Amarone e Valpolicella Dal Forno in verticale a Borgo Egnazia

25/6/2017 415
Amarone Romano Dal Forno
Amarone Romano Dal Forno

di Andrea De Palma
Ci voleva Giuseppe Cupertino del Fis Puglia per portare in Puglia un’approfondita dell’Amarone di Romano Dal Forno e, l’occasione é ghiotta e imperdibile per un curioso come me, nonché amante del vino.

Tutto questo avviene a maggio, nella splendida location a Borgo Egnazia. A presentare la serata uno inossidabile Cupertino, con Marco Dal Forno in rappresentanza di tutta la famiglia. E, aldilà della bella serata e piacevolezza dei vini spicca l’ennesima eccellenza italiana, di una famiglia che da zero, riesce a creare un marchio affermano nel mondo.

Poi possiamo anche dibattere che, costa troppo, è un Amarone oltre lo stile classico del territorio, fatto sta che come un suo simile in Abruzzo, un certo e indimenticabile Gianni Masciarelli, ha fatto scuola e, ha contribuito a divulgare oltre confine non solo il marchio aziendale, ma anche un territorio e un metodo di lavorazione stracopiato da tutti; poi, può anche non piacere, ma è così… e ci stà.

Amarone a Borgo Egnazia
Amarone a Borgo Egnazia

Una storia come tante, di una famiglia che parte dal nulla e, i sogni del capo famiglia che rasentano l’assurdo. Ma Romano Dal Forno, pochi soldi e tante speranze, ci prova e vince.

Marco Dal Forno
Marco Dal Forno

Tutto inizia verso la fine degli anni ottanta, quando il giovanissimo Romano, assieme alla moglie decide di mettere a frutto la sua passione per il vino e, con pochi soldi e tante speranze, inizia a raccogliere bottiglie vuote dai vari ristoranti per poter imbottigliare il poco vino ottenuto dalle poche vigne di proprietà.

Squadra fondazione con Dal Forno
Squadra fondazione con Dal Forno

La spinta propulsiva a migliorarsi arriva da un colloquio con lo storico Quintarelli e, da li a pochi anni, prima all’estero e poi in Italia, arriva il successo.

Nel 2001, Romano rilancia con un grosso investimento in cantina, tecnologia e innovazione sono di casa, per garantire la massima conservabilità del frutto e le migliori condizioni per un perfetto appassimento delle uve. Nulla è lasciato al caso e non potrebbe essere altrimenti in una realtà famigliare dove la parola d’ordine è proprio “perfezione” e una caratteristica saliente è la lungimiranza, sempre con i piedi ben saldi a terra. Obiettivo imprescindibile e qualità assoluta vendere il vino alle persone giuste.

Amici di vino Andrea De Palma e Fabio Manca
Amici di vino Andrea De Palma e Fabio Manca

Le degustazioni dei vari vini mi raccontano una storia abbastanza chiara; le prima annate di Romano, mostrano una molto artigianale e un’inevitabile variabilità gustativa dovuta ai millesimi e, con la speranza –ripagata- di poter reggere negli anni.

Borgo Eganzia - Degustazione az Romano dal Formo
Borgo Eganzia – Degustazione az Romano dal Formo

Con l’ingresso attivo dei figli nella gestione dell’azienda e con il perentorio obiettivo di penetrare mercati dell’alta società, si mettono a punto tecniche di lavorazione e di affinamento, che sono molto chiare e nette nel bicchiere, a partire dal cambio dei legni di affinamento; indubbiamente tutto positivo, ma a primo impatto l’impressione è di avere nel bicchiere un vino di grande eleganza e notevole struttura, sicuramente longevo, che può essere anche Amarone. Sicuramente tanta materia è tanto frutto ma tutto avvolto da spezia di botte, e poi tabacco, radice di china, liquirizia e tanto altro.

