Boscareto Resort, Serralunga d’Alba. Ristorante La Rei e degustazione “Les caves de Pyrene”

Letture: 235

– del Guardiano del Faro –

Non saprei dire se si tratta di eco-mostro o architettura d’avanguardia, certo è che la struttura del Boscareto Resort lascia in mente parecchi punti interrogativi a fianco di altri punti esclamativi.

Insomma, se non volevano passare inosservati l’obiettivo è raggiunto. Tutto è discutibile , figuriamoci davanti a questo blocco di cemento, legno e vetro, che visto dall’esterno è “parecchio discutibile”. E non credo che sarà molto diverso quando la ricca vegetazione prevista circonderà con più carattere il contesto, anche perché non avrebbe senso nascondere il progetto su cui si è puntato, ma anche su questo aspetto non secondario gli abitanti della zona ironizzano per le scelte botaniche messe a vegetare.

Zona Bar al Boscareto Resort

Ma non siamo venuti qui per fare gli impiegati del catasto. Siamo venuti per la magnifica performance messa in atto da Christian Bucci : la degustazione “ Vini di Territorio” , 128 vini in degustazione nell’arco di un faticoso pomeriggio. E’ uno sporco e faticoso lavoro, ma sono stati in molti a volerlo affrontare. Almeno 300-350 persone hanno accolto l’invito e sono corsi a Serralunga d’Alba, sancendo così il successo completo della manifestazione.

Lasciamo dunque in secondo piano l’ingresso dell’hotel, che essendo privo di insegne sull’apertura e sulla facciata ( probabilmente da ridefinire) sembra più l’accesso ad una casa di riposo o ad una clinica privata. E lasciamo da una parte anche l’impressione totalmente opposta sull’altro ingresso, quello sottostante, quello principale dell’hotel, dove l’enorme zona bar vive di colori così sgargianti da far dimenticare quanto è sobrio ed elegante è il piano superiore. Decine e decine di salotti sommersi di toni di rosso Las Vegas culminano sul banco bar che curiosamente manca dell’aspetto confidenziale di ogni bar di grande albergo, dove la possibilità di sedersi sui classici sgabelli al bancone sarebbe auspicabile ed invece non è stata prevista.

Il giardino interno del Ristorante La Rei

Torniamo sopra allora, dove il piacevolissimo giardino interno ci accoglie in orario molto anticipato, così da poter fare il dovuto riscaldamento pre match, prima con una bottiglia di Ulisse Collin 2005 e poi con l’assaggio di alcuni piatti al Ristorante La Rei, sulla bocca di tutti gli appassionati negli ultimi mesi.

Matteo, il bravissimo sommelier de La Rei

Non sto a fare una recensione del locale e della sua cucina, avendo assaggiato solo quattro piatti e non avendo fatto sicuramente il pranzo dell’anno. Anche se sarebbe corretto osservare che fosse pure la prima volta che si entra da Le Bec o da Blanc per mangiare due piatti sarebbe abbastanza facile capire a quale categoria appartengano quelle cucine. Qui non è stato invece chiaro, perché una certa pacatezza e senso di incompletezza  da spazio ad ulteriori margini di crescita.

Tempura di triglia, nasello e fiore di zucchino

Una discreta tempura di fiori di zucchino, nasello e triglia. Un pacato agnolottino tartufato in salsa di mandorle, una bistrottiana insalata di faraona e porcini alla frutta di stagione e senape in grani e infine un grande piatto di carne di Martini, leggermente affumicata e posata su una convincente salsa di fondo. Coraggiosa e riuscita anche l’insalata di crudità in julienne a staccare e rinfrescare con decisione dal sapore intenso della carne , della sua caratterizzazione fumè e dalla sua eccellente salsa.

Insalata tiepida di faraona e porcini, fichi, ciliege, pesca e senape in grani
Gli agnolottini tartufati in crema di mandorle.
La splendida costata di Martini.
E la freschissima julienne di verdure crude in insalata.

Comunque bene così, ad averne di ristoranti così negli alberghi italiani, anche nei 5 stelle lusso come questo. Sistemato lo stomaco si può partire a testa bassa per affrontare i 128 vini in degustazione. Ovviamente, la prima domanda spontanea che chiunque ti pone quando hai terminato una kermesse olimpica di questa lunghezza è : quale è stato il vino che ti ha colpito di più ? E curiosamente la risposta è stata immediata e spontanea.

