Benvenuto Cilento! Otto vini scelti da Roberta Raja

Letture: 460
La sala

di Roberta Raja

Benvenuto Cilento, prima rassegna indipendente presso il Savoy Beach di Paestum , dedicata ai prodotti del Parco del Cilento, è stato un evento farcito da una coltre di sapori e tipicità. Tra i prodotti tipici presentati non potevano mancare i vini Cilentani, espressione essenziale di cultura e territorio.
Ho potuto degustare i vini delle aziende partecipanti all’evento, restando piacevolmente impressionata dal coinvolgimento e dall’ adesione generale, in termini numerici ed emozionali. Citerò  soltanto alcune delle aziende che mi hanno maggiormente colpita, e non unicamente per le caratteristiche organolettiche dei vini, ma anche per la capacità da parte dei produttore di avermi trasmesso con semplicità il proprio progetto enologico, la propria storia, il senso d’appartenenza alle proprie radici e l’amore per la propria terra- insomma: per l’intero “pacchetto” celato dietro l’oggetto- vino, tappa ultima di passioni e sacrifici, che contraddistingue l’identità del produttore. Compiendo il mio tour degustativo, mi sono imbattuta oltre che in impagabili scoperte sensoriali, in un bagaglio d’informazioni tecniche ed emotive che ho raccolto avidamente. Ho potuto ascoltare le parole dell’esperienza di chi vinifica da anni ed è già ben indirizzato sulla propria strada, e le parole di chi, invece, è solo agli albori di questa appagante avventura e ostenta un puro entusiasmo, quello  degno della metafora-viaggio.
Tra le aziende che intendo annoverare c’è Casebianche di Elisabetta e Pasquale Mitrano, entrambi architetti che hanno deciso di lanciarsi nella magica esperienza della produzione vinicola. La loro prima vendemmia ed etichettatura ufficiale risale al 2007; l’azienda aderisce ai protocolli di produzione biologica e le uve sono coltivate secondo i principi dell’agricoltura ecocompatibile. Mi è piaciuto il confronto con una coppia legata dalle stesse passioni e il loro modo spontaneo e gioioso di aprirmi una finestra del proprio mondo . Il vino di cui parlerò è il Cumalè  -Fiano Paestum IGT (2009) – si tratta di un Fiano in purezza, la cui fermentazione e maturazione avviene in acciaio e legno. Trovo che questo vino  rappresenti totalmente Betty e Pasquale: un vino semplice, pulito, ma contraddistinto da grande carattere, un vino che resta fedele al contesto territoriale, ma che riesce a camminare da solo; l’intensità e la persistenza al naso non deludono le aspettative al palato; dotato di freschezza e di un sottile equilibrio.

Elisabetta Mitrano.Azienda Casebianche

Un vino che mi ha piacevolmente sorpresa è Miles –Aglianico Cilento DOC (2007) dell’azienda Cantine Barone sita a Rutino. La cantina nasce nel 1998 con Francesco Barone; a guidarmi nella degustazione: Mario Di Fiore , suo socio. Questo vino possiede una caratteristica che io adoro riscontrare durante le degustazioni: la masticabilità! A mio avviso, appunto, è un vino che si mastica, ben strutturato, conservante dei tratti giovani, come il colore rosso rubino intenso; una buona acidità sostiene il suo bouquet essenziale e persistente con giusta robustezza. Esplode al naso con dei lievi sentori di viola e dei più evidenti profumi di amarena e prugna con richiami timidi, ma netti, di cacao.
E’ dotato di una giusta tannicità e di una persistenza al palato molto lunga
.

Francesco Barone. Cantine Barone

Un altro dei vini che vorrei citare è un Moscato in purezza secco: si tratta Sintonie Paestum bianco IGT (2010) della Tenuta Mainardi, siamo ad Aquara, gestita dai fratelli Serra: Marco, enologo dell’azienda, e dal direttore commerciale Luca.
Il vino ha una particolare tendenza all’ambrato; al naso è chiara l’esplosione floreale con note di albicocca matura e fichi; non è dotato di una spiccata acidità- cosa giustificabile con la decisione aziendale di vendemmiare leggermente in surmaturazione. La decisione di raccogliere tardivamente è legata all’obiettivo di creare un prodotto che elabori sapori e profumi tipici del proprio territori
o.

