Capitolo Laureto Negramaro Igt 2011 | Voto 87/100

Letture: 4
Capitolo Laureto Negroamaro Igt 2011 Mille Una
Capitolo Laureto Negroamaro Igt 2011 Mille Una

Mille Una
Uva: negroamaro
Fascia di prezzo: 50,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno
Vista 5/5 – Naso 26/30 – Palato 26/30 – Non omologazione 30/35

Il vitigno negroamaro è l’anima e l’identità stessa del Salento. Nelle province di Lecce e di Brindisi rappresenta la varietà a bacca rossa più importante, mentre nella provincia di Taranto deve confrontarsi col gemello primitivo, che è più diffuso, per il primato territoriale.

L’azienda Mille Una di Lizzano sperimenta con successo entrambe le specie, oltre a produrre altre tipologie di vino. E’ stata fondata nel 2001 da Dario Cavallo, che la gestisce insieme con il figlio enologo Marco. E nel corso di questi anni non sono mancate grandi soddisfazioni in termini di riconoscimenti e di vendite.

Tipico l’allevamento locale delle varietà di uve che crescono su alberelli vecchi anche di novant’anni su un terreno rossiccio ricco di minerali, collocati non lontani dal mare e senza essere irrigati.

Per la mia degustazione ho scelto l’etichetta Capitolo Laureto Negramaro Igt Salento 2011. Fermentazione in acciaio e poi il vino trascorre dodici mesi in barriques di rovere ed altri mesi in vetro. Il tasso alcolico è di sedici gradi.

Controetichetta Capitolo Laureto Negroamaro Igt 2011 Mille Una
Controetichetta Capitolo Laureto Negroamaro Igt 2011 Mille Una

Nel bicchiere risalta una veste cromatica rosso rubino non molto intensa. La tavolozza aromatica profuma di terriccio umido, di erba, di frutta rossa, di fiori appassiti, di minerali, di tabacco, di balsamo e di goudron. Il ricco bouquet esprime anche percezioni odorose di spezie orientali. Il sorso entra in bocca caldo. Ma è solo un’impressione momentanea, perché subito dopo si manifestano freschezza e succosità, alleati insieme ad un ricamo di tannini morbidi ma presenti. Il gusto è connotato da un ben articolato sviluppo verticale e da una sontuosa naturalezza espressiva. Vino del complesso dinamico, equilibrato, armonico, incisivo e seducente. Chiusura godibile e persistente, con sottofondo amarognolo. Da sposare con carni di selvaggina e formaggi tosti della tradizione pugliese. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Lizzano (Ta) – Largo Chiesa, 11
Tel. 099 6414541 – Cell. 393 9615067 – Fax 099 6414540
[email protected] www.milleuna.it
Enologo: Marco Cavallo
Ettari vitati: 45 – Bottiglie prodotte: 50.000
Vitigni: negroamaro, primitivo, fiano, malvasia, viognier e chardonnay