Campania felix: festa di fine stagione all’Angiolieri, sette chef per sette grandi piatti

Letture: 283
Sette chef per la Festa al Grand Hotel Angiolieri

 

di Tommaso Esposito

Ristorante L’Accanto del Grand Hotel Angiolieri.
La notte di Halloween.
Fuori tra cielo e mare la tempesta.
Poi la quiete.
Nella sala grande si festeggia la notte di fine stagione.
E si celebra la grande passione per la cucina.
Gusto, Leggerezza, Lusso e Voluttà i temi.
Sette amici cuochi si sono cimentati con grande allegria giocando di talento.

Sette chef per la Festa al Grand Hotel Angiolieri

Non una gara, ma un gioioso tripudio.

I cuochi in cucina

Ci sono tammorre, pizziche e  fronne dei “Triotarantae”.

tammorre, pizziche e fronne dei “Triotarantae”.

Radiosa è Elisa Balzano.

Laura Gambacorta con Elisa Balzano titolare dell'Angiolieri

Si brinda con i vini Feudi di San Gregorio versati da una squadra perfetta: Nicoletta Gargiulo, Vincenzo Ercolano e Giuseppe Cuomo.

Giuseppe Cuomo, Nicoletta Gargiulo e Vincenzo Ercolano. I sommelier

Ecco i Gran Cucinieri:
Vincenzo Guarino, Ristorante L’Accanto – Seiano di Vico Equense
Giuseppe Di Martino sous chef di Gennaro Esposito, Torre del Saracino – Seiano di Vico Equense
Paolo Barrale, Marennà – Sorbo Serpico
Salvatore Bianco, Il Comandante del Romeo Hotel – Napoli
Remo Capitaneo sous chef di Enrico Bartolini, Ristorante Devero – Cavenago di Brianza
William Zonfa, Magione Papale – L’Aquila
Cristian Torsiello, Osteria Arbustico – Valva (Salerno)

Ed ecco il menu.

Bufalo e tonno.

Bufalo e tonno.
Bufalo e tonno. Di Salvatore Bianco
Bufalo e tonno. Di Salvatore Bianco
Bufalo e tonno. Di Salvatore Bianco

Bella Entrata di Salvatore Bianco.
Carne cruda e lamelle di tonno essiccato. Contrasto di pane croccante. Leggero amaro della misticanza. Gocce d’olio fruttato. Allo sguardo variopinto.

Alici in saor.

Remo Capitaneo e le alici in saor
Alici in saor di Remo Capitaneo
Alici in saor di Remo Capitaneo

Rilettura del piatto principe nelle Venezie di Remo Capitaneo.
Carnosa l’alice in vece della sardina. Stille di cavolo rosso fermentato che divengono blu. Poi sfoglia di cipollotto candito. Meringa di frumento. E alga con sesamo. In carpione come si deve, con levissimo aceto quasi etereo.

Uova, patate e peperoni.

Uova, patate e peperoni.
Uova, patate e peperoni di William Zonfa
Uova, patate e peperoni di William Zonfa

William Zonfa gioca romantico sull’aia.
Patate in crema, ma anche in snack. Si apprezzano così e colà: vellutate e croccanti. Odorose come il peperone reso cipria. A mo’ di Zafarana di crusco e perciò preziosa. Piatto ruspante da mangiare tutto insieme in un sol boccone.

Da bere c’è DUBL Aglianico 2009, Vino Spumante Metodo Classico.

DUBL Aglianico 2009, Vino Spumante Metodo Classico. Nicoletta Gargiulo

 

Deliziosi i panini al pomodorino.

I panini al pomodorino
I panini al pomodorino

 

Poi i primi. Due. Superbi.

Il Risotto con cipolla ramata di Montoro, sauro bianco affumicato, alga croccante al profumo di limone e peperoncino.

Risotto con cipolla ramata di Montoro. Giuseppe Di Martino
Risotto con cipolla ramata di Montoro di Giuseppe Di Martino

Giuseppe Di Martino si dà da fare. Sentori di agrume di dentro e sul bordo. Intensa e lunga la cipolla, eppure gradevolissima. All’onda, all’onda giunge perfetta la cottura dei chicchi di Vialone, fra cui guazzano il sauro e l’alga. Anche qui, non solo Oltrepo, di risotto si gode.

C’ è nel calice Campanaro 2010, Irpinia Bianco DOC.

Campanaro 2010, Irpinia Bianco DOC.

