Guida ai ristoranti e le trattorie dentro e fuori le guide > Il Paradiso: Capri, Ischia, la Penisola Sorrentina, e la Costiera Amalfitana
4

Capodanno alla Caravella di Amalfi è cosa buona e giusta

1 gennaio 2013

La Caravella, il ciucciariello portafortuna

Amalfi. Una luce splendida, un mare maestoso e sornione. La strada senza traffico. La prima tappa d’obbligo e di tradizione a Cetara. Giusto due minuti, il tempo di fare rifornimento di tonno e alici senza prendere la centesima multa dell’anno.

La spesa a Cetara

Il mare di Amalfi, 31 dicembre 2012

E via verso Amalfi. La cucina di Antonio Dipino ci aspetta. Il sole è caldo, i turisti stranieri sono scoperti quasi come a giugno, il lungomare accoglie centinaia di famiglie, accorse come lucertole.

Amalfi, la spiaggia

Amalfi è affollata, in spiaggia qualcuno è disteso al sole, un gruppetto è in acqua. I tavolini dei bar all’aperto, dall’ingresso in città alla piazza del Duomo sono pienissimi. Anche i vicoli sono affollati, una banda musicale, una coppietta di sposi giapponesi in abito da cerimonia, il verduraio aperto per gli ultimi acquisti del cenone casalingo.

Amalfi, il Duomo

La Caravella, l'insegna dell'enoteca con le ceramiche

 

La Caravella, le ceramiche dell'Enoteca

La Caravella, l'ingresso

Incontro Antonio, con la moglie e la bimba che gli ha rapito gli occhi, nel bellissimo punto vendita della Caravella, ceramiche ed etichette magnifiche. I migliori artigiani di entrambi i settori a portata di mano. E poi finalmente si comincia. In sala il sorriso caparbio e verace di Daniela e l’occhio premuroso e attento di Tonino, sommelier prezioso e informato.

La Caravella, in sala: Daniela e Tonino

Armando al Pantheon, lenticchie, salsiccia e cotechino di Capodanno

La Caravella, il pane e i grissini

E comincio come meglio non potrei. Lenticchie augurali. Con la salsiccia, perché «il cotechino non è mai stato roba nostra» dice Antonio. E poi via col menu della festa, quello vero, di mare, ricco ma leggero, antico ma sempre con l’idea nuova, il guizzo, l’interpretazione personale. E dunque mai stanco.

La Caravella, caponata con gamberi

E  cosa c’è di più antico e più buono del “pascuotto”? Il pane biscottato, con i pomodori freschi, profumati a mo’ di caponata e i gamberi crudi. E, ancora, la frittata di maccheroni reinterpretata, con un guazzetto di crostacei e frutti di mare. A seguire la golosità degli scialatielli fatti a mano, nella finta carbonara più ricca dell’anno: con la cremosità della zucca invece dell’uovo e della pancetta del tonno a sostituire il grasso del guanciale.

La Caravella, la "frittata di pasta"

E, ancora, la vecchia ricetta del pesce cotto nelle foglie di limone e aromatizzato con il finocchietto fresco, in versione “invernale” con il trito di pezzogna, calamari e gamberi. Una bontà da mangiare a chili. E poi il divertissement della ricotta e gamberi con la riduzione di Taurasi.

La Caravella, il trito di pesce nelle foglie di limone

La Caravella, ricotta, gamberi e Taurasi

 

La Caravella, scialatielli alla carbonara di zucca con pancetta di tonno

 

Il sorbetto di limone a rinfrescare il palato. E per chiudere il dolce delle feste, la cassata, con l’idea geniale di scomporla, riducendo la glassa di pistacchio in cremoso gelato servito a parte. In un gioco del «niente si inventa, tutto si ricrea» che ti coinvolge dall’inizio alla fine del pasto, invitandoti a partecipare, scoprendo e riconoscendo sapori e profumi.

La Caravella, sorbetto al limone

La Caravella, la cassata scomposta

In abbinamento:
- Riserva Coppo 2006
- Le Serole 2007
- Riesling
- Marsella
- Aia dei Colombi

La Caravella, una delle opere esposte in sala

Via Matteo Camera 31
Tel.089.871029
www.ristorantelacaravella.it
Sempre aperto, chiuso il martedì. Ferie a gennaio e novembre

4 Commenti a “Capodanno alla Caravella di Amalfi è cosa buona e giusta”

  1. Charles Scicolone scrive:

    We have been going to La Caravella for a number of years now and it is a great restaurant with a wonder ful wine list.
    Antonio as they say in English “is the best”!

  2. pasquale vitale scrive:

    ciao luciano,ieri veramente è stata una bella giornata, condivido ero anche io con mia mogle ad amalfi e ti ho intravisto nell’enoteca della caravella (dove è nata nel 1984 la nostra associazione cuochi salernitani) di cui sono iscritto da 25 anni.e stato bello vedere tanti turisti in giro in un clima da primavera in pieno inverno.mi sono trasferito nel pomeriggio a positano(dove ho prestato servizio all’hotel le sirenuse)meno gente ,ma un fascino al tramonto come pochi posti sanno darti.nel ritorno nella mia vietri piccolo dramma mi si e’ frantumato il vetro della mia audi e via senza finestrino lato guida fino a casa,ma felice di aver vissuto l’eccellenza del creatore,a presto pascalo

  3. pasquale vitale scrive:

    auguri anche a te,anche se oggi abbiamo lavorato tanto sono contento ancora di piu’,sono solo un po preoccupato x l’apertura del mio nuovo locale a febbraio…..salvo imprevisti.

  4. Giuseppe Capece scrive:

    Come dice l’amico inglese Charles, Antonio e’ veramente il migliore.
    Auguri ed a presto vederci.
    Ad majora.