Dopo cinque anni torna il Birrificio Messina

Letture: 937
Birrificio Messina, etichetta
Birrificio Messina, l’etichetta

di Adele Elisabetta Granieri

Birra artigianale Messina: dopo cinque anni di cassa integrazione, nella città dello Stretto, riparte la produzione grazie alla tenacia di 15 operai mastri birrai, rimasti senza lavoro nel 2011, che hanno vinto una scommessa.
Da metà settembre la Birra Messina torna sul mercato con le etichette “Birra dello Stretto”, “Doc 15 Premium” e “Doc 15 cruda”.

La produzione risale al 1923, quando la fabbrica era di proprietà della famiglia Lo Presti-Faranda, che l’aveva fondata. Poi nel 1988 è cominciata l’era della Dreher spa di Milano, poi divenuta Heineken Italia. Nel 1999 lo stabilimento comincia ad essere utilizzato solo come impianto di imbottigliamento.

Nel 2007 comincia la crisi: lo stabilimento originario di Birra Messina non era più interessante per Heineken, che ne annunciò la chiusura. Pochi mesi dopo la famiglia Faranda riacquistò lo stabilimento e cominciò una nuova avventura battezzata Birra Triscele (il marchio Birra Messina rimase di proprietà di Heineken). Il resto è storia recente: il marchio Birra Triscele non è mai decollato e nel 2011 è arrivata la chiusura dell’azienda.

Birra Messina, i birrai
Birra Messina, i birrai

E qui comincia la storia di Birra dello Stretto. Gli oltre 40 dipendenti di Birra Triscele cercarono una soluzione a un futuro che per loro ormai sembrava segnato. Dopo un anno di vertenza e di presidio fisso accanto all’ex stabilimento, 15 dei quaranta lavoratori decisero di intraprendere una strada diversa: investirono tfr, indennità di mobilità e risparmi di una vita per continuare a produrre birra fondando la cooperativa Birrificio Messina.

È così che dopo cinque anni di buio, nella città dello Stretto riparte la produzione, grazie alla tenacia di 15 operai che sono diventati imprenditori di loro stessi.

Un miracolo contemporaneo che racchiude un messaggio importante per le prossime generazioni: la Sicilia non è una terra arida, se si pianta un seme può ancora crescere vita.