Caserta, Le Colonne. Rosanna Marziale, identità oltre i confini

Letture: 337
Rosanna Marziale

Viale G. Douhet 7
Tel. 0823.467494
www.lecolonnemarziale.it
Aperto sempre
Chiuso Martedì
Degustazioni da 50 a 60 euro

di Tommaso Esposito

Dunque Rosanna Marziale da quest’anno ha la stella.
Ma Rosanna Marziale è una stella.
Che brilla di luce propria e non da adesso.
Perché, direte?
Ohibò, è radicata nel territorio, fa da testimone, alfiere, ambasciatrice dell’identità.
Di una terra dove le radici della cultura gastronomica di oggi scendono fin giù nella terra madre.
La attraversano tutta, si diramano, si diffondono.
Prendiamo il caso della Mozzarella di Bufala Campana Dop.
Ma ci siamo mai chiesti da dove cavolo siano giunti da noi le mandrie di bufali e bufale?
Dall’Est qualcuno sussurra.
E come sarà nata la prima mozzarella in quelle Pagliare aduse a creare provature?
Boh!
Domande irresolubili.
Eppure oggi la mozzarella è una stimmate della nostra identità di Campani.
Che ha un valore sociale ed economico di grande impatto.
Che deve crescere ancora, certo.
Se no che ci starebbe a fare il Consorzio?
E perché Albert Sapere e Barbara Guerra avrebbero inventato Le strade della Mozzarella, che sta diventando il più grande e interessante appuntamento gastronomico del Sud e di cui Rosanna Marziale è stato uno dei primi chef protagonisti?
E allora veniamo a noi.
In cucina il territorio e le sue tracce identitarie possono essere un limite.
Non lo saranno mai se diventano orizzonte.
E mai confine.
Certo ci vuole sapienza, destrezza, tecnica.
Coraggio nel dominare le sfide dell’innovazione vera.
Quella, per dirla con Enzo Vizzari, che rispetta il “patrimonio di cultura come il nostro” dove “ c’è poco da inventare o da riscrivere, basta aggiornare tecniche e strumenti e vivere nel tempo.”
Rosanna Marziale con la mozzarella fa così.
I suoi piatti si evolvono, disabilitano le certezze.
Come quella ad esempio che la mozzarella si buona soltanto nature.
Basti questo per dire ok.
La sua stanza per gli ospiti è immutata.

Ristorante Le Colonne di Rosanna Marziale

Candida e definita in questo palazzotto sorretto dalle colonne .

Ristorante Le Colonne di Rosanna Marziale
Ristorante Le Colonne di Rosanna Marziale

Dove liquori e vino possono fare arredo mentre si ammira il menu impreziosito dagli acquerelli d’autrice variopinti.

Ristorante Le Colonne di Rosanna Marziale
Ristorante Le Colonne di Rosanna Marziale la carta acquerellata

E le audio guide ancora introducono il benvenuto.

Ristorante Le Colonne di Rosanna Marziale le audioguide

Un viaggio multisensoriale con il primo ovoletto di bufala.

La mozzarella, la sua acqua e il pomodoro
La mozzarella, la sua acqua e il pomodoro
La mozzarella, la sua acqua e il pomodoro

Intingere le dita nell’acqua di governo.
Chiudere gli occhi.
Prendere e roteare sul letto di pomodoro reso polvere.
Alla bocca.
Silenzio e via: echi di stallatico, tepore della mozzatura, morbidezza, elasticità.
Si comincia.

I pani di Rosanna Marziale
La chip di pomodoro

Ci sono i pani: lievito madre, siero di mozzarella, pomodoro.
Giunge la Pizza al contrario che è mozzarella di fuori e pane con pomodoro di dentro.

La pizza al contrario
La pizza al contrario

Esperienza da vivere.
Inenarrabile per chi come me tuttora si commuove per una Verace Pizza Napoletana.

Ovomozzo

Poi l’Ovomozzo che è uovo in camicia cotto a roner, mozzato nella mozzarella con acqua di riso e pomodoro.
Soltanto chi conosce il tegamino della nonna con l’uovo dell’aia e la mozzarella potrà capire.
Il resto lo fa la scarpetta.

Gewurztraminer Hofstatter 2011

Il pasto è benedetto controtendenza: Gewurztraminer Hofstatter 2011. C’è desiderio delle note speziate e fumè e dei sentori di fiori secchi, di rose.
Arriva il Raviolo di pesce bisque di gamberi e calamaretti grigliati.

Raviolo di pesce bisque di gamberi e calamaretti grigliati
Raviolo di pesce bisque di gamberi e calamaretti grigliati
Raviolo di pesce bisque di gamberi e calamaretti grigliati
Raviolo di pesce bisque di gamberi e calamaretti grigliati

E’ una zuppetta tiepida: sentori qui non di rosa, ma di carapace tostato che si ravviva con la julienne di calamari e la coda di gambero appena scottata. Come burro.

Tonkatsu di maiale nero e mozzarella di bufala campana dop è lomaggio al Giappone

Il Tonkatsu di maiale nero e mozzarella di bufala campana dop è l’omaggio al Giappone.

Tonkatsu di maiale nero e mozzarella di bufala campana dop è lomaggio al Giappone

Meditato, studiato come uno schizzo di Leonardo.

Tonkatsu di maiale nero e mozzarella di bufala campana dop è lomaggio al Giappone

Qua veramente la mozzarella va in carrozza e i colori delle salse, delle verdure saltate non sono soltanto colori. Profumano e danno sapore.
Al dessert rievocazione piena.

Pizza figliata

Pizza figliata. Ma sono sincero: qua prediligo l’originale. Quella folklorica, popolare.

Conciato per le feste

E Conciato per le feste. Il dolce al cioccolato con il cacio di Manuel Lombardi e il ristretto da Il Sasso di Riccardo, Passito di Casavecchia di Manuela e Pippo. Misterico.

tisana con le essenze da agrumi d’inverno.
tisana con le essenze da agrumi d’inverno.

Una tisana con le essenze da agrumi d’inverno.

Poi tante coccole finali.

Coccole finali
Coccole finali

 

Ecco, questa è Rosanna oggi.

Rosanna Marziale

Con le sue passioni che diventano pretesto.
Per giocare all’infinito tra variazioni, assonanze, contrasti.
E restare saldamente ancorata alle sue radici.
Guardando l’orizzonte!

2 commenti

  • Francesco Mondelli

    (26 febbraio 2013 - 21:43)

    Con Fabio Turchetti che ,se non conoscevi sicuramente ti sarà stato presentato oggi da Luciano al Romeo,tanti anni fa (15?) disputando di mozzarella e vino arrivammo , con la pratica ,alla conclusione che il Gewurz fosse un matrimonio molto più riuscito di tante menate tipo Fiano e Campania cantando e,personalmente ,ancora oggi ,su particolari preparazioni a base di mozzarella,la ritengo sempre un’accoppiata di riferimento .PS.Sbaglio io a chiamarlo Peppe oppure ti sei permesso una licenza poetica a chiamare Mancini Pippo?A presto.FM.

  • Tommaso Esposito

    (26 febbraio 2013 - 21:56)

    Peppe Pippo? Nessuna licenza un refuso imposto dal correttore automatico che per esempio mi trasformava sempre Bassolino in Sassolino. Provvedo al volo. Ah ah
    Ti devo dire che a proposito del vino Gewurztraminer l’ispirazione mi è venuta così al volo. Sfogliando le bella carta di Rosanna. Son contento che ne abbiate parlato a suo tempo. Che bello.

I commenti sono chiusi.