Bechar 2008 Fiano di Avellino docg

Letture: 181
Bechar 2008 Fiano di Avellino

Uva: fiano
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Fare un buon bianco in acciaio in Irpinia è facile, la materia prima straordinaria aiuta la lavorazione semplice ed essenziale senza bisogno di altro.
Molto più complesso trovare il giusto rapporto con il legno. In Francia ci hanno un bel po’ e la nostra giovane viticoltura moderno in poco più di vent’anni ha onestamento fatto molto di più di quello che si poteva attendere.
Sono un convinto assertore della necessità di usare il legno per i due grandi bianchi dell’Irpinia per consegnarli definitivamente all’Olimpo dei vini che contano.
Il Bechar è stato uno dei primi tentativi in questa direzione e nel corso delle diverse vendemmie la Cantina Antonio Caggiano è riuscito a tarare sempre meglio il proprio Fiano nel rapporto con la barrique.
In questa versione 2008 la speziatura dolce è ancora forte e preponderante al naso, ma in bocca ci sono tanta forza e potenza. Quelle del vitigno ricco di personalità: lungo, di corpo, fresco e pimpante, il Bechar è sicuramente una beva interessante, e tale resterà per parecchi anni ancora.
Sui piatti strutturati, molto strutturati.

Sede a Taurasi, Contrada Sala. Tel e fax 0827.74043. www.cantinecaggiano.it. Ettari:20 di proprietà. Bottiglie prodotte: 100.000. Vitigni: fiano, greco, aglianico.