Campoceraso 2004 Taurasi docg Struzziero | Voto 90/100

Letture: 112
Campoceraso 2004 Taurasi riserva

Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: legno

Vista 5/5. Naso 25/30. Palato 27/30. Non Omologazione 33/35

Lo abbiamo provato per la prima volta a Vitigno Italia durante una spettacolare verticale Campoceraso, ossia stesso vino di più annate, che ci ha portato sino agli anni ’70, un viaggio nell’Aglianico taurasino possibile solo con Mastroberardino oltre che con Struzziero.


Ha fatto altri mesi di bottiglia e, pensate, solo poco prima di Natale il Campoceraso 2004 ha iniziato la sua vita etichettata che, non bisogna essere grandi esperti per capirlo, sarà lunghissima. Si tratta di un vino da appassionati veri dell’areale, fatto solo con uve di proprietà dell’omonima zona di Venticano, proposta nelle annate migliori quale è, appunto la 2004. Botti grandi e scorrere del tempo sono i due elementi che lo distinguono perché non ci sono altre cantine così pazienti da attendere tutti questi anni.

Si tratta di una marxiana astuzia della storia: una antica cantina (fondata da Eliseo Struzziero nel 1929) passata fuori moda nei fantastici anni ’90 riconquista la sua attualità piena trattando il Taurasi come da manuale: aspettando che l’Aglianico addolcisca la sua irrequietezza acida e tannica senza piallarlo con il legno in eccesso, vitigni internazionali e altri trucchi enologici. Sicché il paradosso è che chi ama lo stile tradizionale deve rivolgersi a un personaggio schivo, che solo noi abbiamo seguito fin dal suo esordio, quando, fresco di studi di Enologia, prese il timone al posto del padre Giovanni.

In quella costruzione in via Cadorna, dove abita la famiglia, ora c’è fermento: lo spazio raddoppia, le cantine sotterranee triplicano, è prevista una saletta degustazione e sta per nasce un bel rosato da Aglianico di cui vi parleremo in primavera.

Intanto potete prendere queste bottiglie, il prossimo sarà il 2007 o forse il 2008. Gestirle come compagne fedeli di una vita. Il Campoceraso 2004, ne sono sicuro, allieterà molti anni della mia pensione, a prescindere da tutti gli allungamenti dell’età lavorativa decisi dai governi italiani.

Sede a Venticano, via Cadorna 214 Tel e fax 0825.965065 www.struzziero.it
Enologo: Mario Struzziero Ettari: 14 di proprietà Bottiglie prodotte: 350.000 Vitigni: aglianico, greco di Tufo, coda di volpe, fiano, falanghina.

5 commenti

  • Valerio Rosati

    (24 gennaio 2012 - 11:45)

    Le uve dei bianchi di questo produttore sono di proprietà o acquistate?

    • luciano pignataro

      (24 gennaio 2012 - 12:40)

      Parte acquistate, parte da propri vigneto (esempio i cru di Fiano e di Greco)

      • Valerio Rosati

        (24 gennaio 2012 - 14:11)

        Thanks!

  • Lello Tornatore

    (24 gennaio 2012 - 11:53)

    …strano oggi il Pigna…un’iperattivo come lui, ancora così giovane, che già pensa alla pensione!!! Non vorrei averlo condizionato con il mio motto : ” fatica mia saltami addosso”!!! ;-))

  • Alberto G.

    (26 gennaio 2012 - 16:53)

    Anni fa ,consigliatomi dal papa’ di un’amico,insegnante all’Ist.enologico fu se non ricordo male il primo Taurasi assaggiato.
    Complimenti al prof.che lo consiglio'(acquistai anche fiano ,greco ed aglianico) a Struzziero ed alla sua filosofia aziendale,con prezzi sempre correttissimi specie negli anni in cui le barrique regnavano (e fu dimenticato da molti espertoni).
    Grandi.

I commenti sono chiusi.