Cagliari, ristorante Flora

Letture: 96

Via Sassari, 45
tel. 070.664735
Aperto: sempre
Chiuso: domenica
Ferie: variabili ad agosto e tra Natale e Capodanno

Siamo in pieno centro, nel quartiere storico di Stampace, a cinque minuti dalla stazione e dalle vetrine di via Roma. Un ristorante tradizionale, nel vero senso della parola: dalla cucina, all’ambiente, al servizio. Arredamento classico ed elegante, personale attento, con possibilità di cenare all’aperto in un bel gazebo fiorito durante la (lunga) stagione estiva.
Il menù è scritto ma conviene farselo recitare a voce per le non rare varianti che propone quotidianamente lo chef anche in base a ciò che offre il mercato. Si può cominciare con un fritto di polpettine, un tortino di verdure o con una zuppetta di cozze. A partire dagli antipasti e dalle zuppe, infatti, c’è una ricca scelta sia di mare che di terra. Tra i primi piatti buoni i ravioli di cipolla, gli spaghetti al granchio o ai ricci e, per i gusti più decisi, le penne allo spezzato di pecora. Pecora, capra e cinghiale sono proposti anche in umido come secondo piatto insieme alle ricette tipiche a base di frattaglie, autentico baluardo della cucina contadina sarda. A seconda del pescato, poi, grigliate di pesce e crostacei oppure cappone di mare al forno con pomodori e patate. Per chiudere, dessert della casa con l’imperdibile sebadas, fagottino di sfoglia sottilissima ripieno di pecorino fresco e ricoperto di miele.
La cantina regionale è curiosa e attenta, con in più qualche etichetta francese.
Conto sui 40 euro.

Virginia Di Falco