Alessandra 2003 Fiano di Avellino docg

Letture: 98

DI MEO

Uva: fiano di Avellino
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Roberto discreto e gentile ha fatto un Fiano potente giocando sui tempi lunghi, memore di una degustazione nel corso della quale si viaggiò indietro nel tempo sino al 1990. Nasce con questo vitigno, e si vede: la nuova selezione, una vendemmia tardiva realizzata nella fredda Irpinia nell’anno più siccitoso vissuto dalla viticoltura italiana e campana, si impone subito al naso con fruttato e mandorla intenso e persistente, ma soprattutto con una spinta acida molto decisa, stupefacente, in bocca dove il vino conquista il palato grazie ad una struttura solida e un finale amarognolo, pulito. Un Fiano di territorio, classicamente lavorato esclusivamente in acciaio, che abbiamo abbinato, una tantum, ad una mozzarella di bufala con grande soddisfazione: Alessandra rientra nella new wave cavalcata da Roberto dopo il 2000, giocando cioé maggiormente sulla concentrazione della frutta senza però rinunciare alle caratteristiche tipiche del vitigno. Riteniamo che questo sia il periodo migliore per stapparlo. Roberto lavora in azienda con la sorella Erminia e il vulcanico fratello Generoso reduce dal successo della presentazione parigina del calendario in cui ha messo in campo le sue articolate relazioni personali costruite con la simpatia e la forza delle idee: grazie a questo solido rapporto fra i tre fratelli la Di Meo si conferma una delle realtà più interessanti e rappresentative dell’Irpinia..

Sede a Salza Irpina, Contrada Coccovoni. Tel. 0825.981419. Sito: www.dimeo.it. Enologo: Roberto Di Meo. Ettari: 25 di proprietà. Bottiglie prodotte: 500.000. Vitigni: aglianico, piedirosso, fiano di Avellino, Greco di Tufo, coda di volpe e falanghina.