Caracena 2006 Falanghina Sannio doc

Letture: 70

OPPIDA AMINEA

Uva: falanghina
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Tra le innumerevoli sorprese di Falanghina Felix sicuramente questa novità in casa Muratori a cui fa riferimento la loro azienda sannita Oppida Aminea i cui terreni sono su un collina ben esposta alle porte di Benevento lungo la strada che porta al Fortore. Rispetto agli altri bianchi, il Morgento e il Caucino, l’azienda ha deciso di non produrre rossi, questo ha sicuramente una beva più immediata e facile con un naso molto delicato e ricco di fiori e un impatto in bocca assolutamente fresco e ricco anche se inaspettatamnte un po’ magro: il vino dopo aver fatto irruzione con baldanza improvvisamente si ritrae senza terminare la trama, sulla lingua si spinge stirato dalla freschezza più che dalla struttura e dal frutto. Resta comunque un prodotto interessante e con buone prospettive nei prossimi mesi, la conferma di un impegno di questi imprenditori bresciani in terra sannita e ad Ischia dove a breve si terrà l’inaugurazione ufficiale della nuova azienda Giardini Arimei. In entrambe è al lavoro come enologo Francesco Iacono, cugino degli omonimi proprietari di Pietratorcia nell’Isola Verde. Il nome, Caraceno, prende spunto da quello di una delle tribù he componevano il popolo sannita (gli altri erano I Pentri e gli Irpini) di cui restano ovunque tracce a Benevento. Questa falanghina va benissimo come aperitivo e sui fritti, all’italiana e di mare, oppure sull’insalata di prosciutto di tacchino e salsa wasabi di Raffaele D’Addio al Foro dei Baroni in quel di Puglianello.

Sede a Benevento, Località Eremita. Tel. 0824.33061. www.fratellimuratori.com Enologi: Francesco Iacono e Rocco Rotunno. Ettari: 50 di cui 35 a vigneto. Bottiglie prodotte: 50.000. Vitigni: greco, falanghina, fiano, coda di volpe, coda di pecora.