Aldo Grasso: i giovani non sono abituati a lavorare? Il 25 aprile con Expo e Manpower

Letture: 103
Aldo Grasso, Expo e Manpower
Aldo Grasso, Expo e Manpower

Aldo Grasso, Expo e Manpower. Il critico televisivo del Corriere passa alla sociologia basandosi su una notizia poi risultata falsa, anzi falsificata dalla Manpower che sembra dover giustificare l’inefficienza da più parti denunciata con cui sta gestendo la partita Expo.
Secondo Grasso, la maggior parte dei giovani avrebbe rifiutato uno stipendio da 1300 euro e conclude: una generazione non abituata al lavoro.

Ascoltate l’incredibile pistolotto dopo aver sopportato anche la pubblicità che non si può saltare. Neanche un minuto e mezzo di cazzate. Forse lavoro sarebbe anche verificare le fonti.

 

Dunque, a parte che dalle migliaia di commenti in Rete emerge una realtà ben diversa, molto simile a quella di “fronte del porto”, con chiamate last minute, contratti rivisti al ribasso e a cottimo che non basterebbero manco a pagare il fitto di una stanza vicino l’Expo. A parte tutto il merito, dunque, mi colpisce la generalizzazione di Grasso: una generazione non abituata a lavorare.

Ecco, se posso fare un po’ di populismo, se c’è una generazione abituata al non lavoro è proprio la nostra, quella del baby boom intendo, con ferie, 13esima, 14esima, malattia pagata, baby pensionamenti anche a 45 anni fino a qualche tempo fa, e altri diritti (permessi, aspettativa, riposi etc) , direi a volte privilegi, che oggi non sono non dico immaginabili, ma persino impronunciabili per chi ha meno di 40 anni.

Giro da decenni per cucine e sale, vigne e aziende agricole e invece vedo tanti giovani che non si risparmiano, che viaggiano a proprie spese lavorando anche gratis in tutto il mondo per apprendere una professione che lo Stato non gli riesce a insegnare. Che sudano e si impegnano lavorando ben oltre le otto canoniche ore per 5 giorni alla settimana.

Certo, ogni generazione parla male della successiva, è l’invidia della giovinezza. Ma che queste chiacchiere da desco familiare si possano trasferire alla tribuna televisiva del Corriere lascia basiti.

Chiediamoci piuttosto, se l’Expo dove si faranno tanti bei discorsoni per nutrire il Pianeta in realtà non serve altro che a nutrire i conti in banca di chi sfrutta la forza lavoro togliendo il futuro al Pianeta. Pensiamo alla disperazione di chi ha studiato, fatto master di specializzazione, imparato una o due lingue e si vede offrire un lavoro a cottimo per sei mesi malpagato.

Un tempo la sinistra si sarebbe preoccupata di evitare che questa kermesse diventasse un esempio di sfruttamento. Ma perché scandalizzarsi se tra gli sponsor ci sono persino alcune multinazionali del cibo? Pecunia non olet, questo detto antico è la modernità renziana.

Ecco, chiediamocelo oggi, nel giorno della Liberazione. Forse non era questo nuovo mondo di schiavi che i partigiani volevano costruire.

4 commenti

  • Gabriele Nardocci

    (25 aprile 2015 - 09:51)

    Il Dottor. Grasso dice quello che dice perché semplicemente non conosce la realtà, ne direttamente ne indirettamente tramite i suoi figli; è come chiedere ad un non vedente di descrivere l’arcobaleno, non può farlo e la cosa è molto triste. Per entrambi.
    Scrivo brevemente la mia esperienza e quella di quasi tutti i miei colleghi di università, consapevole che è la solita storia comune alla maggior parte dei laureati in italia e quindi per nulla originale: dopo una laurea in architettura a Roma e due anni di lavoro in nero pagari ampiamente sotto i famigerati mille euro al mese, senza orari, ferie, malattia (lavorare nei fine settimana e la notte è da tutti considerato normale) ho dovuto emigrare in Svizzera dove al contrario di quello che si dice (favole della televisione…) nessuno ti regala nulla e devi ammazzarti di lavoro per emergere in un ambiente di fondo razzista e prevenuto perché sei italiano; gli altri miei colleghi che non sono andati via continuano a sopravvivere, a lavorare come muli o a scendere a compromessi ai limiti della legge (ed oltre!) per tirare fuori qualche soldo ogni mese.
    Tornando a Expo, diciamolo francamente, questi vogliono che si lavori gratis o quasi. Fine.

  • carmine

    (25 aprile 2015 - 10:50)

    La vera atrocità’ e’ aver lottato per una vita in modo da poter consegnare un mondo migliore ai nostri giovani e ritrovarsi invece job acts e Grasso. Estremizzo allora, condannando senza appello Expo: operatori della enogastronomia di tutto il mondo unitevi.

  • marco contursi

    (25 aprile 2015 - 12:14)

    Lascio rispondere a De Filippo ad Aldo Grasso: Aldo Grasooooooooo https://www.youtube.com/watch?v=gkrnK0igAP0

  • giancarlo

    (25 aprile 2015 - 14:50)

    le generalizzazioni di chi non è abituato a lavorare…

I commenti sono chiusi.