Cardamone 2005 Colli di Salerno igt

Letture: 30

REALE

Uva: tintore e piedirosso
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Questo vino entra in commercio dopo le feste di Natale ma a mio giudizio è già pronto per affrontare il bicchiere. I tannini del tintore coltivato a piedefranco sono stati infatti addomesticati dalla presenza del piedirosso e dall’elevamento in legno, usato in maniera poco invasiva e con pacatezza, sicché il rosso di Tramonti si presenta già abbastanza morbido e composto in tutti i suoi aspetti anche grazie al fatto che è stato messo in bottiglia a giugno. Non è certamente un vino dalle grandi emozioni, bensì è una etichetta che deve fare operosamente il suo lavoro quando a tavola ci sono piatti che non si possono affrontare né con i bianchi e né con i rosati come per esempio la trippa, la parmigiana di melanzane, il ragù alla napoletana, la carne cotta sulle carbonelle. Al tempo stesso, rispetto alle precedenti versioni, notiamo una decisa svolta per l’eleganza, complice anzitutto la stagione fredda e piovosa ma, pensiamo, anche il fatto che la 2005 è stata la prima vendemmia vinificata in loco mentre nelle precedenti le uve si facevano un viaggio di oltre 70 chilometri per andare nella cantina di Bruno De Conciliis. Il tintore è un clone di aglianico diffuso sui Monti Lattari chiamato così per la sua forte carica di antociani capace di dare colore, ma anche corpo, al vino e dunque molto usato in passato nel Gragnano e nel Lettere dove le uve avevano meno struttura. E’ Bruno a seguire Gigino Reale con Sebastiano Fortunato: il Cardamone completa la proposta dell’Osteria Reale, uno dei posti a cui più sono affezionato in Campania, dove tra cantina, sala ristorante e stanze da letto, c’è una proposta enoturistica completa ed entusiasmante, visto che siamo a dieci minuti da Ravello e da Amalfi e al tempo stesso nel cuore della realtà contadina della Costiera, quella di Tramonti di cui abbiamo spesso e volentieri scritto. Per cui il mio consiglio è quello di farvi una bella gita in questa frazione, Gete, visitare le vigne a piedefranco, la chiesetta rupestre, mangiare al’osteria e riposarvi qui per ripartire, ma perché poi, la mattina successiva. Il Cardamone sarà ancora più buono.

Sede a Tramonti, Borgata Gete via Cardamone, 75. Tel. 089.856144. www.osteriareale.it.  Enologo: Bruno De Conciliis. Ettari: 1 e di proprietà e 1 in conduzione. Bottiglie prodotte: 10.000. Vitigni: tintore, piedirosso, biancolella, biancazita, pepella.