 

Tortelli di agnello cavolfiore e acciughe.

Tortelli di agnello cavolfiore e acciughe. By Cristian Torsiello
Tortelli di agnello cavolfiore e acciughe. By Cristian Torsiello
Tortelli di agnello cavolfiore e acciughe. By Cristian Torsiello

By Cristian Torsiello. Nel pozzetto  crema di cavolfiore e acciuga. Nel tortello v’è l’agnello.
Connubio felice. Lo scrigno di pasta è morbido fatto com’è con semola uova e farina. Racchiude l’ovino che si sente come non più accade. E lieve è il cavolo con l’alice disciolta. Fa scintille al palato. Complice anche la riccia scarola tenace. C’è Natale e pure Pasqua in questo piatto. Perciò è antico. Perciò è moderno. Perciò piace.

Per secondo c’è Manzo cotto nelle vinacce di Aglianico e radici.

Manzo cotto nelle vinacce di Aglianico e radici. Paolo Barrale
Manzo cotto nelle vinacce di Aglianico e radici. Paolo Barrale

Manzo cotto nelle vinacce di Aglianico e radici. Paolo Barrale

Paolo Barrale va in contropiede.
Tra tutti i sensi impegnati trionfa il tatto. Lussuriosa la carne morbida, soffice, umida com’è intrisa di vino.  Si impone al palato così, per la sua essenza. Poi viene il gusto. Con i suoi contrasti tra il ristretto del fondo e il croccante delle coste di radicchio o della radica di rapa bianca, di rapa rossa.

Si versa Piano di Montevergine 2007 Taurasi Riserva DOCG

Piano di Montevergine 2007 Taurasi Riserva DOCG. Versa Giuseppe Cuomo

E’ tempo di After Eggs.

After Eggs.Salvatore Bianco
After Eggs.Salvatore Bianco
After Eggs.Salvatore Bianco

Quel che resta dell’uovo tra le mani di Salvatore Bianco. Il guscio, che raccoglie fonduta di cioccolato amaro con crunch di cacao ed è coperta da cialda caramellata. Si gusta con piccolo cucchiaio che odora di pino e menta. After egg, after eight.

Privilegio 2011, Irpinia Fiano Passito DOC è il vin dolce che ammalia.

Privilegio 2011, Irpinia Fiano Passito DOC
Privilegio 2011, Irpinia Fiano Passito DOC

Poi il dolce Cremoso alle castagne con biscotto di zucca farcito con mousse all’arancia e sorbetto al melograno .

Cremoso alle castagne con biscotto di zucca. Vincenzo Guarino
Cremoso alle castagne con biscotto di zucca. Vincenzo Guarino
Piccola Pasticceria. Vincenzo Guarino
Piccola Pasticceria. Vincenzo Guarino

Alle coccole finali ci pensa Vincenzo Guarino.
E che coccole.
Da gran dessert.
Da festa grande.
Com’è stata.

Notte di stelle, ma anche di cappelli.Grance festa dei sette chef
Notte di stelle, ma anche di cappelli.Grance festa dei sette chef
Angiolieri, il brindisi degli chef
Notte di stelle, ma anche di cappelli.Grance festa dei sette chef

Notte di stelle, ma anche di cappelli.
Chapeaux.

6 commenti

  • diodato buonora

    (1 novembre 2012 - 22:58)

    Una bella iniziativa. Bei piatti. Grandi chef. Ma …. a proposito di chapeaux, non si usano più i cappelli in cucina?

    • Luciano Pignataro

      (1 novembre 2012 - 23:51)

      Ottima osservazione
      In cucina con il cappello ho sempre visto solo Nino Di Costanzo

  • milady

    (2 novembre 2012 - 16:52)

    che bella brigata in cucina e che sapori hai raccontato…con la maestria di sempre!

  • angelo

    (4 novembre 2012 - 23:14)

    Mi sa tanto che la signora Elisa Balzano si spaccia per quello che non è!!!!!!!!

  • Jerry

    (7 novembre 2012 - 22:35)

    @Angelo, credo che tu non ti sbagli! Pura Saccenza!!
    @Diodato, le norme haccp, solo una formalità…

  • Nicola Di Vincenzo

    (23 novembre 2012 - 00:26)

    È facile camminare sugli allori altrui. Sono stato all’accanto in estate, un disastro!!! Piatti freddi e sapori inconsistenti! Servizio a parte, Niente a che vedere con l’anno precedente!
    Nicola.

I commenti sono chiusi.