Aspettando le Piccole Vigne. La nuova agricoltura: Le Vigne di Raito

Letture: 105

Per festeggiare la presa della Bastiglia ieri ho fatto un salto nella nuova realtà di Patrizia e del marito Stelio a Raito, la deliziosa e sconosciuta frazione di Vietri Sul Mare, all’inizio della Costiera Amalfitana lato Salerno. La prima vendemmia è del 2006, in quella occasione le uve furono vendute a Marisa Cuomo.
L’etichetta parte nel 2007. Il loro vino si chiama Ragis, lo troverete venerdì 28 agosto a Castelvenere nel Sannio in anteprima nel primo festival meridionale delle Piccole Vigne che stiamo organizzando con gli amici e colleghi Pasquale Carlo, presidente della Pro Loco, e Mauro Erro, patròn dell’enoteca napoletana DiVinoinVigna.
Ma sarà in commercio solo in autunno inoltrato. Poi vi faremo sapere di quale anno.
Nella proprietà ci sono olivi, ortaggi, un limoneto di sfusato amalfitano e un po’ di bosco, aaah :-).
Agricoltura biologica, l’enologo è Sebastiano Fortunato. In attesa delle autorizzazioni per la cantina, si vinifica da Luna Rossa, nella vicina Giffoni Valle Piana.
I vitigni sono aglianico e un po’ di piedirosso: nel 2007 4000 bottiglie. Il vigneto non supera i due ettari. Patrizia non è solo la proprietaria: ci lavora sodo.

Il vigneto, e sullo sfondo Villa Guariglia (PignaFoto 14/7/2009)

Il vigneto a conduzione biologica. Come vedete. Sullo sfondo, Villa Guariglia, sede del governo Badoglio sino alla liberazione di Roma. Adesso è sede di un bellissimo museo della ceramica e d’estate si organizzano concerti di musica classica. Nel fabbricato alle spalle lavora uno dei più bravi artigiani della ceramica vietrese di tutti i tempi: Lucio Liguori. Le sue opere, di cui io e mia moglie Annarita siamo fan accaniti, sono anche nello show room della Caravella ad Amalfi.

Patrizia con Alessia, una delle figlie. Anche loro lavorano nel vigneto
Questo è il nuovo impianto. Sullo sfondo si vede Vietri sul Mare
In questa foto d'archivio, Patrizia mentre vendemmia. La nuova agricoltura