Tenuta Mainardi

Un vino ha catturato particolarmente la mia attenzione: Prime vigne Aglianico –Aglianico Cilento DOC, dell’azienda Verrone Viticoltori. Si tratta di un Aglianico ben strutturato ed energico: regge la similitudine avanzata dal produttore, che lo ha comparato ad una giovane donna, irruento e inebriante come quest’ultima. Emana dei profumi avvolgenti di marasca piacevolmente speziati; intenso e immediato al palato, con tannini fini ed una buona acidità.

Paolo Verrone. Azienda Verrone viticoltori

Notevole il Calpazio –Greco 2010 Paestum IGT dell’azienda agricola San Salvatore di Peppino Pagano, sita a Capaccio-Paestum. Un vino d’impatto. E’ un vino che rispecchia il territorio manifestando, nel contempo, particolarità e autonomia di carattere. Dotato di profumi eleganti e fini con  caratteristiche note di frutti gialli, la mineralità percepita al naso non è delusa al palato, sprigionandosi netta e precisa; consistenti sono l’acidità e la persistenza. L’azienda sposa la “causa-ambiente”: per tutte le coltivazioni, infatti, sono adottati solo processi biologici con preparati biodinamici. L’azienda San Salvatore segue e abbraccia a trecentosessanta gradi un progetto di sviluppo agricolo che avalla un’idea di produzione ecosostenibile.

Dario Piccolo.Enologo dell'azienda agricola San Salvatore

L’azienda Belrisguardo, invece, mi ha stupita con un prodotto che ho trovato un po’ acerbo, ma interessante: mi riferisco ad Argylos –Aglianico Paestum IGT (2009). Al naso è intenso, ricco di profumi, decisi frutti rossi e un’eco di pepe; al palato è complesso con tannini molto giovani e irrequieti.

Cantina Belrisguardo

Dulcis in fundo… Tresinus 2010–Fiano Paestum IGT dell’azienda San Giovanni. Allo stand mi ha accolta Ida Budetta, donna elegante, proprio come il suo Fiano, il quale mi ha convinta su tutta la linea! Al naso delicate note floreali, intenso, minerale a tratti, con dei raffinati sentori sulfurei; in bocca persistente, minerale ed equilibrato. Semplice e austero nel manifestare un carattere “antico” e innovativo.
Un vino…con-Vincente!

Ida Budetta di cantine San Giovanni

Ripercorrendo nella mente i momenti salienti e gli incontri che hanno segnato la mia giornata a Paestum, mentre cerco di offrirvene un assaggio, mi sento davvero fortunata ad aver avuto questo momento di scambio con persone che condividono la mia stessa passione e l’amore per le proprie origini e la propria terra, in un contesto di alta professionalità e cultura come quello in cui si è svolta la rassegna Benvenuto Cilento.

23 commenti

  • Gaetano

    (13 novembre 2011 - 12:53)

    Bell’articolo complimenti! la prossima volta che andrò in Cilento e mi femerò a mangiare in qualche ristorante cercherò uno dei vini che consigli in questo aticolo! sei meglio di Michel Rolland!

    • roberta.raja

      (13 novembre 2011 - 13:17)

      hahahahahaha! non bestemmiamo!

  • Giuliana

    (13 novembre 2011 - 14:26)

    *Esplode al naso con dei lievi sentori di viola e dei più evidenti profumi di amarena e prugna con richiami timidi, ma netti, di cacao.* non me ne intendo affatto di vino eppure questo verso è un dipinto! grazie Roberta comincio a capire il fascino del vino :)

    • roberta.raja

      (13 novembre 2011 - 15:49)

      è bello che associ delle caratteristiche sensoriali ad un dipinto!
      è “sintomo” di grande sensibilità.
      un abbraccio
      Roberta

