Basta con le mezze stagioni! Evviva il vino trash

Letture: 75

– del Guardiano del Faro –

Per fortuna non succede spesso, vorrebbe dire che questa vita starebbe diventando ancor più banale e noiosa di quanto lo è già.  Ma sfortunatamente la taratura è ormai spostata parecchio su e quindi le emozioni forti sono sempre più rare. Contraddizioni infinite, perché poi mi capita di buttar giù con più piacere un Lambrusco preso giù alla Coop, berlo volentieri bello freddo e gasato piuttosto di un mediocre Barolo o di un dubbio  Sangiovese, tanto per dire due nomi, senza voler ferire denominazioni o vitigni, solo per rendere l’idea della metà del guado, il punto in cui non sta bene nessuno volendolo solo ammettere, perché l’accontentarsi è una mezza sconfitta.

 

 

Datemi un biro e una etichetta rossa della Bruna  Giacosa, allora si che mi divertirò a schiavizzarla per ore , prendendo nota implacabilmente di tutti i suoi gemiti e dei suoi minimi movimenti.  Come quando mi accanisco con piacere fantozziano su un Muller Thurgau Santa Margherita da trangugiare con la porta del frigo aperta e con due fette di cacciatorino in mano, piuttosto che maledire tristi accanimenti di viticultori sub-alpini che insistono con i loro maltrattamenti intensivi su incolpevole succo di chardonnay che grida pietà alla sola vista di una barrique eutanasica  che  porrà fine alla propria triste esistenza nella terra dei cachi.

Voglio che l’ipofisi, l’amigdala e tutto il cervelletto si scuotano sotto i colpi di naso di un Montrachet di Ramonet, le cui rotondità burrose e le scolpiture del profilo rimangano incastonate nel cerebro fino a quando la decomposizione del cervello non sarà completata. Datemi un Bardolino rosè fresco e ruffiano da 3 euro da buttare giù direttamente dal collo della bottiglia piuttosto di modificarmi la fisiognomica del volto storpiato dall’alcool smaltato di un Amarone convinto solo che più e spesso e più è alcolico e più è buono.

Se deve essere un vino strano a farmi venire il mal di testa, almeno che costi poco, voglio giocare con le forme di una boccia di Mateus piuttosto che contribuire al miglioramento del conto corrente degli eredi dei Conti di Saluzzo.

 Il desiderio di un brodino, anzi, diamogli un po’ di sostanza a questo brodino con una manciata di plin . Voilà plin in brodo con Bonnen Mares D’Auvenay . Il brodo serve ad aprire la strada, il singolo cappelletto verrà alternato ad un sorso di pinot, come si farebbe su un Boulevard parigino alternando ogni singola ostrica Belon con une coupe de Champagne . Belon e Blanc de Blancs. Cappelletti e Bonnes Mares. Non è per fare dello snobismo a tutti i costi, anche se secondo me queste sono le derive nascoste del piacere che ti puoi permettere di raccontare solo se sei abbastanza sicuro che non ci sia nessuno a così breve raggio di chilometri da prendere la decisione di partire apposta per venire a tirarti un pugno in faccia sotto casa.

Si può fare meglio, si può cercare la bottiglia che non c’è, perchè sono proprio brasato stasera, sinapsi che si parlano dai due bordi del medesimo burrone senza intendersi. Si può immaginare un Musigny Leroy 2005. Ceralacca morbida, sensuale, che si lascia giustiziare senza opporre la minima resistenza. Tappo umido, anzi, bagnato, rilascia una goccia di umori che raggiunge l’etichetta,  come al solito, quello che lascia perplessi chi non ha dimestichezza con la signora, trovarla già bagnata ancor prima di avvicinarti è situazione che imbarazza i più. Tappo morbido e saporito, tappo gourmand che sa di gianduia , di geranio, di liquirizia, di cioccolato kinder. L’intensità del colore è sopra media, l’annata è grande, va sopra le altre solo di colore e di potenza,  oltre alla estrema raffinatezza del bouquet di un mazzo di fiori colorati dal rosa al viola ci si confonde con la eterea speziatura e la piena maturazione del frutto, arrivato al punto del non ritorno. Un giorno in più sulla pianta e non sarebbe stato uguale.. Anomala anche la densità ; qui la Signora l’aveva promesso, prima di lasciare questa terra avrebbe fatto un vino pari o migliore di un La Tache e della Romanée Conti. Ora, i paragoni diretti sarà meglio farli quando si avrà la possibilità di mettere a fianco queste situazioni, intanto godiamoci l’ampiezza di questo Musigny che  invade ogni angolo del cavo orale accarezzandolo e foderandolo di ogni buona cosa che può offrire un grandissimo vino.

 Calore, forza, intensità, freschezza, gourmandise, mineralità , persistenza, retrogusto di fiori, liquirizia, tartufo, amarena, cannella. Stordente sarebbe riduttivo. Finalmente ci si può assopire di fronte al mostro abbattuto, ai draghi sterminati e andare a letto sereni con le vene irrorate da un nuovo 100/100mi , una cosa da sogno, ma proprio  ora che filtra la luce dalla finestra lasciata socchiusa. Ma dove sono?

