Agostino Iacobucci lascia la Cantinella di Napoli

Letture: 119
Giorgio Rosolino e Agostino Iacobucci

Ci sono notizie che non vorresti mai dare, altre che ti invecchiano.
Come questa.
Il sodalizio tra Giorgio Rosolino, storico patron della Cantinella,  e il giovane Agostino Iacobucci termina stasera.

La foto che vede è stata scattata da noi proprio all’inizio della loro avventura che ha portato alla riconquista della Stella Michelin che il locale aveva preso per primo a Napoli e poi perso.
La speranza è che da questo divorzio nascano due grandi esperienze anche se per noi, inguaribili romantici, sarà difficile accettare la nuova realtà.
I motivi, come in ogni divorzio, non hanno importanza.
Resta il fatto.

6 commenti

  • Antonio Scuteri

    (29 febbraio 2012 - 17:14)

    Ma porc….

  • luca pettinari

    (29 febbraio 2012 - 17:49)

    che peccato..dove va?

  • Marina

    (29 febbraio 2012 - 18:16)

    Agostino è uno chef di grande talento, sicuramente un punto di riferimento importante a Napoli. Ci sarà una nuova avventura con ottimi risultati.

  • Albert

    (29 febbraio 2012 - 18:58)

    Peccato, davvero peccato! Speriamo che Napoli città non perda anche il bravo Agostino.

  • Raffaele

    (29 febbraio 2012 - 20:57)

    I motivi hanno invece grande importanza; capisco la riservatezza, ma informare significa anche questo. Motivi legati alla cucina, alla gestione, questioni personali? Evidentemente c’era qualcosa che non andava tra Iacobucci e la Cantinella, da molti più che criticata.

  • miki

    (30 aprile 2012 - 01:40)

    ma chi è stu agostin ba…………ma li sa fare past aglie e uglio

I commenti sono chiusi.