Aglianico del Taburno 2003 doc

Letture: 40

FATTORIA LA RIVOLTA

Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Devo ammettere che, sommersi da almeno una o due novità al giorno, alcuni classici, come ho già avuto modo di scrivere a proposito della Falanghina di Mustilli, restano in ombra come se ce ne fossimo occupati già. In realtà non è così e la serata di Lecce organizzata dalla condotta Slow Food Neretum mi è stata davvero istruttiva da questo punto di vista, come dimostra questo focus sull’Aglianico del Taburno 2003 base di Paolo Cotroneo provato al Vinitaly lo scorso anno. Devo dire davvero che è un rosso da consigliare anzitutto per lo strabiliante rapporto tra qualità-prezzo e per la reperibilità immediata, siamo su 45.000 bottiglie in questo millesimo. Perchè a volte i vini cosiddetti base sono così buoni? Credo dipenda dal fatto che sono fatti senza eccessvo stress, non si pensa alle guide, non si è presi dalla necessità di dimostrare qualcosa a tutti i costi, non si esagera nell’uso del legno. Bene, questo aglianico fa semplicemente, classicamente, finalmente, giustamente, saporitamente, deliziosamente, opportunamente, banalmente, sapientemente, i suoi dodici mesi in botte grande, il mio trattamento preferito da riservare all’Aglianico del Taburno e Irpino, poi sei mesi in barriques e tonneau di secondo e terzo passaggio e altri sei mesi di elevamento in bottiglia. Il risulato è nel giusto rapporto tra i tannini del legno e quelli della frutta, una freschezza assoluta che non fa pensare alla annata siccitosa, a quota 6,2 gradi, regalando al palato una sensazione anche di caldo e di compostezza grazie ad estratti non esagerati. Rosso rubino brillante, frutta rossa, spezie e tabacco,intenso e persistente sia al naso che in bocca, lo abbiniamo ad alcuni classici di carne, ai primi con il peperoncino e il pomodoro, a formaggi Laticauda non particolarmente stagionati. Un bel vinoquotidiano, adatto a tutte le tasche e a tutti i livelli di esperienza papillosa accumulata negli anni.

Sede a Torrecuso, contrada Rivolta. Tel. 0824.872921, fax 084.884007. www.fattorialarivolta.comEnologo: Angelo Pizzi. Ettari: 25 di proprietà. Bottiglie prodotte:120.000. Vitigni: aglianico, piedirosso, voda di volpe, fiano, greco.