Casa di Baal a Montecorvino, vini in armonia con la natura

Letture: 5644
casa di Baal, Francesca e Annibale Salerno
casa di Baal, Francesca e Annibale Salerno
di Gennaro Miele

Nel vino ci sono storie che non toccano il bicchiere, lo sfiorano, esistono prima di esso e delle vendemmie che scandiscono gli anni delle vigne.Una di queste storie l’ho scoperta percorrendo i sentieri tra i vigneti di Casa di Baal, a Montecorvino Rovella nel Parco Regionale dei Monti Picentini, al fianco di Francesca Salerno, su quella terra calpestata da decenni dalla sua famiglia tra frutteti, olivi e vigne.La coltivazione dell’ulivo è oggi l’attività principale della famiglia che col suo marchio “L’Oliveto” produce con un proprio impianto l’olio extra vergine di oliva, un prodotto delicato ricavato dalle varietà Rotondella, Frantoio e Leccino.

casa di Baal, gli ulivi
casa di Baal, gli ulivi

La superfice vitata oggi rappresenta meno di 5 ettari ma gestita con grande passione sin dal 2006 quando è nata Casa di Baal, nome che richiama nel suono il nome del patriarca Annibale Salerno, che vede affiancarsi  le principali coltivazioni di Fiano ed Aglianico, con i rossi Barbera e Merlot ed i bianchi Moscato e Falanghina

In cantina incontriamo il padre Annibale, condottiero della storia dell’azienda e della sua famiglia, le mani  solcate dalla fatica per l’amore della terra, una storia scritta sulla pelle.

casa di Baal, il fiano
casa di Baal, il fiano

Francesca, versando un calice del loro Fiano, mi racconta della loro storia di figli di agricoltori, delle sue sorelle e fratello, storie non solo fatte di lavoro ma anche di opportunità, quella datale di poter studiare, di scegliere di non occuparsi dell’azienda di famiglia, di andare a studiare lontano ma con un messaggio dentro che la legava a quelle piante e paesaggi.

È questo “lontano” dai propri luoghi che custodisce una piccola storia in quella grande di una famiglia e mi viene raccontata mentre sorseggio l’annata 2013 col pane condito con il loro olio, erano gli anni dell’università, del tempo lontano da casa, dei pasti da soli l’uno dagli altri.

casa di Baal, pane e olio
casa di Baal, pane e olio

Ma c’erano poi le domeniche, un giorno in cui quando poteva, Annibale e la moglie Anna percorrevano l’Italia, dal Salernitano, di notte, fino alla Toscana o Umbria, un viaggio di un’intera notte che  vedeva l’alba negli occhi delle figlie, quei chilometri percorsi per poter riunire almeno per un istante la loro radice, per poter pranzare insieme, gesto spesso sottovalutato nella sua semplice importanza.

E poi quel doversi lasciare nello stesso giorno perché la campagna dà frutti ma richiede dedizione senza compromessi, ma c’era quel rincontrarsi per ribadire che le distanze non ci sono, che i grappoli seppur distanti appartengono alla stessa pianta, quel sentirsi parte di un unico raccolto.

casa di Baal, le vigne
casa di Baal, le vigne

Quest’intimo appartenere alla terra ha riportato Francesca, dopo gli studi di economia ed altre esperienza lavorative, alla propria casa fatta non solo di mattoni ma di vocazione ed amore per la natura.

Il loro Fiano li identifica con i suoi profumi essenziali di frutta rispettati dall’uso del solo acciaio, la roteazione nel calice non pesante e l’assaggio con un impatto di freschezza iniziale che finisce riproponendo un frutto non eccessivamente maturo e mineralità, in bocca morbido e piacevole per nulla pretestuoso ma vestito di sincerità.

Il commiato è non solo dalle persone ma anche dalle loro storie cioè i ricordi che rimangono, il mio ricordo sono due immagini : un bouquet di basilico dono della moglie di Annibile da cui ho ricavato un delicato pesto e l’immagine di Francesca abbracciata a suo padre, lei in attesa del suo bambino…
In un abbraccio la loro storia, lui radice, lei la voglia di tornare e tra loro l’invisibile che è il futuro, quella sensazione che qui è sospesa sulla danza delle argentee foglie di olivo…

Gennaro Miele, con il basilico di casa di Baal
Gennaro Miele, con il basilico di casa di Baal

Casa di Baal
Macchia di Montecorvino Rovella
Via Tiziano, 14
www.casadibaal.it
Enologi: Gennaro Reale e Fortunato Sebastiano.
Ettari: 30 di cui 4,vitati.
Bottiglie prodotte:25.000.