Barbera e piedirosso si sfidano sul baccalà di Angelo D’Amico

25/1/2017 2 MILA

tartufo-e-baccala

Venerdì 27 gennaio: serata enogastronomica da non perdere. Una serata che vedrà due vini rossi campani sfidarsi su piatti preparati con il baccalà, il pesce salato che viene dai Mari del Nord e che da sempre rappresenta uno dei punti fermi della cucina campana. Non a caso la nostra regione, insieme a quelle del nord-est della Penisola (il Veneto in primis) rappresenta uno dei luoghi dove più sono dirette le esportazioni norvegesi e finlandesi.

In una simpatica competizione passeranno in rassegna due grande tipicità dell’enologia campana. La barbera castelvenerese di Anna Bosco (Beneventano Igp Armonico 2015) e il piedirosso flegreo di Cantine Astroni (Campi Flegrei Dop Colle Rotondella 2015).

Teatro della sfida saranno gli accoglienti ambienti della Locanda Radici a Melizzano (Sannio), progetto gastronomico-culturale voluto dallo chef Angelo D’Amico.

Per la serata di venerdì 27 gennaio Angelo ha pensato di partire con Freddo di baccalà – Soffiato di patate e tartufo nero, per proseguire con Cannolo di ceci con baccalà, scarola-pinoli e uvetta. Spazio poi al Tortello di baccalà con pomodorino giallo del piennolo e Hamburger di baccalà – Chips di cipolla e papaccelle napoletane. In chiusura Tartelletta di baccalà nocciole tartufo nero.

Info: locandaradici@gmail.comwww.locandaradici.it – Facebook/locandaradici