Babbo Ciomei, nel suo sacco i regali ai nostri chef preferiti

Letture: 176

di Leo Ciomei

Nel primo cinepanettone di parecchi anni fa, l’ormai mitico per noi ex-ragazzi “Vacanze di Natale”, il grande attore Riccardo Garrone, diventato poi nell’immaginario collettivo il San Pietro della Lavazza, enuncia la seguente frase che tutti pensano ma nessuno dice a voce alta: “anche questo Natale ce lo semo levato dalle palle !”

Questo per dire che in effetti tutta questa smania di fare doni natalizi e presentarci una pletora di oggetti perlopiù inutili da regalare sui quotidiani, settimanali, programmi tv, blog e affini ci ha un po’ sfranto i maroni…
Ergo, per uscire dall’ovvio, vorrei scrivere di qualche regalo, più o meno fattibile, che io farei a personaggi del mondo gastronomico che tutti conosciamo. Saranno graditi vostri contributi per altri chef/critici/imprenditori. Prima parte dedicata ai cuochi.

Iniziamo con il nostro chef più rappresentativo, colui che ha raggiunto la vetta di 19,75/20 nella Guida Espresso 2011: ladies and gentlemen, mr. Massimo Bottura ! Troppo banale regalare a Massimo la terza stella Miscièlen, quella se la meriterebbe d’emblée, io opterei per un doppio regalo, giusto per far felice qualche critico gastronomico che lo vorrebbe più spesso ancorato a Modena invece che in giro per il mondo… ma, mi chiedo, se è a questi livelli girovagando per il globo dove può arrivare fermandosi in pianta stabile alla Francescana ?

Massimo Mottura

E a Carlo Cracco cosa regaliamo ? mi dicono che lo chef non sia proprio disponibilissimo allo scherzo quindi perchè non presentare al barbuto vicentino un bel contratto di locazione a tariffa agevolata per un fondo di 300 mq. in centro a Milano, beninteso a piano terra con giardino interno ? così da uscire da quella specie di grotta e magari abbassare un po’ i prezzi…

La performance di Cracco e Gardini ai templi di Paestum


Passiamo al sud e al nostro Gennarino Esposito. Gennaro è un grande appassionato di musica che ascolta col suo stratosferico impianto hi-fi: il miglior regalo è un cofanetto di ottima musica, tipo questi dei Rolling Stones e dei Pink Floyd, ricordandogli che una Ferrari non va mandata a gasolio !

Gennaro Esposito


Al grande Ciccio Sultano non possiamo che augurare l’apertura di tratte aeree nazionali sull’aeroporto di Comiso (RG) per avvicinare gli appassionati alla sua strepitosa cucina (ma ricordiamoci che Catania Airport è lì, a 90 km.).

Ciccio Sultano
comiso

All’amico Lorenzo Viani di Forte dei Marmi il regalo più gradito sarà un buono, sì un buono regalo come a volte si usa fare quando non si sa cosa donare. Ma questa volta il voucher sarà per mandare aff….lo (certo amichevolmente) una dozzina di volte il suo sodale Giancarlo Maffi con cui spesso inscena gustosi siparietti.

Lorenzo Viani


Un personaggio come Giorgio Pinchiorri che ha praticamente ogni pregiato vino nella sua immensa cantina cosa può desiderare ? forse la Jeroboam di Mouton-Rothschild 1945, venduta all’asta nel 1997 a 114.000 dollari da un anonimo acquirente (ero io naturalmente che aspettavo l’occasione per aprirla insieme a Giorgio…)



Con Mauro Uliassi ci siamo visti la scorsa settimana e, oltre agli auguri, mi piacerebbe offrirgli un viaggio di 15 giorni in un paradiso tropicale dove poter ritemprarsi dalle fatiche stagionali e pensare nuovi piatti, magari volare alle Laccadive dove non incontrerebbe certo i soliti italiani petulanti e inopportuni.

Per Davide Scabin la spesa è veramente irrisoria: DEVO regalargli l’utilissimo libro per smettere di fumare dato che ha sempre la sigaretta in mano. Spesa totale 8 euro !!

Davide Scabin


Last but not least, i miei cari amici Cristina Bowerman e Fabio Spada di Glass Hostaria di Roma. Come dono natalizio perchè non fare approvare un decreto legge (inserito di straforo nei pesanti lavori della Camera di fine anno) che gli consenta di prendere a calci nel culo, pardon sedere (è Natale, siamo più buoni) tutti quelli che, pur avendo prenotato, non si presentano nel ristorante ? sistema semplicissimo per evitare il no-show, no ?

6 commenti

  • giulia

    (24 dicembre 2010 - 14:45)

    grande regalo per Gennarino! Auguri a tutti gli Chef!

  • ENRICO MALGI

    (24 dicembre 2010 - 15:34)

    Ai due compari (che non compaiono qui) Cannavacciuolo e Vinciguerra un corso accelerato di dieta ferrea per dimagrire e un forte bocca al lupo per le loro carriere, Ad majora!

  • Lello Tornatore

    (24 dicembre 2010 - 16:25)

    Caro Leo, Lorenzo , per farlo, non ha bisogno di voucher, e comunque non lo farebbe mai…anche se…è dura… ;-))

  • Monica Piscitelli

    (24 dicembre 2010 - 19:29)

    Bel voucher, ma poi uno non lo utilizza, perchè Maffi si fa sempre perdonare. AUGURI!

  • fra' michele da bargecchia

    (25 dicembre 2010 - 07:19)

    io vorrei tanto postare il regalo per l’esecutore di questo pezzo ,ma il mio consigliere spirituale mi dice che oggi non posso commettere peccati al di fuori della gola, perchè con quello ho finito i voucher annuali :-)

  • richebourg

    (27 dicembre 2010 - 17:31)

    Il buon Maffi non perde occasione di citarmi nei suoi interventi ed io non so se preoccuparmi, ma mi fa specie che anche lei notaio cada nel giochino.
    Detto ciò se
    Pignataro è Totò ( Antonio Bonocore )
    Lello Tornatore è Peppino De Filippo ( Giuseppe Lo Turco)
    e Maffi è Giacomo Furia( Felice Cardoni )
    a chi pensereste per gli altri questi pesonaggi

    Gabriele Tinti( Michele Bonocore )
    Giulia Rubini( Marcella Lo Turco )
    Anita Ciarli( la madre di Antonio )
    Yoka Berretty( Marlene,la moglie di Antonio )
    Nando Bruno( il maresciallo Denti )
    Salvo Libassi( il brigadiere Solmi )
    Mario Meniconi( un finanziere )
    Luigi Pavese( il ragionier Casoria )
    Lauro Gazzolo( il signor Andrea )
    Gildo Bocci( il tabaccacio )
    Enzo Maggio( il barista )
    Memmo Carotenuto( l’aspirante portiere )
    Guido Martufi( Riccardo )
    Andrea De Pino( il dottore )

I commenti sono chiusi.