Si stappano i Metodo Classico di Baricchi

Il vino che per la sua originalità e la sua riuscita mi è rimasto più in mente è stato l’Ice Wine Metodo Classico di Baricchi. L’anticonformista piemontese delle bollicine colpisce ancora con chiarezza di profumi, con finezza di perlage e splendido equilibrio  tra dolcezza e acidità agrumata, e rende questo vino un passepartout enologico sul quale, i sommelier che ne potranno disporre, potranno volarci sopra con mille idee di accostamenti poetici.

Bressan

Sul tema simile ma diverso anche il convincente Moscato Cà d’ Gal 2004 la cui profondità di profumi si fonde su note rinfrescanti di salvia e menta. Veramente ottimo.

Pizzicando chicche un po’ random ancora in tema bollicine ecco questo valdostano Caronte, Petit Rouge rosè metodo classico  . Poi ricordiamo le intense Barbera Trinchero, tra cui le due versioni 1999, la seconda delle quali affinata in botti di castagno.

Trinchero

Ottima anche la batteria de Le due terre di Flavio Basilicata, dove il Sacrisassi bianco e il Merlot hanno convinto la platea. Bressan ha portato invece una batteria di vini di una personalità rara. Vini che meriterebbero una degustazione a parte per capire meglio il messaggio che vuole far passare attraverso il bicchiere.

Così come la batteria di Dario Princic, produzione che non può passare inosservata.

Servizio sommelier per Dario Princic

La vasta parte francese ( 26 produttori ) quasi tutti conosciuti dagli habituè, hanno confermato una comune coerenza con il passato, una riconoscibilità di terroir e di provenienza praticamente didattica. Voglio ricordare i classici Macon e Pouilly di Valette,  i profumatissimi alsaziani si Albert Mann, il convincente St.Joseph di Monteillet, lo straordinario Morgon di Foillard ( il migliore mai bevuto) , l’evoluto Chablis 2001 di Dafaix e il confermato successo della produzione borgognona di Frederic Cossard. Meno  convincenti gli altri Borgogna, quelli di Derain, così come il Savennieres Domaine Laureu e  il Gevrey Chambertin 2005 di Heresztyn. Finale a sorpresa con l’eccellente Rias Baixas Terras Gauda 2007, denominazione della Galizia che amo molto e che qui ha confermato il suo carattere ed il suo fascino.

Anche Giorgione Grigliatti in arrivo con Rebo, ristoratore il Val Borbera.

Ultimo ma non ultimo l’aspetto fondamentale di questa degustazione, e cioè la ricerca del rapporto qualità prezzo generale dei vini proposti ai molti ristoratori convenuti alla degustazione. Il novanta per cento dei vini in degustazione stanno su una fascia di prezzo d’acquisto tra i 10 e i 25 euro e si prestano dunque molto bene ad essere riproposti in molte carte dei vini bisognose di carattere e  personalità senza saccheggiare il portafoglio dei clienti.

Si fa sera, Maitre e Chef pianificano la serata nella cucina sotto vetro.
GDF

17 commenti

  • roberto

    (8 settembre 2010 - 13:39)

    Per le foto? … sto seguendo la linea, la linea “editoriale” :-)

    Bressan ha presentato dei vini con un carattere e una personalità che può lasciare perplessi o piacevolmente stupiti, ma nessuno indifferente.

  • Alessandro Marra

    (8 settembre 2010 - 14:58)

    Caspita, ma c’ero anch’io! Dov’eri GdF? A poter conoscere la tua faccia (e non il faro) avrei avuto piacere a vederti di persona!

    • roberto

      (8 settembre 2010 - 16:06)

      … otto ore in giro per il resort con gli unici pantaloni giallo senape venduti negli ultimi 12 mesi chi mi voleva trovare mi ha trovato :-)

      Comunque c’è spazio ( se Luciano è d’accordo) per una seconda parte fotografica della giornata che è poi culminata con un improvvisato e riuscitissimo Armadillo’s Party.

