Avellino, ristorante Il Ritrovo degli Artisti

Letture: 301

di Lello Tornatore – Tenuta Montelaura

Solita giornata, densa di impegni…come al solito il Pigna vuole ottimizzare anche i minuti/secondi (poco meridionale…in questo) e allora dopo aver peregrinato per varie cantine ci troviamo a tavola per rilassarci un attimo? Nooò, macchè…abbiamo dato appuntamento al vigneron di Summonte-Montefredane, Ciro Picariello, a ” Il Ritrovo degli Artisti” per fare il punto sulla sua esperienza rispetto all’annata 2010 del Fiano di Avellino (se non questo, quale?). Ci accoglie la solare (si dice così di una ragazza sempre allegra e sorridente?) Diana D’Urso, ventisette primavere, diplomanda Ais e laureanda in storia dell’arte, con il papà Antonio, imprenditore conciario di lungo corso, nonchè esperto sommelier, insieme allo chef Giuseppe Saraceno. Nipote d’arte, infatti il nonno di Diana negli anni ’50-’60 possedeva due dei più noti ristoranti di Salerno, al porto, ma l’esigenza di ampliare portò l’amministrazione comunale dell’epoca ad espropriare i locali. Ma il lupo( in questo caso la lupacchiotta)…perde il pelo ma non il …ristorante!!! Così, cinquant’anni dopo, riesplode la passione di famiglia per la ristorazione e si mette su questo gingillino tutto votato al territorio ed ai suoi prodotti.

Amouse bouche...

La posizione del locale è strategica : proprio di fronte all’antico castello di Avellino, di fianco al teatro Carlo Gesualdo, che insieme al nome particolarmente ammiccante, tende ad attirare i numerosi Vip che lo frequentano.

Entreè

La Diana ci presenta una carta chilometrica, che ci dà, e non poco , l’imbarazzo della scelta. La questione viene risolta velocemente e d’imperio, dal Pigna con queste parole : vogliamo assaggiare tutto, però una porzione sola per ogni portata (eravamo in tre)!!! Si parte con la “Coppa di baccalà con vellutata di patate di S. Michele allo zafferano e papaccelle fritte”…aheeeè, e quissù urgono bollicine!!!

mezzi paccheri al baccalà

Prima un ottimo Greco Charmat Colline del Sole, azienda di Torrioni e poi il Fiano metodo champenoise made in Summonte, per la serie, macchecivaiaffareaparigi, dedicata a “Lucywine”, arrivato fresco fresco da Montmartre, sulla “Rive Gauche”!

Fiano spumante metodo classico annata 2009 Ciro Picariello
Lo spumante di Colline del Sole
Lo spumante di Colline del Sole

A seguire “millefoglie di baccalà, provola affumicata e patate su julienne di verdurine croccanti, salsa di Ramata di Montoro e pomodorino di Montecalvo. Bel gioco di consistenze ed equilibrio sensoriale. In abbinamento, qualcuno ha continuato con le bollicine, mentre io ho bevuto il Fiano 2010 del Picariello. Arriviamo alle zuppe : la classica, quella porcini, fagioli e castagne “Verdole” di Serino, molto delicata e servita in un contenitore-cestino fatto di pasta di pane, molto simpatico nell’aspetto e nella pratica, infatti ha preservato eccellentemente la temperatura della zuppa.

zuppa porcini e castagne

La seconda, ci toccava!!! Ad Avellino, il 13 Dicembre, non c’è tavola sulla quale non si portino i famosi “cicci di S. Lucia” che è un insieme di legumi, mais e frumento che nella trasposizione religiosa rappresentano gli occhi, e quindi la vista di cui la santa è protettrice.

i cicci di S.Lucia

Ci arriva, quindi, il “Mallone sciatizzo” che è composto da erbe selvatiche, quindi “asciate” dall’ etimologia latina che significa trovare. Insieme a queste verdure si amalgamano patate lesse e poi si ripassa il tutto in padella con tocchetti di lardo.

