Ascea Marina, Cilento. Il Poseidonia Beach Club, spiaggia da mangiare

Letture: 486
Gianni Rizzo

“Sun and moon” questo è il motto di Gianni Rizzo, giovane ed affermato commercialista in massima parte dell’anno e operatore turistico nei mesi estivi, patròn del beach club Poseidonia di Ascea Marina.

Un servizio no stop, night and day, che è ininterrottamente fornito agli affezionati clienti durante la calda estate cilentana. Un locale innovativo, elegante, raffinato ed esclusivo, che questo intraprendente imprenditore ha voluto realizzare proprio nel pieno centro del lungomare di Ascea Marina, sfidando anche le perplessità e le ritrosie dei suoi concittadini e dotandolo poi di tutti i servizi necessari. Da fuori la struttura sembra uno dei tanti anonimi lidi balneari della costa, ma invece dentro nasconde tante sorprese riservate agli abituali frequentatori.

Poseidonia Beach Club

Un luogo che offre un approccio polifunzionale e che rende questo locale una vera oasi di divertimento, di piacere e anche di relax. La scelta è di vivere il mare notte e giorno, con una spiaggia attrezzata con i più moderni comfort e che rappresenta il luogo ideale d’incontro per giovani e le famiglie con i loro bambini, cui è dedicata un’apposita area giochi. Una volontà, quindi, di definire una nuova idea di spazio e di tempo per vivere il mare.

Ed a premiare gli sforzi di Gianni è stato un prestigioso riconoscimento a livello nazionale, che si è guadagnato il 15 ottobre scorso a Rimini, dove si è tenuta la manifestazione nazionale annuale del SIB (Sindacato Italiano Balneari). Pensate che su 35mila strutture partecipanti il beach club Poseidonia ha ottenuto il terzo posto nella classifica generale e addirittura il primo in quella della progettualità. Un risultato veramente impensabile e sorprendente per tutto il comparto turistico cilentano ed anche stimolante per un’ulteriore forte crescita di tutto il territorio.

Pesce con insalata

Durante il giorno qui si può nuotare nel limpido mare, ci si abbronza sotto il sole, ci si riposa sotto gli ampi ombrelloni, si prende parte ai giochi in spiaggia o in acqua, come l’acquagym, il beach volley, il beach tennis e lo spinning, si può sorseggiare una bevanda, un drink o una coppa di spumante, ci si può languidamente rilassare nella capiente vasca d’idromassaggio, si può mangiare al ristorante tradizionale, curato dal bravo chef Nicola Di Nicuolo, con ottimo menù e ampia carta dei vini, oppure assaggiare una gustosa pizza, cotta col forno a legna.

Alici con peperoni

Se si vuole vivere un’esperienza diversa ed entusiasmante, poi, si può frequentare il ristorante giapponese (unico del Cilento), posizionato sulla vasta terrazza.

Il Poseidonia beach club interpreta la cucina del Sol Levante e si propone come ponte culturale per un migliore apprezzamento delle prelibatezze che appagano gli occhi e il palato degli ospiti. Sapori orientali unici, nati da abbinamenti ricercati e naturali allo stesso tempo, si uniscono alla sicurezza nell’utilizzo del pesce fresco pescato lungo le coste del Cilento e proveniente solo da fornitori garantiti della zona. L’attenzione per il dettaglio, la particolarità e la prelibatezza del pesce crudo servito con osservanza delle norme igienico-sanitarie, rendono sicura ed indimenticabile una cena a base di sushi e sashimi in riva al mare.

Il sushi

Al calare del sole, poi, il club mostra la sua vera natura di lounge bar e, grazie ad un’atmosfera incantata ed un panorama strepitoso, offre ai fidelizzati clienti ed amici una location unica per gustare i suoi rinomati aperitivi, su comode poltrone posizionate di fronte al mare sulle pedane della spiaggia e contornate da fiori sempre freschi, piante e giochi d’acqua.

Frutta fresca

E non solo, questo club è l’ideale poi per ogni occasione: una cena tra amici, un momento romantico o una colazione di lavoro, un’unione tra gastronomia, arte e musica. In proposito non mancano eventi coinvolgenti, come il cinema on the beach per grandi e piccini, shopping by night, serate musicali, mostre di fotografie, di scultura di pittura e di artigianato locale, corsi di cucina, degustazioni enogastronomiche e di olio a tema, sfilate di moda, danze e balli esotici, presentazioni di libri, recite teatrali, giochi di società e di cultura generale, caccia al tesoro, servizio di biblioteca sulla spiaggia, ecc.

