio coltivano anche ottime pere pennate che trasformano in confetture.

Papà Antonio Naclerio con il figlio Ettore

2 commenti

  • sara

    (26 ottobre 2011 - 12:17)

    Agerola ,è semplicemente un paese dove respiri tradizione . Ho assaggiato personalmente il Fior di Latte ed è la loro identita’. Abito nelle vicinaze del luogo quindi posso TESTIMONIARE con grande orgoglio la bonta’ del prodotto ,che non è solo fior di latte ma tanto altro , ad esempio IL PROVOLONE DEL MONACO che è un formaggio ottenuto dalla lavorazione del latte della mucca Agerolese. . Quando l’attenzione è sul prodotto ,l’esaltazione del genuino è qualcosa da preservare e loro ci riescono perfettamente . Complimenti .

  • anna

    (29 ottobre 2011 - 21:50)

    Grazie per l’articolo…i complimenti sono rivolti all’autore…. ma per le foto, si poteva fare di meglio .-))) Nella cucina della famiglia Nacleeio c’è sempre una gran bella confusione di cose e di persone… Diciamolo cghe anche quello può definirsi autoctono, nel senso che non si potrebbe avere un bel posto\ cittadina di mare senza il porto……Grazie

I commenti sono chiusi.