Cantina del Borgo Passito 2003 igt

Letture: 135

DELLI COLLI
Uva: aleatico
Fascia di prezzo: da 10a 15 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Ancora una sorpresa a Caserta, dove il fermento ormai coinvolge tutto il territorio. Le aziende puntano su Pallagrello e Casavecchia secondo il processo imitativo tipico delle campagna, e dovunque si investe per rendere le cantine visitabili. Ci piace questa chicca unica, un passito di aleatico, un’uva molto diffusa nel centro sud, soprattutto nel Lazio e in Puglia ma che qui a Caserta, del resto parliano della zona di Galluccio proprio al confine con Latina, ha sempre avuto una presenza siginficativa. Nei campi ma non in bottiglia ove questa piccola azienda alla sua prima vendemmia conferma, come Masseria Parisi con il Moscato di Baselice, che per avere buoni passiti e vini dolci è meglio utilizzare le uve naturalmente vocate a questo risultato. Questo Aleatico ha 17 gradi di alcol, grande morbidezza e soprattutto una spalla fresca in grado di regalare eleganza al bicchiere senza lasciare il palato sciropposo. Ancora una conferma della capacità poliedrica della viticoltura campana. Lo beviamo allora sui biscotti al miele oppure sul raro e prezioso caso peruto dell’Alto Casertano.

Sede a Galluccio, via Roma 19
Tel. 0823.925349
Enologo: Nicola Trabucco
Bottiglie prodotte: 25.000
Ettari: 6 di proprietà
Vitigni: aglianico, falanghina, aleatico