  • Lucien

    (8 settembre 2010 - 17:26)

    Beh, che altro aggiungere? Il Guardiano è stato esaustivo as usual (ora pero’ attendiamo la part two…) Non entro nel merito architettonico, argomento gia’ troppo svilippato in un ‘infelice post su Vino al Vino .Voglio pero’ qui lodare l’estrema gentilezza e professionalita’ di tutto il personale del resort nonchè la perfetta riuscita dell’ evento sotto l’attenta regìa di un capace Christian Bucci..
    Per quanto riguarda le mie emozion,i in una giornata, faticosa ma estremamente gratificante, posso riassumerle in ordiìne strettamente temporale così:
    – La splendida costata di Martini al ristorante “La Rei”
    – La barbera ’99 di Trinchero (niente battute,please..)
    – Pinot Grigio di Princic e non solo quello..
    – Beaune 1° cru frederic Cossard
    – Sacrissassi Bianco e Merlot
    – il delizioso Moscato di Ca’d’Gal (con in abbinamento dei biscottini da urlo!!)
    e ancora Foillard, Fattoria San Lorenzo, Gatti, Foradori ecc..
    Ah, e quella cremina di acciughe di cui non ricordo ilò nome ma solo la bonta’!
    E last but not lest il MONUMENTALE Champagne Fallet Prevostat ’76 degorgement 2008 (!?!) bevuto alla Locanda dell’Arco di Cissone le sera in una defatigante e corroborante cena con gli ultimi sopravissuti..

    A bientot les amis
    L

    • roberto

      (8 settembre 2010 - 17:32)

      Crema di acciughe centrifugate con olio Taggiasco by SOMMARIVA . Splendida!

  • Hazel

    (8 settembre 2010 - 18:22)

    Sono solito farmi delle flebo defatiganti alla crema d’acciughe Sommariva.
    Sentiti complimenti al servizio sommelier per Dario Princic e non solo.

  • carolina

    (8 settembre 2010 - 20:18)

    ciao, così sei tu con quei pantaloni… luciano deve averti portato anche un assaggio del nostro raboso, dicendo che però eri in fase relax (erano boh… le 8?).
    comunque sia, mi piace questo articolo! finalmente qualcuno parla dei vini oltre che della struttura che è un mix tra casa del riposo e cimitero di lusso. grazie sior guardiano!!!

    • Lucien

      (8 settembre 2010 - 21:07)

      Sì sì, il Guardiano era proprio lui, quello coi pantaloni senape, alle 20 in piena pausa “gintonic defatigante” gli ho portato l’assaggio di Raboso, chissa’ se si ricorda.
      Ciao Carolina e complimenti ancora per i tuoi vini e per la simpatica schiettezza con cui li “racconti”

      • roberto

        (8 settembre 2010 - 22:15)

        Si, ricordo un raboso dopo il gin hendricks & tonic, scodinzolava mentre ero al telefono, era un esemplare a pelo lungo se ricordo bene. :-)

        • carolina

          (9 settembre 2010 - 13:35)

          eh si… pelo lungo, sullo stomaco! :)

  • carolina

    (8 settembre 2010 - 21:49)

    ah ecco, grazie Luciano, sopratutto per la precisazione del gin tonic :). grazie del complimento e riguardo alla schiettezza, mi piace che ti piace, vuol dire che sei schietto pure tu! :)

  • Sancio Panza

    (9 settembre 2010 - 01:07)

    Mi sà che mi son perso qualcosa ma stò cercando di smettere di mangiare e bere !SOB!!!

  • christian milone

    (9 settembre 2010 - 01:39)

    ..caro sancio mi sa che anche io mi sono perso più di una cosa…la vostra ottima compagnia e una bella carrellata di assaggi… ma il lavoro come sapete e bastardo forte e mi tiene sempre inchiodato in cucina…SIG!!

  • Giorgio Antonio Cavagnero

    (10 settembre 2010 - 22:57)

    …peccato non esserci.

  • Lucien

    (12 settembre 2010 - 00:13)

    Bastava venirci…

  • Franco Ziliani

    (12 settembre 2010 - 09:49)

    @ Lucien: mi potrebbe cortesemente spiegare perché sarebbe “infelice” il post (anzi, i post) che ho dedicato su Vino al Vino all’eco-mostro, pardon, al Boscareto resort? Mi illumini, mi faccia capire…

  • Lucien

    (12 settembre 2010 - 11:27)

    caro Franco (scusa ma io non passo al Lei) ti stimo e seguo da anni il tuo Vino al Vino questa pero’ non è condicio sine qua non percui debba essere sempre d’accordo con cio’ che scrivi. Il mio punto di vista l’ho gia’ espresso nei commenti del tuo post. Direi che possiamo chiudere il tormentone..

    Di contro ti posso dire la la manifestazione è riuscitissima e che dentro l’ecomostro si sta benissimo..

    buona domenica
    A bientot Lucien

I commenti sono chiusi.