Amalfi, Lido Azzurro

Letture: 487
Lido Azzurro, Amalfi dai tavoli del terrazzo

Lungomare Cavalieri
Tel. 089 871384
www.ristorantelidoazzurro.it
Giorno di chiusura il lunedì. In luglio ed agosto è sempre aperto.

La Costiera è bella sempre, ma questi mesi di risveglio vitale sono forse i migliori per godersela. Quando siamo ancora fuori dalla liturgia estiva, poco traffico. Nell’aria i profumi del mare e della macchia mediterranea, le case colorate dal cielo.
E’questo il momento in cui mi concedo un po’ di relax e Lido Azzuro, nel cuore del porto dell’ex repubblica marinara, è sicuramente un approdo sicuro.

Lido Azzurro, carpaccio di ricciola

Si tratta di una linea di cucina semplice, tradizionale, supportata però da una selezione decisamente pignola di matere prime. Dal pesce all’orto, all’olio: oltre mezzo secolo di ristorazione in un luogo che ha ospitato praticamente tutte le persone del mondo fa la differenza.

Lido Azzurro, carpaccio di carciofi e gamberetti

Proprio questa linea essenziale, mediterranea e contemporanea, aiuta la testa a stare tranquilla mentre il palato gode nel risentire i sapori di un tempo decisamente migliorati, più precisi e intensi.

Lido Azzurro, pesce spatola in carrozza con zucchine

La cucina segue dunque un po’ il corso stagionale della pesca e delle coltivazioni. La cantina è abbastanza ampia con il meglio della Campania, Italia e Champagne.

Lido Azzurro, il tonno

E non mancano i ritorni di piatti per molto tempo lontani dalle cucine pubbliche ripresentati con la giusta consapevolezza.

Lido Azzurro, mezzi paccheri al pomodorino del piennolo

 

Lido Azzurro, la Genovese servita dalla padella

 

Lido Azzurro, ziti alla Genovese

La Genovese è bella classica, eseguita alla perfezione e si riallaccia alla cultura della cucina di casa napoletana molto ben presente ad Amalfi.
Via con il trittico di pasta lunga.

Lido Azzurro, spaghetti al nero

 

Lido Azzurro, linguine ai calamaretti spillo

 

Lido Azzurro, spaghetti Vicidomini con noci, alici e colatura di Cetara

Tecnica e al tempo stesso semplice la zuppetta di pesce.

Lido Azzurro, zuppetta

Amcora materia prima in risalto.

Lido Azzurro, calamari arrostiti

I dolci sono quelli tradizionali, ben eseguiti.

Lido Azzurro, cioccolato e amarene

 

Lido Azzurro, migliaccio dolce e fragole

Insomma, su questa terrazza sul mare dove i prezzi sono decisamente abbordabili (infatti qui il pubblico è misto, stranieri e italiani) si sta benissimo, Antonio Pisani detto Bijoux è il Luciano Zazzeri del Sud. Questa essenzialità materia ne fa una tappa obbligata anche per Ducassa quando viene in Costiera. E’ bello iniziare a pranzare tardi in orario napoletano e poi scapolare sino al tramonto.

Lido Azzurro, uno scorcio del porto

Un commento

  • Giuseppe Capece

    (29 marzo 2014 - 09:23)

    Ci sono stato e si mangia veramente, ma veramente bene. Lo consiglio a tutti gli amici del Pigna.
    Un saluto allo staff del Lido Azzurro.

I commenti sono chiusi.