Biscotti siciliani: I Viscotta o Vinu Cuottu e Miennili di San Francesco

Letture: 238
I Viscotta o Vinu Cuottu e Miennili  di San Francesco
I Viscotta o Vinu Cuottu e Miennili di San Francesco

Ecco la ricetta di Laura Scollo di biscottini tipici siciliani preparati con il vino cotto.

“A donna Jacopa, serva dell’Altissimo, frate Francesco, poverello di Cristo, augura salute nel Signore e comunione nello Spirito Santo. Sappi, carissima, che il Signore benedetto mi ha fatto la grazia di rivelarmi che è ormai prossima la fine della mia vita. Perciò, se vuoi trovarmi ancora vivo, appena ricevuta questa lettera, affrettati a venire a Santa Maria degli Angeli. Poiché se giungerai più tardi di sabato, non mi potrai vedere vivo. E porta con te un panno di colore cenerino per avvolgere il mio corpo e i ceri per la sepoltura. Ti prego anche di portarmi quei dolci, che tu eri solita darmi quando mi trovavo malato a Roma”.

I Viscotta o Vinu Cuottu e Miennili  di San Francesco, gli ingredienti
I Viscotta o Vinu Cuottu e Miennili di San Francesco, gli ingredienti

 

I Viscotta o Vinu Cuottu e Miennili  di San Francesco, un momento della preparazione
I Viscotta o Vinu Cuottu e Miennili di San Francesco, un momento della preparazione

 

I Viscotta o Vinu Cuottu e Miennili  di San Francesco, le fasi di preparazione
I Viscotta o Vinu Cuottu e Miennili di San Francesco, le fasi di preparazione di Laura SCollo

 

I Viscotta o Vinu Cuottu e Miennili  di San Francesco
Laura Scollo con I Viscotta o Vinu Cuottu e Miennili di San Francesco

I Viscotta o Vinu Cuottu e Miennili di San Francesco

Di

Ingredienti

  • 1kg di farina di grano duro
  • 1 litro di Vino Cotto di Vittoria
  • 1/2 litro di acqua
  • 2 arance
  • 2 bastoncini di cannella
  • 500 gr di mandorle pizzute di Avola tostate
  • 300 ml di miele di carrubbo ragusano

Preparazione

Versate in una pentola il Vino Cotto, la scorza di un'arancia le bacchette di cannella e l'acqua.
Ponete sul fuoco la pentola e lasciate che il liquido riscaldi lentamente.
Non appena questo sarà avvenuto estraete le cannella e la scorza d'arancia e incorporate pian piano la farina avendo cura che non si formino grumi.
Lasciate raffreddare il composto su un piano preferibilmente di marmo.
Quando questo sarà avvenuto completamente incorporate nell'impasto 250g di mandorle tostate e 200 ml di miele di carrubbo.
Lavorate l'impasto qualche secondo. A questo punto staccate piccoli pezzi e disponeteli in forno preriscaldato
a 200 gradi.
Lasciateli cuocere 30 minuti.
Una volta cotti lasciateli raffreddare ma non completamente.
Disponeteli su un piatto da portata e versatevi su la restante parte di miele di carrubbo, le altre mandorle che nel frattempo avrete frullato e la scorzetta d'arancia.

Un commento

  • peppiniello

    (13 ottobre 2015 - 09:21)

    Interessanti,e che dire Laura Scollo è bella e”scollata”

I commenti sono chiusi.