Aglianico 2006 Beneventano Igt Santiquaranta | Voto 86/100

Letture: 195

Aglianico 2006 di Santiquaranta

SANTIQUARANTA

Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Vista 5/5 Naso 28/30 Palato 25/30 Non omologazione 28/35

Sono diversi anni che Enrico De Lucia e Luca Baldino sono impegnati in un interessante percorso enologico incentrato su due zone della terra sannita: Torrecuso e Baselice. Di questo progetto si finisce di parlare sempre del moscato di Baselice, vinificato sia secco che nella più classica versione passito. Eppure sempre da Baselice giungono a Torrepalazzo, la località torrecusana dove è la sede dello stabilimento di trasformazione, le uve aglianico che danno vita all’etichetta Igt Beneventano.


Un vino che merita una particolare citazione. In degustazione l’annata 2006, una vendemmia particolare. Mentre abbiamo di fronte questo vino dalla bella trama impenetrabile riaffiorano alla mente le previsioni che si registravano alla vigilia di quella vendemmia, che ipotizzavano grandi potenzialità sia per la falanghina che per l’aglianico. Oggi, a distanza di oltre cinque anni, degustando l’aglianico di Enrico e Luca quelle previsioni sembrano convicerci sempre più. Il bel colore rosso rubino ci racconta subito di un vino ancora particolarmente giovane, che solo ora inizia a mostrare i primi segnali positivi del tempo che va trascorrendo. L’impianto olfattivo è straodinariamente ampio,  bella marmellata di prugne, marcate spezie e dolcezza conferita dal legno, mai invasivo. Così come mostra anche il successivo passaggio al palato, dove si coglie il sapiente uso del legno, con l’affinamento affidato non solo alle classiche barrique ma anche ai tonneaux (botti di 500 litri).  Il vino è caldo, rotondo e robusto, non si avverte la notevole struttura alcolica (14,5 gradi) per via della bella freschezza che ci parla di un vino destinato a vivere ancora a lungo.

Altro segnale di gioventù è l’astringenza del tannino ancora ben avvertita, di bella eleganza, che mai copre il buon gusto di frutta rossa. Un grande rosso da farne scorta di bottiglie da conservare in cantina. Ma anche da bere subito, su grigliate, formaggi stagionati oppure su salsiccia ben stagionata, come nel nostro caso.

Sede a Torrecuso, Contrada Torrepalazzo – Tel. 0824.876128 – wwwsantiquaranta.it – Ettari: 4 di proprietà – Bottiglie prodotte: 40.000 – Vitigni: moscato, falanghina, aglianico.

Questa scheda è di Pasquale Carlo

Un commento

  • raffaele

    (3 gennaio 2012 - 15:44)

    non ho mai avuto il piacere di assaggiare un vino di Santiquaranta, devo affrettarmi a farlo. Quasi quasi cerco di trovare questa etichetta e vedere….

I commenti sono chiusi.