Campania, i vini preferiti da Slow Wine 2015

Letture: 115
Campania secondo Slow Wine

Naturalmente non possiamo che essere contenti avendo noi coordinato questo grande lavoro di squadra. Ne sono molto soddisfatto.

La produzione del vino campano resta, col suo milione e mezzo di ettolitri o poco più, una goccia nel mare del vino italiano. Solo un nicchia per appassionati, perché l’agricoltura intensiva della pianura (purtroppo non solo l’agricoltura…) ha relegato da sempre la vite nelle colline delle zone interne. Un elemento strutturale che, però, ne spiega anche tutto il pregio e che vede la provincia di Avellino spiccare il volo per qualità acquisendo, con le sue tre Docg (Taurasi, Fiano di Avellino e Greco di Tufo), una dimensione nazionale e ormai anche internazionale.
Ma è di Benevento che vogliamo parlare adesso: grazie al riordino delle Doc, la zona sta facendo i passi in avanti più significativi rispetto al recente passato. E non solo per i numeri, (con i suoi 864.000 ettolitri da sola copre la metà della produzione totale della regione!), ma anche per i due vini leader del territorio, Aglianico e Falanghina.
In questa edizione della guida abbiamo cercato di registrare queste due macrotendenze, spostando la nostra attenzione sull’Irpinia e sul Sannio. Il motivo è da ricercare anche nei risultati delle degustazioni, perché proprio in queste province (rispettivamente Avellino e Benevento, ricordiamolo), pur nella diversità interpretativa delle singole cantine è possibile riconoscere un profilo olfattivo e gustativo comune.
Non mancano naturalmente straordinari solisti in altri territori, uomini e donne che con sacrificio portano avanti un’idea di vino che noi sosteniamo da sempre: viticoltura ecocompatibile, vini interpreti, per quanto possibile, della terra di cui sono espressione e che non indulgono a facili piacevolezze. Citiamo almeno a volo d’uccello il Vesuvio e i Campi Flegreiin provincia di Napoli e la Costiera Amalfitana in quella di Salerno: fare viticoltura qui non è facile in assoluto, figuriamoci farla bene.

Riguardo ai vitigni, grandissima prova per fiano, greco e falanghina: il tridente conferma la reale vocazione campana nel vino bianco e se ad essi aggiungiamo biancolella, asprinio, coda di volpe, pallagrello bianco, coda di pecora… il dato diventa addirittura schiacciante. Molto bene anche il Taurasi, alias uva aglianico, iscritto ormai da tempo nei grandi rossi italiani, ma vogliamo sottolineare ancora una volta che la grande novità è la crescita del piedirosso, uva poco conosciuta fuori regione, ma affascinante, antica e moderna allo stesso tempo.
Questa la nostra disamina di una viticoltura di nicchia, lo abbiamo detto, ma che conquista sempre di più. Anno dopo anno, un centimetro alla volta.

 

VINO SLOW

Cilento Aglianico Cenito 2010, Maffini

Costa d’Amalfi PerEva 2012, Tenuta San Francesco

Fiano di Avellino 2011, Guido Marsella

Fiano di Avellino 2012, Ciro Picariello

Fiano di Avellino 2012, Rocca del Principe

Fiano di Avellino 2013, Colli di Lapio

Greco di Tufo Raone 2013, Torricino

Greco di Tufo Vigna Cicogna 2013, Benito Ferrara

Taurasi Coste 2009, Contrade di Taurasi

Taurasi Poliphemo 2010, Luigi Tecce

Taurasi Ris. 2006, Michele Perillo

Taurasi Vigna Macchia dei Goti 2010, Antonio Caggiano

 

GRANDE VINO

Costa d’Amalfi Furore Bianco 2013, Marisa Cuomo

Fiano di Avellino 2013, Pietracupa

Fiano di Avellino Exultet 2012, Quintodecimo

Fiano di Avellino Vigna Acquaviva 2012, Montesole

Greco di Tufo Cutizzi 2013, Feudi di San Gregorio

Irpinia Campi Taurasini Cinque Querce 2010, Salvatore Molettieri

Sabbie di Sopra il Bosco 2012, Nanni Copè

Taurasi Radici 2010, Mastroberardino

 

VINO QUOTIDIANO

Campi Flegrei Colle Imperatrice 2013, Cantine Astroni

Campi Flegrei Falanghina 2012, Contrada Salandra

Campi Taurasini Rasott 2010, Boccella

Costa d’Amalfi Tramonti Bianco 2013, Giuseppe Apicella

Irpinia Aglianico Magis 2011, Antico Castello

Lacryma Christi Bianco Vigna Lapillo 2013, Sorrentino

Sannio Falanghina 2013, Cantina di Solopaca

Sannio Falanghina Alexia 2013, Fattoria Ciabrelli

Sannio Falanghina Fois 2013, Cautiero

Sannio Falanghina Guardiolo Costa del Duca 2013, Aia dei Colombi

Sannio Greco 2013, Corte Normanna

Sannio Piedirosso 2013, Mustilli

Sannio Taburno Falanghina 2013, Fontanavecchia

Tresinus 2013, San Giovanni