il mallone sciatizzo

Il piatto viene presentato in accompagnamento con una pizza di mais, una volta cotta davanti al camino, ora al forno o fritta. Continuiamo con un classico dell’Irpinia rurale : broccoli (per i napoletani friarielli) di Paternopoli stufati, all’aringa affumicata. Un piatto dal sapore molto deciso, è una guerra…tra il sapido-aromatico dell’aringa e l’amaro dei broccoli.

i broccoli all'aringa affumicata

La ricetta originaria prevede anche l’abbinamento del “pipillo curato”che è un peperoncino piccante, solitamente di varietà “cirasiello”, tenuto sott’aceto per almeno due mesi. E allora si…un tripudio di sensazioni, ma…per palati forti, maschi, qualcuno malignamente dice “d’amianto”, ma per capire bisognerebbe aver combattuto con il freddo e la povertà di una volta, dell’Irpinia. E qui siamo andati a Fiano di Avellino 2007, sempre del Ciro avellinese, vitivinicoltore per passione e geometra per hobby.

Ciro sorpreso dalla bontà del suo prodotto...
Il Fiano di Avellino 2010 di Ciro Picariello
Il Fiano di Avellino 2010 di Ciro Picariello
Il Fiano di Avellino 2007 di Ciro Picariello
Il Fiano di Avellino 2007 di Ciro Picariello

Solo la lunghezza di quest’annata poteva contrastare egregiamente l’aromaticità dell’aringa…lo sapevamo, mica sono le pummarole, che vanno vendute entro l’anno!!! La pasta : mezzopacchero al baccalà…ecchèbaccalà!!! Mutuando una ironica battuta di un noto gourmet, sembra “merluzzo del fiume Sabato”…Poteva mai mancare il “ragù “?

il meraviglioso...merluzzo del fiume Sabato

Noooò, ed eccoci serviti…Gnocchetti al ragù di “pezzentella”, che è una sorta di cotechino insaccato in un grosso budello di maiale.

Gnocchetti al ragù di pezzentella
Gli interni minimal-moderni

Più leggero del ragù napoletano, ma comunque molto gustoso. Nei giochetti di abbinamento che abbiamo fatto a tavola, il Pigna ha provocatoriamente proposto di verificare la struttura del Fiano di Avellino su questo piatto : dopo il primo sorso di accompagnamento, silenzio tombale in sala!!! Sembrava avercela fatta, ma dopo qualche minuto il ragù è ritornato…un quasi-goal, Ciro…dobbiamo studiare ancora!!!

Foto di Diana e del papà con Michele Placido

Ritorniamo allora sul “merluzzo del fiume Sabato” : “Baccalà alla Pertecaregna”… si chiama così, questa semplice ma gustosissima ricetta perchè era il pasto più usato quando si lavorava con i buoi all’aratro( pertecara). Consiste in pezzi porzionati di baccalà lesso condito con olio, di Ravece naturalmente, nel quale sono stati fritti solo per qualche minuto, i peperoni secchi chiamati cruschi.

l'olio di Ravece

Ancora una volta il Pigna c’ha visto lungo : nonostante avessimo praticamente diviso in tre le generosissime porzioni serviteci, siamo satolli!!! Ma come si fa a dire no a “le polpette di friarielli su genovese di Ramata di Montoro con tartufo di Bagnoli e Carmasciano in scaglie”???

le polpette di friarielli, Carmasciano e tartufo di Bagnoli
il Carmasciano

“Solo una a testa”, sentenzia ” il reduce da Montmartre…sulla Rive Gauche”. Si si, la buona volontà c’è, ma quello che ci frega è la troppa bontà del Carmasciano…e giù con ripetuti assaggi del prelibatissimo formaggio…

La carta...

