Carlo Petrini al congresso Slow Food: per un nuovo umanesino

Letture: 93
Carlo Petrini


«Da questo Congresso Slow Food esce come nuovo soggetto politico che incide nella realtà concreta del Paese.

La nostra caratteristica, la visione politica, non rientra nei canoni tradizionali e negli schemi della politica tradizionale: destra e sinistra sono categorie superate. La novità sta nella visione olistica del mondo:  le vecchie categorie di pensiero basate sul meccanicismo, sul riduzionismo, sono ormai drammaticamente superate dagli  attuali avvenimenti dovuti alla crisi. Questa interpretazione scientifica ha danneggiato il mondo agricolo e il nostro cibo; e i fondamenti del cibo sono gli stessi della vita. Il modello basato sul consumismo sempre crescente ha dimostrato il suo fallimento e lo denunciava con lucidità profetica Pier Paolo Pasolini in una sua lettera a Italo Calvino nel 1975. Anche l’espressione “sviluppo sostenibile” è in realtà un ossimoro. Visione olistica: basta separazione tra il mondo della produzione e il mondo del consumo.
Oggi ci troviamo di fronte a una grave crisi entropica, che ha bisogno di soluzioni rivoluzionarie. Slow Food darà il suo contributo al nuovo umanesimo partendo da quattro concetti fondamentali:
Qualità del lavoro – alternare l’otium e il negotium, lavorare senza perdere il senso delle cose e della vita. La gente non ha paura di lavorare molto, ha paura dell’alienazione.
Rafforzare la reciprocità – significa mettere in moto nuove energie attraverso la solidarietà: alcuni modelli già esistono, sono le Community Supported Agriculture o i Gruppi di acquisto solidali. Ispirarsi alla generosità contraccambiata delle civiltà contadine.
Buono e bello sono un diritto di tutti – la battaglia politica si fa su questo, è la nuova missione di Slow Food per i prossimi quattro anni.
Rompere il monopolio del sapere che ignora l’oralità e la cultura contadina. Restituire la giusta dignità alle lingue indigene e ai dialetti, senza dimenticare il riconoscimento storico alla lingua materna come elemento chiave per la costruzione dell’idioma nazionale lasciatoci da Antonio Gramsci».
Infine Carlo Petrini ha voluto lasciare ai delegati del VII Congresso la metafora più calzante: «Siamo in un momento difficile, in un freddo inverno in cui dobbiamo munirci di una buona coperta. Pensate a un patchwork. Esso è composto da piccoli pezzi di stoffa, che da soli non servono a coprire nulla. Ma se uniamo questi pezzi di diversi colori con un filo robusto, ecco che otteniamo una coperta calda e bella. Le comunità di Terra Madre sono i pezzetti di stoffa. Slow Food è il filo. Siate filo per le comunità dei vostri territori e realizzeremo insieme la nostra concreta utopia».

Ufficio Stampa Slow FoodValter Musso – 335 7422962; Paola Nano – 329 8321285; Francesca Barengo – 345 2598615 – press@slowfood.it

3 commenti

  • pasquale

    (15 maggio 2010 - 17:00)

    come sempre 10 anni avanti grazie Carlin

  • VITO

    (15 maggio 2010 - 20:35)

    LA STRADA E’ ANCORA LUNGA E IL CONSUMATORE SEMPRE PIU’ INCAPACE DI FARE LE SCELTE MIGLIORI. FERMIAMOCI TUTTI E PENSIAMO UN PO’ DI PIU’.

  • ettore galasso

    (16 maggio 2010 - 20:24)

    Idee giuste e condivisibili quelle di Carlin Petrini, il guaio e che siamo ancora governati dalla vecchia politica, dagli interessi privati a danno delle comunità, bisogna mandare a casa questa gente se no questo freddo inverno durerà ancora per molto tempo.

I commenti sono chiusi.