Antonio Librandi è scomparso

Letture: 159
Antonio Librandi (foto di Giovanni Gagliardi)

Una simbiosi perfetta tra i fratelli Antonio e Nicodemo è stata la chiave del successo della Cantina Librandi, diventata la bandiera del vino calabrese in Italia e nel mondo.

Una simbiosi che fisicamente è terminata questa notte con la scomparsa di Antonio, 80 anni, impegnato soprattutto nel creare la giusta rete di rapporti locali mentre Nicodemo viaggiava in lungo e largo per l’Europa facendo conoscere il suo vino.

Una giornata triste per il mondo del vino italiano, ma i figli Raffaele, Walter, Daniele, Francesco e Teresa hanno sotto gli occhi quello che il loro papà è riuscito a costruire con lo zio.

Siamo vicini a loro, ai familiari tutti e abbracciamo il nostro caro amico Nicodemo.

 

5 commenti

  • Francesco Mondelli

    (27 ottobre 2012 - 15:26)

    Appresi la notizia delle gravi condizioni di salute di Antonio alla premiazione dei tre bicchieri quando fu annunciata l’assenza di Nicodemo dovuta propio all’aggravarsi dello stato di salute del fratello.Alle condoglianze alla famiglia tutta aggiungo l’auspicio,già anticipato da Giulia,che la famiglia tutta rimanga unita per fare sempre più grande il vino calabrese.

  • Franco Ziliani

    (27 ottobre 2012 - 19:37)

    Non c’é alcun dubbio che anche ora, dopo la scomparsa di Tonino, la forza dei Librandi sarà anche nella grande coesione familiare, in quella unione di intenti e di impegni, di lavoro, di sacrifici, di progetti e ambizioni, che hanno reso straordinari la storia ed il percorso di questa azienda esemplare

  • Antonio Ciccarelli

    (29 ottobre 2012 - 10:51)

    Sono vicino a Nicodemo e a tutta la famiglia Librandi per il grave lutto che li ha colpiti. Sono certo che gli eredi continueranno con passione il lavoro di valorizzazione della viticoltura Calabrese che i fratelli Librandi intrapresero da pionieri in tempi non meno difficili di quelli attuali.

  • lalla

    (29 ottobre 2012 - 15:54)

    Condoglianze per la Famiglia Librandi.
    Le parole del vicepresidente della Regione Calabira sono riuscite a rendere cristalli molti pensieri:
    “Antonio Librandi è stato un modello per l’intera famiglia e ha dato, con suo fratello Nicodemo, il nome all’azienda vinicola che ha ottenuto negli anni importantissimi riconoscimenti internazionali e nazionali, ed il premio di “Gambero rosso” come Viticoltore dell’anno a lui assegnato neanche un mese fa, è stata l’ultima affermazione che ha onorato non solo l’azienda, ma l’intera provincia di Crotone, per la quale ha rappresentato una perla rara di produttività e successo” http://www.vinievino.com/news/antonio-librandi-si-e-spento-il-fondatore-di-cantine-ciro-245.html

  • antonio-sommelier

    (2 novembre 2012 - 08:29)

    in alto i calici per salutare chi del vino ne ha fatto la sua vità.
    grazie per la forza ed il coraggio di vooler rappresentare in tempi lontani la calabria in italia e nel mondo

I commenti sono chiusi.