  • francesca

    (13 novembre 2011 - 14:36)

    tra le realtà campane, una delle più intriganti e “complete”, quella cilentana…forse, con le meraviglie naturalistiche e storico-archeologiche a catalizzare l’attenzione, è inevitabile che il versante enogastronomico finisca col passare in secondo piano o essere ridotto a pochi prodotti-simbolo (i.e. il fico, il miele, la mozzarella di bufala)…ma ecco questa bella rassegna e la penna di roberta a porre riparo! curiosità: cosa c’era da mangiare?! ;)

  • roberta.raja

    (13 novembre 2011 - 16:03)

    Sì. Questa rassegna è stata una somministrazione di una bella dose di Cilento! :)
    Invito tutti a partecipare a queste iniziative che hanno come scopo la divulgazione e la conscenza del patrimonio campano.
    Alla prossima dovrai esserci!!!!
    Roberta.

  • milady

    (13 novembre 2011 - 17:17)

    Riesci a rendere interessante la materia “vini ” anche a chi come me non ne capisce un tubo!

    • roberta.raja

      (13 novembre 2011 - 17:41)

      Grazie Milady!

  • Alberto Iacopini

    (13 novembre 2011 - 17:21)

    E’ sempre piacevole leggere i tuoi articoli. Complimenti e buona domenica. Carissimi saluti da NY.

    • roberta.raja

      (13 novembre 2011 - 17:59)

      Grazie e buona domenica a te!

  • Paolo E.

    (13 novembre 2011 - 18:37)

    Il tuo articolo mi riempie di curiosità…tecnico e preciso…adesso sarò costretto a comprare mille bottiglie e saggiarle tutte, seguendo i tuoi consigli!!

  • roberta.raja

    (13 novembre 2011 - 19:14)

    è comodo scaricare la colpa sugli altri… dì la verità cerchi solo una scusa per bere!
    Ovviamente scherzo! :)

  • Tonia

    (13 novembre 2011 - 20:33)

    Bellissimo questo articolo!! sono rimasta basita… sei stata semplicemente impeccabile nella descrizione dell’evento, mentre leggevo mi sembrava di sentire il profumo dei vini, brava!! ora dobbiamo chiamare solo Dudù sapore… per farci cucinare qualche bel piatto!! Anche se tu potresti sostituirlo tranquillamente… aaaahh quegli spiedini di pesce… ^.^

    • roberta.raja

      (14 novembre 2011 - 01:04)

      Che gioia rincontrarti qui!
      Quando vuoi sei invitata a casa, così ti rifaccio gli spiedini di pesce e degustiamo un buon bianco!
      Un abbraccio
      Roby

  • enrico malgi

    (13 novembre 2011 - 20:58)

    Ciao, Roberta.
    Come mai non ci siamo incrociati?

    • roberta.raja

      (13 novembre 2011 - 21:21)

      Forse ci siamo incrociati e non ci siamo riconosciuti!
      Alla prossima occasione sarà mia premura cercarti! :)
      Un abbraccio Roberta!

  • Arianna

    (14 novembre 2011 - 09:29)

    bellissimo articolo! ma.. quando facciamo una degustazione insieme? :P

    • roberta.raja

      (14 novembre 2011 - 21:06)

      Quando vuoi!
      :)

  • Gianluigi

    (15 novembre 2011 - 10:30)

    Avvolgente intensa e di buona acidità…SEI TU!!! :) Continua così un bacio!!!!

    • roberta.raja

      (16 novembre 2011 - 00:49)

      :Soprattutto di buona acidità! :)

  • bruno cassese

    (15 novembre 2011 - 16:56)

    le manifestazioni interessanti trovano sempre spazio nell’immenso panorama enologico,grazie a voi le ricchezze enologiche della campania,so messe in evidenza

  • roberta.raja

    (16 novembre 2011 - 00:50)

    Si deve continuare a prcorrere questa strada ricca, sicuramente, di soddisfazioni!
    un caro saluto
    Roberta

  • Giovanna Voria

    (18 novembre 2011 - 00:21)

    E’ stato bello vederti a ” Benvenuto Cilento” interessata a tutto quello che era intorno a te,proprio una bella Cilentana.
    Complimenti Robertì per il bellissimo articolo!
    Oramai hai preso il volo e chi ti ferma più! <3

I commenti sono chiusi.