Per introdurci alle tecniche aziendali, partiamo con i Valpolicella con appassimenti lunghi come il fratello maggiore di circa 25 giorni, tutti i terreni sono sciolti e di origine alluvionale con ghiaia pulita, quindi perfetto drenaggio e umidità assicurata.

Degustazione Romano Dal Farno - relatori e chef
Degustazione Romano Dal Farno – relatori e chef

Tutti i bicchieri erano marcati Tutti da note di arancia amara, dovuta sicuramente al vegetale diffuso che rinfresca assieme al frutto come la ciliegia e la mora matura e, la salinità che arricchisce e risveglia il palato.

Amarone dal forno note di colore
Amarone dal forno note di colore

Valpolicella  2011
Primo impatto molto suadente con liquirizia, floreale, bella la spezia della barrique, con fondo di sapidità e succulenza di frutto, il tannino si fonde al caffè.

Valpolicella Romano Dal Forno 2011
Valpolicella Romano Dal Forno 2011

Valpolicella 2010
Qui il tabacco gioca con l’amarena e con il cardamomo, macis e cacao, per passare al caffè. Molto diverso dagli altri sfoggiando un’eleganza nobiliare. Grande struttura nel sorso, con tannino ben fatto, piacevolissimo, ritorno amaricante quasi vegetale, che rinfresca, fatto di frutto e succulenza. Un vino che berrei sicuramente, meno allineato al gusto modaiolo. Il finale è intriso di liquirizia.

Valpolicella Romano Dal Forno 2010
Valpolicella Romano Dal Forno 2010

Valpolicella 2007
Approccio olfattivo molto elegante, radice di china, inchiostro, boisè pulito, con espressività contenuta ma efficace. In seguito i profumi si arricchiscono di cacao e note mentolate e balsami. Il sorso evidenzia un tannino fresco e vivace, con un finale che si distende bene con frutto.

Valpolicella Romano Dal Forno 2007
Valpolicella Romano Dal Forno 2007

Amarone 2011
Il naso inchiostro china, mora matura, note di marasca matura, gelso rosso e finale sanguinolento, il colore macchia paurosamente, eleganza assoluta con alcol sommesso. Al gusto si mostra subito con alcol, poi seguono note tabaccose e tannino imponente, tanta succulenza di frutto, e poi prende il sopravvento la barrique nuova di rovere francese. Il gusto ha un’acidità spaventosa, succulenza di frutto e sapidità infinita. Notevole è la trama tannica che deve ancora fondersi alle componenti morbide. Sono vini che si berranno fra vent’anni.

Valpolicella Romano Dal Forno 2011
Valpolicella Romano Dal Forno 2011

Amarone 2010
Un vino che si concede subito con canfora, eucalipto, note mentolate e balsamiche, poi arriva l’amarena dolce e il cioccolato. Trama gustativa setosa, tannino vivace e ancora da definirsi e distendersi. Buona la spalla acida ben amalgamata al frutto ma non si allunga al gusto.

Amarone Romano Dal Forno 2010
Amarone Romano Dal Forno 2010

Amarone e 2006
Un annata definita medio/buona. Si apre con difficolta al naso, ma s’intravede eleganza da vendere. Le prime a emergere sono le note di  cuoio, che anticipano un eleganza oltre la media, fine fluente al sorso con amarena che si fonde al floreale, questo è davvero un bel vino e si legge netta la mano artigianale di Romano. Il gusto avvolge il palato di note salmastre e pepe, con cioccolato amaro, tanta acidità esplosiva, con tanto frutto e il tannino nobile perfetto, ricco, sincero, molto lungo e mentolato.

Amarone Romano Dal Forno 2006
Amarone Romano Dal Forno 2006

Una nota di classe comune in tutti vini è il sentore di buccia di arancia candita con cioccolato.

Se siete arrivati alla fine di questo racconto vuol dire che amate molto l’Amarone. Personalmente lo bevo accompagnato da cioccolato amaro e sigaro toscano originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *