Bacmione Primitivo del Salento igt 2009 | Voto 87/100

Letture: 210
Bacmione Primitivo del Salento Igt 2009 Mille Una

MILLE UNA

Uva: Primitivo

Fascia di prezzo: 18,00 – 20,00 euro in enoteca

Fermentazione e maturazione: Acciaio e legno

Vista 5/5 – Naso 26/30 – Palato 26/30 – Non omologazione 30/35

 

Ciao, mi chiamo Bacmione e sono un vino salentino. Ho circa quattro anni, poiché sono nato a settembre del 2009. Mio padre si chiama Primitivo e mia madre che mi ha partorito come uva è la mineralizzata ed arsa terra rossa del Tarantino. Ho visto la luce tra i comuni di Maruggio e Torricella, non lontano da Lizzano e Sava e dal mare, di cui da piccolo mi sono nutrito di odori e sapori inebrianti e sono stato cullato poi dal forte vento locale. Ho diciassette fratelli e per fortuna tutti godono ottima salute. Devo dire che la mia infanzia è stata molto felice, perché sono stato allevato con cura, amore e passione da un alberello di oltre quarant’anni che mi ha portato in braccio per alcuni mesi. La mia fanciullezza, poi, l’ho vissuta nella Cantina Mille Una da mio nonno Dario Cavallo, che è
un filosofo, un appassionato, un innamorato del territorio, un uomo caparbio e verace.

Appena cresciuto un pò, ho intrapreso gli studi. Ho quindi trascorso ventuno giorni di scuola elementare (fermentazione), quattro mesi di scuola media (in botti di rovere), otto mesi al liceo (in vasca d’acciaio) e diciotto mesi all’Università (elevazione in bottiglia). Alla fine mi sono laureato con ottimi voti ed il mio quoziente intellettivo è risultato molto alto, 15,5 (gradazione alcolica), tanto è vero che subito ho ricevuto molte proposte di bevibilità!

E questo è il mio curriculum vitae. Ma adesso, per completare la mia presentazione, voglio anche tratteggiare, come vino, il mio profilo esterno e quello caratteriale. Sono vestito di un rosso rubino scuro, con lampeggi chiarificanti ai bordi. Sono moderno, pimpante, con estratti glicerici ed alcolici. La mia tavolozza aromatica profuma di tabacco mentolato, balsamo, foglie di geranio e di frutta rossa matura. In bocca sono straripante, con tannini già levigati e suadenti. E’ vero che ho un’elevata alcolicità, ma nel complesso in bocca posso esibire una fresca beva, un ottimo equilibrio, una raffinata speziatura di cacao, cannella e chiodi di garofano e con una polpa tenera e sapida. Sono poi materico, sostanzioso, persistente, austero, morbido, armonico, tabaccoco, pepato, strutturato e mi contraddistingue un’allure nobile ed elegante. Insomma, ho una mia già definita personalità, nella vita penso di avere successo e credo anche di piacere a molte persone. Mi sono fidanzato molte volte, anche se non è ancora giunto il momento di impegnarmi definitivamente. Mi sono accompagnato spesso a pietanze locali, come pasta, lenticchie e patate; agnello con patate e lampascioni al forno; brasciola alla barese; polpette ai peperoni; e formaggio pecorino. Sto ancora aspettando il colpo di fulmine, però, che spero verrà presto. Intanto, se volete, venite a trovarmi in Cantina oppure in enoteca, così diventeremo amici! Vi aspetto, allora non mancate, mi raccomando!

 

Questa scheda è di Enrico Malgi

 

Sede a Lizzano (TA) – Largo Chiesa, 11

Tel. 0996414541. Cell. 393 9615067 – Fax 099 6414540

info@milleuna.itwww.milleuna.it

Enologo: Marco Cavallo

Ettari vitati: 35

Bottiglie prodotte: 50.000

Vitigni: Primitivo, Negroamaro, Fiano, Chardonnay e Malvasia