Eh, la France…che deliziosi formaggi produce…nevvero, Luciano??? ;-)) Approfittiamo del Carmasciano per abbinare l’ottimo Taurasi 2006 di Colline del Sole, fino ad ora usato a mo’ di sorbetto tra una portata e l’altra. Lodevole anche l’iniziativa azienda-Ritrovo degli Artisti, in collaborazione, tesa al recupero delle bottiglie vuote.

Ciro e Luciano
da sx , Luciano, Diana D'Urso, lo chef ed il papà di Diana
da sx, luciano, Diana e Ciro Picariello

Il Taurasi di Colline del Sole
Luciano...attraverso il Taurasi

A seguire…i dolci : Crostata di “Marrone Montorese”, che si scioglieva in bocca, Pera Coscia cotta nel Taurasi, ripiena di crema al mascarpone e riduzione di Taurasi, da applausi e infine tortino al cioccolato, che Diana c’ha confessato di fare anche, quando dispone di ottima e sicura materia prima, al sanguinaccio…sssssss, non dite niente a nessuno, però!!!

la crostata di Marroni di Montoro
la pera Coscia cotta nel taurasi...
il tortino

21 commenti

  • Annito Abate

    (16 dicembre 2011 - 11:28)

    … Grande Lello, uomo in tenuta da Monte.Laura … Grande Diana, il suò papà, lo chef e tutti quelli che hanno collaborato all’evento … eh si perchè di evento si è trattato … a quanto vedo … Grande Ciro Picariello … ed infine ottimi tutti i vini … da quello che vedo … BELLISSIMO IL LOCALE … da quello che vedo, ma questo lo conosco … bene … si Mi piace, come Ti scriverò anche sul post che vedo sul libro delle faccine … ma no è che avete esagerato un pochino … poi così sotto Natale ! … su quanti enzimi potete contare? …

  • Mimmo Gagliardi

    (16 dicembre 2011 - 11:42)

    Che bel posto, quante cose buone e che belle persone! Ci sono stato, ci torno spesso, anche solo per un aperitivo o un saluto affettuoso, e ci ritornero’.
    Due cose Lello: primo, il merluzzo del fiume Sabato….ancora sto ridendo, da sentirsi male…grande Lu; secondo, quel carmasciano li’ lo abbiamo inaugurato noi sabato sera della scorsa settimana…eh, eh, eh credevi di aver avuto una premiere???
    Sale alta la curiosita’ per lo charmat de “Chateaux Montefred A Ne Summont”……indaghero’!!!!!

    • Lello Tornatore

      (17 dicembre 2011 - 15:48)

      …sarebbe stato troppo semplice…ma quale charmat, distrattone!!! Mèthode champenoise…;-))

  • Susanna

    (16 dicembre 2011 - 11:43)

    Lello non c’era alcun dubbio sulla bravura dello chef e la cortesia e gentilezza di Diana .Questo è un connubio vincente ,aggiungiamo il buon Fiano di Ciro Picariello e il dado è tratto .Un augurio a Diana e la sua famiglia!!

  • Diego

    (16 dicembre 2011 - 12:04)

    Ciro ha fatto un metodo classico? ma è in commercio?

    • Lello Tornatore

      (16 dicembre 2011 - 12:09)

      Non è ancora pronto, l’uomo che tinge le unghie alle formiche ha detto “work in progress”!!! ;-))

      • Diego

        (16 dicembre 2011 - 12:25)

        Speriamo…io a Luglio ho il compleanno ;-)

  • luciano pignataro

    (16 dicembre 2011 - 12:44)

    Ho dovuto insistere molto con Lello Tornatore, convicerlo a non lavorare per un paio d’ore. Così abbiamo scoperto questo bel posticino che ci dovrebbe aiutare a cancellare l’amarezza per la chiusura de La Mashera.Se sono rose fioriranno.
    Buono lo spumante di Ciro, del Fiano 2010 leggerete domenica nella rubrica del Mattino:-)

  • Giancarlo Maffi

    (16 dicembre 2011 - 13:00)

