Aspettando Paestum. Aldo Fiordelli: ma quale bunga bunga, la mozzarella è il frutto dell’amor

Letture: 358


Credits: Profimedia.com

Sulle Strade della Mozzarella. Dopo Maffi Cauzzi, ora le rimembranze capresi del collega fiorentino Aldo Fiordelli

di Aldo Fiordelli

Permettetemi di chiamare mozzarella la mozzarella. I puristi storceranno il naso, che vuol dire mozzarella senza specificarne il latte. Una treccia forse? E di quale provenienza? Non fraintendete, sono tra i primi a sentirmi svuotato quando leggo che il piatto servito durante i bunga bunga, uno dei preferiti da Berlusconi, è la Caprese.


Io stesso a pentirmi di quei giorni in cui per lavoro sono costretto a nutrirmi con una non meglio precisata mozzarella in un pane al sesamo con pomodoro quattro stagioni (cioè plastificato insapore 365 giorni all’anno) nel bar sotto la redazione. E se ricordo poi di quando quella mia bella amica del liceo da Maria de Filippi ad Amici andò a dire che per esercitarsi a pomiciare coi ragazzi (o con le ragazze a questo punto), usava una mozzarella, non ne parliamo.
La mozzarella attrae il mondo del cabaret e dello spettacolo perché nell’immaginario comune non ha bisogno del bugiardino per essere capita. Poi nell’estate di dieci anni fa in vacanza a Capri sulle tracce di Malaparte e con i consigli del principe Giovene di Girasole, mi ritrovai a ordinare da studente spiantato qual ero una caprese a cena per me e per la mia fidanzata di allora. Lei ha sposato uno più ricco (e più coglione) io ho conservato il ricordo dei sandali fatti a mano che le regalai e soprattutto di una mozzarella profumata e soda.
Era il sapore dell’amore? Certo, ma un sapore che ho ritrovato solo dopo anni, sulla terrazza di un amico, di fronte a una bufala di Paestum servita alla temperatura giusta, intrecciata il giorno prima e anarchica dal suo governo.

7 commenti

  • Giancarlo Maffi

    (20 maggio 2011 - 20:39)

    Un Fiordelli splendidamente anomalo e finalmente sentimentale.

  • Bruno Forieri

    (20 maggio 2011 - 21:07)

    Bella espressione culturale Aldo.

    Manifestare uno spassionato amore verso il latticino ora oblungo ora sferico ora intrecciato a partire dalle radici dei ricordi di un tempo è davvero divertente.

    Sono d’accordo con il Maffi!!!

  • Giuseppe Grammauta

    (20 maggio 2011 - 23:42)

    Ciao Aldo,
    proprio un bel post…illumina una settimana per me alquanto triste.
    Grazie.
    Giuseppe.

  • fabrizio scarpato

    (21 maggio 2011 - 00:36)

    E scommetto che in villa in quella caprese ci mettono olio (ahi), pepe (ohnnoo), origano (naaaa) e persino sale (ohibò). Intatta deve essere come l’amore nascente. E anarchica (bellissima espressione Aldo) come Carrara e il suo marmo. Bianco.

    • Albert

      (21 maggio 2011 - 01:18)

      oh yessssssssss!

    • leo

      (21 maggio 2011 - 09:48)

      Cit. “Intatta deve essere come l’amore nascente.”

      Eh, magari fosse così facile ! qui di intatto c’è rimasta giusta la mozzarella di bufala che ci mangiamo noi.. :-)

  • gaspare

    (21 maggio 2011 - 11:59)

    bungabu..berlusc..mariadefili..ALTRO CHE MOZZARELLA, E’ TUTTA MUNNEZZA!

I commenti sono chiusi.