Una torta

E poi ancora, ci si può prenotare per giocare a calcio, tennis, oppure praticare il kayak, il windsurf, lo snorkeling e l’equitazione presso i centri convenzionati. Insomma, un palinsesto completo e variegato sempre attento e premuroso ed in grado di soddisfare le esigenze di tutti i soci, per vivere e godere un’estate lunga, piacevole, divertente ed appagante. Venite a provare!

Enrico Malgi

Poseidonia beach club di Gianni Rizzo – Lungomare Levante – Ascea Marina – Cell. 331 8766098 – info@lidoposeidonia.eu – www.lidoposeidonia.eu

14 commenti

  • fabrizio scarpato

    (4 luglio 2011 - 12:12)

    Ah ecco… volevo ben dire. Mi pareva che i cavalli in mezzo agli ombrelloni fossero troppo e potessero incrinare quel senso di quiete e rilassato dolce far niente che pervade questo posticino. Io mi chiedo dove trovi la gente tutta sta voglia di divertirsi, questa bulimia da Luna Park, questa ansia da prestazione ludica, in un Barnum dell’affastellamento sensoriale. Sembra mancare, dico sembra, una sola cosa: un’ora di silenzio. A meno che anche quello non preveda lo spettacolo del trombettista alla Nini Rosso per i nostalgici dalla lacrima facile. Caravanserraglio.

  • Rosaria Iamunno

    (4 luglio 2011 - 13:18)

    La gente trova la voglia di divertirsi perchè ha ancora il gusto della vita
    e la voglia di stare assieme,,il piacere di condividere una risata,mentre si sorseggiano cocktail,mentre si accenna un passo di ballo,mentre si gustano deliziosi pranzetti, perchè si ha ancora la voglia di socializzare e di non rinchiudersi nella solitudine senza voler conoscere il prossimo.Si ha ancora la voglia di vivere l’estate con un senso di allegria,di gioco si perchè la vita è anche giocare e non solo prendersi sul serio e guardare i prorpri guai,
    Se si vuole il silenzio si può sempre scegliere un eremo .. magari dei camaldoli

    • fabrizio scarpato

      (4 luglio 2011 - 16:35)

      Provato a prenotare, ma c’è il pienone che fa il trenino anche là.

  • arturo manfredi

    (4 luglio 2011 - 14:50)

    mi sembra una corretta interpretazione di ascea marina,

  • enrico malgi

    (4 luglio 2011 - 15:42)

    Inutile dire che sono d’accordissimo con i due ultimi interventi, caro il mio Fabrizio. Sempre critico, satirico e pungente al punto giusto.
    Tieni presente alcune cose: se il Sib ha riconosciuto la bontà di questo esercizio premiandolo a livello nazionale, ci deve pur essere un motivo valido, non ti pare?
    La partecipazione alle molteplici attività del club sono, ovviamente, a discrezione della clientela e sono quasi tutte gratuite, perchè sono degli optional e che fannno parte di un pacchetto preventivamente già concordato. Non per niente si tratta di un club, in cui tutti sono soci paritari. Nulla vieta che si possa, come ho specificato nel post e che tu indolentemente hai sorvolato, solo rilassarsi e godere del sole e del mare. E ti assicuro, perché io ci sono stato un’intera giornata, si può comunque fruire della piena tranquillità della spiaggia, tanto è vero che qui vengono anche molte famiglie con bambini al seguito. La sera poi, quando accadono quasi tutti gli avvenimenti più importanti, ci si può limitare a cenare o bere qualcosa. Insomma, qui si tratta di servizi in più che vengono erogati, rispetto alla normale e monotona vita da spiaggia, con prezzi anche vantaggiosi. Ti sembra poco?

    • giancarlo

      (4 luglio 2011 - 16:29)

      il poseidonia e il rose and crown sono i miei luoghi eleatici!!!purtroppo negli ultimi 5/6 anni anche questa terra sta soccombendo contro la centificazione!!!e mi dispiace moltissimo

  • giancarlo

    (4 luglio 2011 - 16:29)

    cementificazione!!!!scusate ;)

  • fabrizio scarpato

    (4 luglio 2011 - 16:58)

