Cannavacciuolo, Di Costanzo e Esposito: arriva la pizza d’autore

Letture: 193
Salvatore Salvo

L’ultima idea parte da Napoli, e non poteva che essere così: far firmare le pizze a tre grandi chef con prodotti campani e presidi Slow Food. Così i fratelli Salvo diventano la punta di una tendenza ormai sempre più forte, aperta dalla decisione del Don Alfonso di costruire un forno a legna e sdoganare i pizzaioli nell’alta gastronomia.

Protagonisti di questa iniziativa sono i «gemelli» di Vico, Antonino Cannavacciuolo (Villa Crespi) e Gennaro Esposito (Torre del Saracino) a cui si aggiunge Nino Di Costanzo (Il Mosaico dell’Hotel Manzi). Ciascuno di loro ha due stelle ed è al vertice della ristorazione italiana secondo tutte le guide gastronomiche.

 

Pizze stellate

 

Dopo l’ondata del cibo spazzatura degli anni ’80 (wurstel, chicchi di mais, patatine, ketchup) un nuovo serio attacco viene sferrato al dominio assoluto della marinara e della margherita, stavolta dall’alto.

«La pizza – dice Enzo Vizzari direttore delle Guide Espresso – è un grande cibo. Ammetto di essere un po’ conservatore su questo tema perché una marinara ben eseguita resta senza eguali, ma fa comunque piacere vedere le conquiste della cucina italiana applicate a questo piatto».

La verità è che la pizza conosce una nuova giovinezza, come è emerso bene dal congresso organizzato a Paestum Le Strade della Mozzarella che per la prima volta ha ospitato alcuni dei migliori pizzaioli italiani in una sezioen dedicata ad hoc.

Tre i motivi di fondo: la crisi economica che ha messo in discussione la vecchia idea di ristorazione, il cambio delle abitudini alimentari, ormai teste verso piatti più easy servite senza cerimonie e, terzo motivo, la ricerca e la sperimentazione avviata in molte zone d’Italia, Roma in testa dove molti pizzaioli, come Bonci e la Gatta Mangiona stanno creando un nuovo stile.

Un movimento che coinvolge anche il Nord, dove spicca Simone Padoan de I Tigli in provincia di Verona. Non è un compito facile, si tratta di costruire l’evoluzione su un cibo affermato e sperimentato da secoli.

Ma è vero che dall’impasto alla lievitazione, dall’olio alla farcia, la ricerca appare inarrestabile e la buona pizzeria diventa così un veicolo dei presidi Slow Food e delle produzioni di qualità.

 

L’articolo sul Mattino

 

Insomma, è iniziata l’era della pizza gourmet.

5 commenti

  • Giuseppe Minniti

    (19 maggio 2013 - 13:07)

    Peccato che dopo tanta pubblicità fino a giovedì sera non erano ancora in carta :-(

  • Roberto

    (19 maggio 2013 - 14:43)

    Finalmete così avremo un pò di visibilità pure noi http://www.pizzafiocco.it

  • salvatore salvo

    (20 maggio 2013 - 11:32)

    Giuseppe troverà le pizze stellate in carta dal 28maggio.Il BLOG ha fatto un’anticipazione del nostro progetto.Le pizze saranno per tutti i nostri clienti a 9euro.Proporremo anche abbinamenti con vini campani prestigiosi che saranno serviti anche a bicchiere…a presto

  • Italo

    (22 maggio 2013 - 08:27)

    Spero che sia da parte di tutti ,una cosa sentita e nn si voglia tirare in gioco adesso la pizza x salvare quella che comunemente si chiama crisi, quindi attraverso il fenomeno pizza vedi il casino successo al momento dell’uscita della guida del Gambero Rosso dove veniva mensionata la migliore pizza d’Italia era made in VERONA ,senza nominare nessuno dei Napoletani……Apriti cielo !!!!! Dal quel giorno anche il …Resto del Carlino, Grazia ,Annabella, Vip,Chi e tutti i quotidiani avevano all’interno un loro spazio dedicato alla PIZZA NAPOLETANA ma riportando sempre gli stessi autori !!!!!! Adesso chi vuole capire capisce !!!!! Voglio salutare il mio amico Roberto della Pizzeria Shekkinah autore della PIZZAFIOCCO che invito tutti ad andare e provare !!!!!!!!!!!

I commenti sono chiusi.