 L’ennesima camera d’albergo irriconoscibile, l’ennesimo bagno cieco con la specchio difettoso, quello che mi fa difetto sul riflesso dell’addome, non può essere la mia pancia quella;  per non parlare del viso, irriconoscibile. La devono smettere di applicare specchi deformanti nel bagni degli alberghi, non posso continuare a rischiare di radermi a occhi chiusi.

 gdf

15 commenti

  • fabrizio scarpato

    (23 novembre 2010 - 18:35)

    Vedo che anche per te la notte non è stata propriamente serena. In ogni caso comincio, in ritardo, ma forse nemmen tanto, a convincermi che il vino va bevuto e considerato bottiglia per bottiglia, una e ricordabile: aggiungere tacche come Billy the Kid non fa bene a nessuno, né all’amigdala (o forse alla corteccia sensoriale secondaria), né al vino. Una sorta di rispetto, anche in considerazione dell’età. Del vino, ovviamente.;-)

  • beppe

    (23 novembre 2010 - 19:29)

    bentornato! :-))

  • tumbiolo

    (23 novembre 2010 - 19:48)

    Roberto, ti leggo sempre con grande piacere, anche se il retrogusto dei tuoi vini è sempre un pò amaro.

    • roberto

      (23 novembre 2010 - 20:10)

      Lo so Tumbi, e mi scuso di non aver scelto Richebourg piuttosto che Musigny.

      Mi scuso con tutti, questo pezzo non doveva uscire così.
      Luciano si sarà fatto prendere dal gusto dell’horror ma si poteva far meglio.

      L’ho buttato giù dopo una pizza Napoletana mangiata oggi a Bordighera bevendo prosecco Maschio in flute sponsorizzata Santa Margherita, secchio del ghiaccio Berlucchi, frigorifero per dolci Bindi.
      Rientro, riesco, mi fermo per una Bonarda mossa aspettando un amico che mi essemessea così: sei in onda con il trash!

      Io ?

      • Luciano Pignataro

        (23 novembre 2010 - 20:15)

        Dal Petrus al Maschio in 9 giorni e 1/2
        Il finale del film

        • roberto

          (23 novembre 2010 - 20:26)

          Quando vuoi , anche tu se più veloce di un gatto! :-))

        • alberto cauzzi

          (23 novembre 2010 - 20:28)

          Da Ramonet a Santa Margherita, questo è ancora più agghiacciante di questi 9 giorni e 1/2. Ma il guardiano è anche questo, non è da mezze stagioni.

      • giancarlo maffi

        (24 novembre 2010 - 07:15)

        era meglio se venivi da cracco. anzi no, cauzzi e gardini hanno tentato di convincermi in ogni modo che un lambrusco poteva andare bene su un piatto ,per contrasto. il mio stomaco invece pensava che mi avessero dato da bere uno di quei pastrocchi che servono si per un contrasto, ma da lastra ospedaliera. anche i campioni del mondo, e sia chiaro che gardini ( anche se non conosco gli altri finalisti ) vale quel riconoscimento, sbagliano un passaggio ,ogni tanto .
        ma a te sarebbe piaciuto ,guardiano, visto le cose che hai ingurgitato…

        • roberto

          (24 novembre 2010 - 08:45)

          …a mangiar lepre con le capesante per vedere se era meglio del piccione coi calamari… trash is trash, questo è vero, ma allora che sia trash vero, quello da 4 soldi ;-)

          • giancarlo maffi

            (24 novembre 2010 - 08:58)

            ti avevano messo anche l ‘whisky in quel piatto : sembrava fatto per te….

  • blucoby

    (23 novembre 2010 - 22:18)

    .. ah! quindi e’ colpa degli specchi…. sara’!!!!!

  • tumbiolo

    (24 novembre 2010 - 00:10)

    Io mi sarei scusato con Richebourg per aver scelto Musigny.

    da Il tutto è falso
    di Gaber – Luporini
    …………
    Il tutto è falso
    il falso è tutto.
    Il tutto è falso
    il falso è tutto quello che si sente
    quello che si dice
    il falso è un’illusione che ci piace
    il falso è quello che credono tutti
    è il racconto mascherato dei fatti
    il falso è misterioso
    e assai più oscuro
    se è mescolato
    insieme a un po’ di vero
    il falso è un trucco
    un trucco stupendo
    per non farci capire
    questo nostro mondo
    questo strano mondo
    questo assurdo mondo
    in cui tutto è falso
    il falso è tutto.
    Il tutto è falso
    il falso è tutto.
    Il tutto è falso
    il falso è tutto.
    Il tutto è falso
    il falso è tutto, tutto, tutto.

  • Sancio Panza

    (24 novembre 2010 - 00:53)

    Chi non ti conosce firebbe che ti sei fatto di acido , invece la tua dipendenza è solo Madame , molto meno tossica ma altrettanto devastante . Non è olpa tua Mon Rachet , c’ est la vie , pensa se fosse anche gnocca ..

  • fabrizio

    (24 novembre 2010 - 20:22)

    roberto, hai messo l’alettone alla mercedes?

    • ALBA

      (24 novembre 2010 - 20:52)

      Peggio, i deflettori ai vetri anteriori

I commenti sono chiusi.