Aglianico 2006 Sannio doc

Letture: 322

CASTELMAGNO

Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

A conclusione dell’assaggio questo vino colpisce soprattutto per la bella beva. Di certo non è questa la caratteristica principale del vitigno. Anzi. Tutto è dovuto ad una particolare lavorazione che Angelo Pizzi ha deciso di dare a questo rosso particolarmente fresco e godibile appieno già a poco più di dodici mesi dalla vendemmia e sicuramente lo sarà ancora per qualche anno. Che si tratti di un aglianico insolito lo testimonia sin da subito il colore, che si presenta con una bella vivacità e non  certamente per l’impenetrabilità che caratterizza le uve aglianico quando prendono la strada del lungo riposo prima dello stappo della bottiglia. Niente affinamento in  legno, solo acciaio per un vino che pur non scegliendo la lunga strada per elevarsi ad uno stadio aristocratico si caratterizza per un’eleganza assoluta che si coglie sia al naso che al palato. Molto fine il ventaglio dei profumi, vivacità di bella frutta rossa godibile immediatamente  mentre emergono più lentamente le note più complesse. In bocca, pur senza eccellere in struttura, il piacevole finale della bella beva di questo rosso ci accompagna a lungo e soprattutto richiama persistentemente al riassaggio grazie ad una sostenuta nota acida. Proprio quest’ultima analisi ci garantisce di poter gustare questo calice ancora per un bel periodo. Ottimo accompagnamento per i primi piatti conditi con saporiti sughi di carne oppure per un bel tagliere di salumi sanniti.

Questa scheda è di Pasquale Carlo

Sede a San Bartolomeo in Galdo. Via Traversa Sannio, 58. Tel. 0824.967242, fax 0824.964722. www.castelmagno.net Enologo: Angelo Pizzi. Ettari: 6 di proprietà. Bottiglie prodotte: 40.000 Vitigni: sommarrello, aglianico, cabernet sauvignon, passolara.