Antonio Petrone per Rummo | Spaghetti con colatura di alici di Cetara, nocciola Tonda di Giffoni ed erbette del Monte Stella

Letture: 1195
Spaghetti con colatura di alici di Cetara, nocciola Tonda di Giffoni ed erbette del Monte Stella
Spaghetti con colatura di alici di Cetara, nocciola Tonda di Giffoni ed erbette del Monte Stella

Vi proponiamo un primo piatto che Antonio Petrone del ristorante Pensando a Te di Baronissi ha pensato per pasta Rummo.

Spaghetti con colatura di alici di Cetara, nocciola Tonda di Giffoni ed erbette del Monte Stella
Spaghetti con colatura di alici di Cetara, nocciola Tonda di Giffoni ed erbette del Monte Stella

Spaghetti Rummo con colatura di alici di Cetara, nocciola Tonda di Giffoni ed erbette del Monte Stella

Di

Ingredienti per 4 persone

  • 320 gr di Spaghetti Grossi Rummo n. 5 Lenta lavorazione
  • 4 cucchiai di colatura di alici di Cetara Metodo tradizionale presidio Slow Food
  • 20 nocciole Tonde di Giffoni Igp
  • Olio evo Colline Salernitane Dop
  • 2 fettine sottili di aglio
  • Prezzemolo q.b.
  • erbe spontanee del Monte Stella
  • timo, rosmarino, origano, santoreggia, maggiorana, finocchietto selvatico
  • buccia di limone Sfusato

Preparazione

Tempo di preparazione: 12 minuti
In una bastardella di acciaio o una bowl di vetro ponete sul fondo un filo di olio evo, aggiungete le due fettine di aglio novello, il prezzemolo e la colatura di alici di Cetara e lasciate insaporire per qualche minuto.
Nel frattempo calate gli Spaghetti Grossi Rummo in acqua rigorosamente senza sale portandola a cottura al dente (circa 11 minuti), versatela appena pronta nella bowl con l’intingolo precedentemente preparato, dove avrete aggiunto le nocciole di Giffoni spezzettate, un mestolino di acqua di cottura e le erbette del Monte Stella. Mantecate energicamente il tutto e servite ben caldo.

Vini abbinati: Selva delle Monache Bianco Ettore Sammarco

Un commento

  • fcolace francesco

    (22 ottobre 2015 - 12:39)

    …..grande cuoco….. grande equilibrio….grande piatto…..e tanto amore per il territorio.

I commenti sono chiusi.