Anche a Forte dei Marmi lo scontrino fiscale è un optional

Letture: 217
Scontrino o non scontrino

di Leo Ciomei

Beh, ci sono cascato anch’io ! Niente di grave, per carità, ma pur leggendo e scrivendo di ristoranti e gastronomia, non mi era mai capitato di ricevere il famigerato falso scontrino.

Domenica sera, giornata ventosa, cosa c’è di meglio che una passeggiata in centro a Forte dei Marmi, ridente cittadina versiliese stereotipo del lusso italiano ? C’è gente che viene qui solo per veder passare in braghette il Vippume televisivo o calcistico, Parietti o Galliani, Panicucci o Moratti. Tutti personaggi che però la domenica rimangono reclusi nei loro blindatissimi stabilimenti balneari e si guardano bene dall’andare in centro.  

La Parietti alle prese con i problemi quotidiani. La spesa.. no, la scelta

Era un po’ che non venivo a camminare qui fra le vetrine di vestiti, scarpe e gioielli e per aggiornarmi dovrò acquistare quanto prima il libro dello scrittore Fabio Genovesi, Morte dei Marmi, che narra la decadenza della cittadina. Credo che il buon LorenzoViani sia rimasto uno dei pochi autoctoni a gestire un locale qui in centro, il resto è in mano alle solite grandi firme della moda e a investitori esterni

Forte dei Marmi dal mare

Per non fare sempre il solito spocchioso rinuncio ad ogni velleità gastronomica e mi asseggiolo (licenza poetica toscana) nella piazzetta centrale ai tavoli traballanti di un bargelateriapizzeriapanineriaeccecc. Lo so che sono locali per turisti della domenica, in particolare stranieri, ma che ci volete fare, a volte dobbiamo farci del male.   Maffi, che è un habitué della zona, dopo questa visita come minimo mi toglie il saluto per una settimana.

Il libro Morte dei Marmi

Colpisce innanzi tutto la freddezza della cameriera, russa direi (l’avreste detto?): non fa un sorriso nemmeno se le racconti tutto il film “Vacanze di Natale a Vladivostok” ! che ci volete fare, sono abituate così, amici mi raccontano che anche nell’intimità il massimo della soddisfazione è sentirle sussurrare tre volte la parola “da” ma non sono sicuro se canticchiano la canzone DaDaDa o si divertono.. mah!

Tipica villa fortemarmina per russi

Sbrigative ordinazioni per due coppette di gelato (tre gusti), un panino con la cotoletta e una pizza al prosciutto crudo, accompagnate da una bottiglietta d’acqua e una CocaCola, tutto regolarmente in visione sul menù. Prezzi medi per la tipologia del locale ma siamo al Forte !

Panino gommoso e cotoletta riscaldata, gelato alla frutta dove mi dicono non si distingueva la mela dal pistacchio (però con inserito il bastoncino girandola che con il vento andava a tutta birra) e piccola pizza surgelata che ho digerito stamani. Tutto nella norma. Ah, l’acqua era a temperatura ambiente: chissà, magari una gentilezza visto che tirava un forte vento e la temperatura si era abbassata ?

Chiedo il conto, pago senza controllare (sì, è sbagliato ma anche il blogger è un uomo) e metto in tasca lo scontrino. Al successivo controllo vedo che la CocaCola è costata “solo” euro 4,50 e che lo scontrino fiscale NON è uno scontrino fiscale.

Siamo in Italia, MareMonti ne deve fare di strada ancora.

5 commenti

  • Giancarlo Maffi

    (25 luglio 2012 - 19:15)

    Un fortemarmino DOC potrebbe risponderti che te la sei andata a cercare e ti sta bene. Io invece ti spiego due cose: al forte vige il listino doppio:,quello del turista e quello del locale. Questo inverno al Giardino, per non fare nomi, due the e quattro biscottini sono costati prima 13 euri, poi a rimostranze fatte, una volta 6 e’un’altra addirittura 4.50. Al fortino, ristorantino di moda li’ a fianco frequentato da lecca-lecca Fede , in inverno due piatti di gnocchi con scampi e due acque 30, in estate 40 pero’ sempre con bigliettino scritto a mano e pacca sulle spalle. la verita’ vera e’ che sapevi che sarebbe andata cosi’ ma era il dazio che dovevi pagare per scrivere in bel pezzo di colore:-)

  • gaspare

    (25 luglio 2012 - 20:11)

    ma è più grave ordinare cocacola o fare evasione fiscale? direi senz’altro la prima

    • leo

      (25 luglio 2012 - 20:28)

      Il bimbo, Gaspare, il bimbo.. :-)

  • giuseppe tassone

    (26 luglio 2012 - 15:28)

    H0 soggiornato fine Giugno,poco lontano a Lido di Camaiore e gli unici scontrini che sono riuscito ad ottenere,li devo al fatto che considerando il mio aspetto e la mia cadenza sfacciatamente partenopea,venivo scambiato spesso per un agente della Finanza in incognito!

  • Amedeo Trezza

    (28 luglio 2012 - 13:53)

    Senza troppi giri di parole basta dire che lissù sono dei ladri e basta.

I commenti sono chiusi.