Bibenda e Ais: lasciamoci così, senza rancor

Letture: 128
Franco Ricci e Antonello Maietta (Foto ItaliaaTavola.it)

Non sono passati neanche tre anni da quando Franco Ricci, Antonello Maietta e Daniele Cernilli annunciavano grandi piani di sviluppo per l’Ais e per Bibenda

Prima la separazione tra Cernilli e Ricci, adesso quella, ormai ineludibile, tra l’Ais e Bibenda.

Forse chi sa le cose interne avrebbe potuto capire che qualcosa non andava dal fatto che al matrimonio di Maietta mancava proprio Franco Ricci: una assenza di peso visto che i due sono sempre stati molto legati, al punto che Antonello ha trovato proprio in Franco il suo main sponsor per il progetto di governo dell’Ais del dopo-Medri.

C’era invece Armando Castagno, vero idolo del 2.0, soprattutto di quelli che vedono Ricci come il fumo negli occhi. Una rottura avvenuta all’ultimo piano dell’Hilton a giugno che si annunciava morbida ma che poi si è trasformata, come tutti gli amori viscerali, in una spaccatura personale con il passare dei mesi.

Antonello Maietta, da noi interpellato a telefono, sembra più possibilista a una ricomposizione: “Scadiamo a giugno, dice, e non possiamo prendere alcun impegno per Bibenda, tanto meno triennale perché non è giusto per chi verrà dopo di noi. Con Franco sicuramente mangeremo ancora il panettone insieme”

“Nessuna richiesta di impegno triennale per la guida – ribatte Ricci – abbiamo offerto all’Ais uno strumento efficace e ben fatto con una redazione di professionisti che non ha eguali in Italia. Vuol dire che torneremo a farla come in passato”.

Bibenda or not bibenda

Insomma, si può annunciare una rottura? “Non c’è niente da annunciare – conclude Ricci – credevamo fosse possibile ampliare un progetto di qualità, Bibenda è una cosa troppo importante e non può finire in beghe associative, restiamo dove siamo sempre stati e andremo avanti come abbiamo sempre fatto. E’ destino di chi ha successo essere nel mirino di tutti, purtroppo funziona così”.

Nelle rotture non c’è mai una ragione e un torto. Personalmente abbiamo molto apprezzato che sia Cernilli che Ricci, anche in privato, non abbiano dato la stura a polemiche personali al termine di una rottura che non deve essere stata facile.

Speriamo che anche tra Bibenda e Ais, nonostante a Firenze se ne siano sentite di tutti i colori, si riesca a trovare la stessa cifra comportamentale.

Un commento

  • mario

    (25 novembre 2013 - 10:04)

    sfrutta l’ais a scopo mercantile e vorrebbe fare politica

I commenti sono chiusi.