    Carissimissimo Enrico, noi liguri abbiamo una visione del mare un po’ selvaggia, ruvida, pietrosa e salata: non si balla la macarena su uno spuntone di roccia. L’ormai incombente vecchiaia tuttavia ha portato le mie stanche membra a trovar quiete sui lettini delle spiagge dell’altissimissima Versilia, tanto alta che non lo è più, nè mai lo sarà: un ibrido. Si mangia, si beve, si dorme, si russa, si nuota, si ride, si legge, si spettegola, come sotto tutti gli ombrelloni. E’ l’eccesso che contesto, la necessità, per non dire l’equazione, che corre tra frenetiche e insignificanti attività aspecifiche e fuori luogo ma che fanno tanto villaggio, centovetrine, amici, amici, siamo tutti amici, e un fantomatico e patinato senso di felicità e divertimento. Gli effervescenti giochi sulla battigia… i tamburelli, i frisbi, la palla, il gym, belin non se ne può più… e lo spinning lo fanno muto? Quanta musica degli indiani navajos ti sei sorbito? Siamo schiavi del divertimento, rimbambiti di inutilità. L’unica cosa buona è l’area giochi per i bimbi: a mio figlio sequestravano la palla, per dire. Bene che possano sfogarsi da qualche parte, anche se sarebbe meglio, imparassero a nuotare, a immergersi colla maschera, a pescare, a tuffarsi di testa, e rubare i muscoli. Non son più tempi, vada per l’attrezzata area giochi, magari con qualche aggiornatissimo videogioco: bene, almeno si levano dalle balle.

    • ALBA

      (4 luglio 2011 - 17:11)

      Ma tu stai male piccino.Ti segno due antibiotici da prendere il mercoledi ed il venerdi dopo il coktail delle 19,00: “Spalle al Muro” di Renato Zero ed “Il mare d’inverno” di Loredana Bertè, ovviamente ed esclusivamente per via auricolare. Se non ti strappano l’anima almeno te la maltrattano quel tantinello che serve a tollerare i PEU, i peones, e gli aficionados della macarena.

      • fabrizio scarpato

        (4 luglio 2011 - 22:40)

        Antibiogramma: resistente.

  • ROSARIA IAMUNNO

    (4 luglio 2011 - 17:34)

    SI CONTESTA UNA SCELTA DI VACANZA??’ LA LIBERTà DI SCELTA DI UN LUOGO BEN ORGANIZZATO E ATTREZZATO PER TUTTE LE ESIGENZE???…ANCHE CON INTERVENTI CULTRALI E FILOSOFICI
    …BEH MI SEMBRA CHE FORSE DENOTI UNA STANCHEZZA DI VITA..SI UN MAL DI VIVERE… è SOLO QUESTO CHE PUò FAR PARLARE COSì …
    LA FORTE NECESSITà DI ESTRANIARSI DAL MONDO PER RIFUGIARSI IN ATTESA DI TERMINARE IL PERCORSO INTRAPRESO ALLA NASCITA..
    FORSE SI è STANCHI .. MA NOI NON LO SIAMO E TANTE FAMIGLIE NON LO SONO ..PERCHè ALLORA PRECLUDERE A NOI E CHI VUOLE DI GODERE DEI PIACERI CHE CI OFFRE IL POSEIDONIA BEACH CLUB…DI VIVERLI ???????????????????
    RIMANGA IN VERSILIA CHI NON è CONTENTO… NOI RESTIAMO IN CAMPANIA… AD ASCEA MARINA
    GIOVANI ,BAMBINI,ADULTI,ADOLESCENTI….VIVIAMOCI L’ESTATE ..LA VACANZA FA BENE AL CORPO ,ALLA MENTE .,ALLO SPIRITO, CARO FABRIZIO SCARPATO…CERCHI DI RILASSARSI UN Pò MENTALMENTE LA SENTO STANCO ED ANNOIATO

    • fabrizio scarpato

      (4 luglio 2011 - 17:55)

      Se continuiamo con gli spot… La mia inquietudine andava oltre il vostro Club (peraltro con un sito anno ottanta molto più tranquillo e misurato rispetto ai vostri effetti speciali): temo una omologazione anche della contentezza, e la libertà di scelta non si manifesta tra uno spinning e un kajak. Sicuramente sono definitivamente rincoglionito, ma non abbastanza per rifiutare luoghi comuni. Cerco di capire e dire la mia senza entusiasmo da cappelini e trenino. Per il resto aglio e fravaglio fattura ca nun quaglio, corna e bicorna ..;-)) Azz, ho fatto una battuta (*sorride, inquadrato a mezzobusto*)

      • ROSARIA IAMUNNO

        (4 luglio 2011 - 18:03)

        bene vedo che almeno sono riuscita a farla sorridere…. ne sono felice…

  • Stefano Poggioli

    (4 luglio 2011 - 22:26)

    Vi segnalo che il link corretto al sito web del Poseidonia è http://www.poseidoniabeachclub.it e non http://www.lidoposeidonia.eu . La mail informativa è info@poseidoniabeachclub.it

I commenti sono chiusi.