Aglianico del Vulture Superiore Basilicata Docg 2011 | Voto 88/100

Letture: 270
Aglianico del Vulture Superiore Basilicata Docg 2011 Tenuta I Gelsi
Aglianico del Vulture Superiore Basilicata Docg 2011 Tenuta I Gelsi

Azienda Agricola Ofanto Tenuta I Gelsi
Uva: aglianico
Fascia di prezzo: 16,00 euro in enoteca
Fermentazione maturazione: acciaio e legno
Vista 5/5 – Naso 26/30 – Palato 26/30 – Non omologazione 31/35

Pasquale Bafunno e Ruggiero Potito sono due amici molto legati che condividono la stessa visione di una valorizzazione del patrimonio vitivinicolo lucano, inserito in un contesto territoriale a forte vocazione come quello del Vulture. Nel 2003 hanno fondato l’Azienda Agricola Ofanto Tenuta I Gelsi a Rionero in Vulture. Dieci gli ettari vitati e cinque le etichette prodotte per un plafond che raggiunge le sessantamila bottiglie.

Il fiore all’occhiello è rappresentato naturalmente dall’Aglianico del Vulture, che  che dalla vendemmia 2010 si fregia della denominazione Docg nella tipologia “Superiore” e “Superiore Riserva”, con immissione sul mercato almeno dopo tre anni dalla vendemmia (cinque anni per la Riserva).

Ho degustato l’Aglianico del Vulture Superiore Basilicata Docg 2011, che risponde pienamente ai requisiti del Disciplinare: fermentazione in acciaio e poi passaggio del vino in botti di rovere grandi per due anni ed un anno di affinamento in boccia. Il tasso alcolico è di quattordici gradi.

Controetichetta Aglianico del Vulture Docg 2011 Tenuta I Gelsi
Controetichetta Aglianico del Vulture Docg 2011 Tenuta I Gelsi

Rosso rubino intenso tendente al granato. Aromi varietali tipici di more, ribes, prugna, violetta, mallo di noce, pepe nero, chiodi di garofano, cioccolato, liquirizia e tabacco. U’intrisa avvolgenza minerale, sulfurea e tostata definisce e completa poi l’essenza olfattiva. L’impatto del sorso in bocca è potente, asciutto, carnoso e strutturato, ma è anche morbido ed elegante come da marker territoriale e connotato poi da una leggiadra finezza tannica che accarezza tutto il cavo orale. Bell’equilibrio palatale, con una superba tensione acida ed una salinità che esalta la bevibilità per un disegno finale godibile e persistente. Prezzo vantaggioso. Da conservare ancora a lungo. Da abbinare alla classica ed ottima cucina di terra lucana. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Rionero in Vulture (Pz) – Fraz. Monticchio Bagni – Contrada Paduli
Tel. 0972 080289 – Fax 0972 080288
info@ofantovini.itwww.tenutaigelsi.com
Enologo: Giuseppe Caviola
Ettari vitati: 10 – Bottiglie prodotte: 60.000
Vitigni: aglianico, malvasia e moscato