Anteprima Merano Wine Festival a Napoli, ecco le novità

Letture: 102

il Presidente di Merano Wine Festival, Helmut Koecher e il giornalista Dante del Vecchio

di Giulia Cannada Bartoli

Merano Wine Festival 19ma edizione: ritorno alla sobrietà. Il Presidente di MFW Helmut Koecher è arrivato a Napoli per presentare presso La Feltrinelli, insieme al Dante del Vecchio, storico collaboratore della manifestazione, tutte le novità dell’edizione 2010 che si svolgerà a Merano dal 5 all’ 8 novembre con un pre – opening il 4 dedicato alla degustazione e premiazione dei vini di montagna del Cervim. Presenti molti dei produttori selezionati e addetti ai lavori.

L’evento, ha spiegato Koecher, sarà meno “spettacolare” e molto più sostanzioso, con grande attenzione alle reali eccellenze vinicole e gastronomiche dei territori di tutte le regioni italiane, attraverso l’organizzazione di seminari e approfondimenti con degustatori selezionati che assaggeranno  sia, i vini, sia i piatti preparati dagli chef nell’Arena Gourmet, in partnership con i Jeunes Restaurateurs d’Europe. Nell’arena si alterneranno ogni giorno soli tre chef selezionati tra Campania e Trentino Alto Adige, a rappresentare la nostra regione: Alfonso Caputo di Taverna del Capitano di Massa Lubrense,  Angelo D’amico del Barry’s di Montesarchio, Francesco Sposito di Taverna Estia di Brusciano, Renato Martino del Vairo al Volturno e Berardino Lombardo di Terre di Conca di Conca della Campania.

Alfonso Caputo di Taverna del Capitano a Massa Lubrense

Al termine delle performances quotidiane, una “sfida” tra gli chef delle due regioni. Grande crescita della presenza vinicola campana: 5 aziende nel 1992, 19 oggi. Il Festival mantiene sostanzialmente lo stesso format delle passate edizioni con alcune novità: la presentazione dell’azienda con i vigneti più alti del mondo, a 3.111 mt sul livello del mare, si tratta di una cantina argentina con vigne in Patagonia. Altro record è quello dell’azienda con i vigneti a maggior pendenza in Europa: siamo in Germania nella regione della Mosella con vigneti al 70% di pendenza. Grande attenzione quindi alla viticoltura di qualità.Massima internazionalizzazione con una cantina che arriva dall’India e vanta un’enologo star: Michel Rolland. La prima parte del programma del primo giorno è dedicata ai vini biodinamici con 50 cantine espositrici. L’area Culinaria dedicata alle tipicità di eccellenza nazionali vedrà circa 90 aziende partecipanti( minor numero rispetto alla scorsa edizione). Le altre novità di quest’ anno sono una sezione dedicata alla birra, BeerPassion,  con 12 birrifici partecipanti e un’area dedicata ai Wine Resort, dove  13 produttori di vino selezionati per MWF 2010 e, allo stesso tempo, titolari di un WineResort presenteranno il proprio “gioiello” dell’ospitalità d’eccellenza agli amanti del vino, del buon gusto e del piacere di viaggiare.Tutte le informazioni sul sito del festival www.meranowinefestival.com