    Certo, e’ imcredibbile: con tutto il daffare che ha a tenuta montelaura fra scegliere menu’ mondare cicoria , lavare piatti, prendere ordinazioni, servite a tavola, sparecchiare, fare caffe’ e pulire i bagni delle camere, il Tornatore si immola per il nostro piacere e si inventa pure recensore di ristoranti. Stoico. Ce ne fossero di uomini cosi’ in questo paese di nullafacenti solo intenti a dire a mogli e figli : fai qui e sposta la’. Grande Tornatore, dovrebbero farti almeno deputato……:-)

    • Lello Tornatore

      (16 dicembre 2011 - 13:09)

      …beh, per bilanciare tutti gli epicurei gaudenti radical chic di questo paese…qualche stoico dovrà pure esserci!!! ;-))

  • Mimmo Gagliardi

    (16 dicembre 2011 - 13:13)

    Grande Maffi a cogliere l’impegno profuso con sacrificio da Lello!!!! Ma Flavia???? ;)

  • leo

    (16 dicembre 2011 - 18:29)

    Non ho parole.. citazioni in francese, in dialetto… manca solo il latino ! hai visto mai che il nostro Lello diventa il nuovo Raspelli della cucina italiana ? :-))

    Mi preoccupa però che tu abbia lasciati soli quei poveri ragazzi e quella santa donna. Saranno stati in grado non dico di cucinare chè quello è il tuo regno, ma almeno di aprire una scatola di fagioli ? li hai abituati troppo male… serviti e riveriti :-)))

    • Lello Tornatore

      (16 dicembre 2011 - 18:44)

      Quoque tu, Leo …in Campania si dice: ” ‘e sfuttuti…pur ‘nparavis’ vann’ ” (anche gli sfottuti vanno in Paradiso)!!! ;-))))))

  • Giancarlo Maffi

    (16 dicembre 2011 - 20:04)

    La tua battuta su raspelli, leo, e’ cosi’ sottile che a Tornatore e’ sfuggita. Io mi sarei offeso mica poco:-))

    • Lello Tornatore

      (16 dicembre 2011 - 21:55)

      L’avevo capita, l’avevo capita…è che ormai con voi sono veramente votato al sacrificio e quindi nel ruolo di martire, mica mi posso offendere? ;-))

      • Romualdo Scotto di Carlo

        (16 dicembre 2011 - 22:19)

        non ragioniam di loro, Lello :-D

        • Lello Tornatore

          (16 dicembre 2011 - 22:23)

          Grazie Romuà…eppoi, se proprio volete che ve lo dica, da un certo punto di vista concettuale mi sento più vicino a Raspelli che a Ferranadrià…tiè!!! ,-)))

  • Diana D'Urso

    (16 dicembre 2011 - 22:04)

    È bellissimo lello!!!! Sei un grande! Grazie mille!!! E grazie a questo articolo ho capito che da grande voglio fare la pescatrice di merluzzi del fiume sabato visto e considerato che sono ben apprezzati : ))))))

  • Romualdo Scotto di Carlo

    (16 dicembre 2011 - 22:21)

    ma che bel post, godibilissimo, letto tutto d’un fiato… il sommelier e l’estremista del territorio prende un po’ il sopravvento sul critico gastronomico ma l’effetto è piacevolissimo!! Complimenti Lello e… complimenti allo chef, i piatti sembrano davvero interessanti!

  • ornella

    (16 dicembre 2011 - 23:19)

    tutto vero ciò che si è detto …ci sono stata pure io dopo un pò di Jazz al Gesualdo…ottimo tutto e anche molto curato e ingentilitoda Diana e papà veramente cordiali e competenti…del gustato? nulla si può dire se non semplicemente inconsueto pensarlo ad Avellino!! complimenti!!!!!!!!
    Vi vorrei napoletani qui queste capacità si sono perse….

I commenti sono chiusi.