Ara Mundi 2001 Galluccio rosso Riserva doc

Letture: 348

TELARO
Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

La 2001 si conferma grande annata con una lunga storia ancora da raccontare sia per quanto riguarda i rossi che i bianchi. Come questa dell’Ara Mundi, un aglianico ancora estremamente nervoso, esuberante, deciso, in cerca del giusto equilibrio tra la enorme spinta di freschezza regalata dal vitigno e dal suolo vulcanico, i tannini ancora non completamente risolti e l`alcol. Vendemmiato a fine ottobre, l’aglianico dopo la fermentazione riposa nelle barrique di rovere per almeno 18 mesi. Siamo al vino di punta dell’azienda, una versione certamente moderna dell’aglianico che con il passare degli anni emerge in tutta la sua piena personalità. L`aglianico di Roccamonfina si conferma con un varietale molto caratterizzato, immediatamente riconoscibile: sicuramente un esempio del buon lavoro svolto nel corso degli anni dai fratelli Telaro, una realtà consolidata nel panorama vitivinicolo meridionale al confine tra il Lazio e la Campania. Lo berremo su capretti e agnelli, oppure sulla carne del ragù ossessivamente tirato per molte molte ore da pazienti mqssaie di campagna. Magari nel bel ristorante dell’azienda, uno dei più completi agriturismi della Campania, tra le poche cantine capaci di offrire ospitalità e ristoro.
Sede a Galluccio, Via Cinque Pietre. Tel. 0823 925841, fax 0823 925021. E mail: info@vinitelaro.it, sito www.vinitelaro.it. Enologo: Pasquale Telaro. Ettari: 40 di proprietà più 10 in conduzione. Bottiglie prodotte: 450.000. Vitigni: falanghina, greco, fiano, sauvignon, aglianico, piedirosso, barbera.