Dove mangiare in Italia? Yelp non ha dubbi: Da Michele e da Sorbillo a Napoli

Letture: 237
Da Michele Via Sersale Francesco e Salvatore Condurro
Da Michele Via Sersale Francesco e Salvatore Condurro

La pizza napoletana trionfa nella classifica dei locali dove mangiare in Italia.
Ai primi due posti Antica Pizzeria Da Michele in via Sersale e Gino Sorbillo in Via dei Tribunali.

Gino Sorbillo al primo posto tra i locali di Napoli per Yelp
Gino Sorbillo al primo posto tra i locali di Napoli per Yelp

“La pizza, quella fatta a Napoli, trionfa nella classifica dei locali per mangiare più amati dalla comunità di Yelp, il sito dedicato alle recensioni su locali e attività commerciali e professionali”.
A darne notizia il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e Gianni Simioli, conduttore de La radiazza aggiungendo che “ai primi due posti della classifica ci sono le pizzerie Da Michele e Sorbillo, due istituzioni della tradizione culinaria italiana”.
“La classifica di Yelp, basata sulle recensioni degli utenti, porta un altro importante riconoscimento alla tradizione culinaria napoletana” hanno aggiunto Borrelli e Simioli per i quali “questo riconoscimento conferma la necessità di tutelare la pizza napoletana dalle tante imitazioni che usano la fama mondiale della nostra pizza per vendere invece prodotti che poco o nulla hanno a che fare con la nostra tradizione”.

Ma ecco la classifica

Ecco la classifica completa

L’Antica pizzeria – Da Michele

Sorbillo

Mercato centrale

Open Baladin

All’antico vinaio

Le vespe café

Johnny Bruschetta

Pasticceria Giorgio

Dolce Lab

I due fratellini

3 commenti

  • Francesco Sansone

    (11 febbraio 2016 - 23:38)

    Pasticceria Giorgio? Ma davvero? Sarei proprio curioso di sapere quanti sono i fiorentini votanti sul totale, che comunque dev’essere un numero basso visto che questo risultato è stato raggiunto con poche decine di voti. Non credo sia rappresentativo. A chi non si fida di quel che dico propongo di assaggiare un bignè di quella pasticceria ed uno della vostra pasticceria preferita, per esempio di Napoli, oppure una fetta di schiacciata alla fiorentina ed una di caprese, anche semplicemente fatta in casa (e non sto dicendo di pastiera…). Poi mi direte. Ma siamo sicuri che dare visibilità a queste classifiche debolucce faccia bene? E poi, che cosa cambierebbe rispetto ad una classifica di tripadvisor?

  • Maddalena G

    (12 febbraio 2016 - 11:05)

    Ci sono delle differenze rispetto al altri sistemi.
    1- Le votazioni della classifica sono locali, da parte di persone che vivono la città e non viaggiatori.
    2- Tutte le votazioni si avvalgono di un “filtro”. Non vengono conteggiate tutte quelle opinioni non ritenute affidabili dal software che incrocia i dati, mancanza di foto, localizzazioni anomale ed una serie di altri fattori.
    3- E’ una community on line e off line sempre attive grazie agi eventi nelle principali città di oltre 30 paesi nel mondo.
    4- Esiste una squadra di membri elite attivi sul territorio.

  • Francesco Sansone

    (12 febbraio 2016 - 17:20)

    Resto ancora poco convinto.
    1-Ritengo non sia un pregio, anzi. Forse chi ha girato e fatto confronti ha un giudizio più consapevole.
    2-L’unica foto realmente utile sarebbe quella dello scontrino, come prova.
    3-Non capisco come questo possa accrescere l’attendibilità del giudizio.
    4-Ecco un possibile spiegazione. Forse il risultato dipende solo da quanto sia attiva una certa squadra locale.

I commenti sono chiusi.