Guida ai Ristoranti e alle Trattorie d'Italia del Nord
4

Castelnuovo Magra, Trattoria Armanda e l’Enoteca regionale della Liguria

19 dicembre 2012

L'enoteca regionale della Liguria

Piazza Garibaldi 6
Tel.0187.674410
Chiuso martedì sera e mercoledì. Ferie: una settimana a settembre e tra Natale e l’Epifania
www.trattoriaarmanda.com

Siamo nella curva a gomito dell’Italia Settentrionale, quella dove vanno diretti i temporali. Tradizione ligure, influenze emiliane, echi toscani nel bicchiere rosso si fondono in questa antica trattoria della Lunigiana, in un paesino ligure proprio ai bordi della Toscana, in provicia di La Spezia. Qui vescovi e signori locali se le sono date di santa ragione, un po’ come accade ancora oggi in tutta Italia, Dante Alighieri fu procuratore del marchese Franceschino Malaspina. Il risultato è un paese ricco di storia, bei palazzi, orti e l’Enoteca Regionale ligure da visitare a pochi passi dalla Trattoria.

Trattoria Armanda, il pane

Ci finiamo perché diretti in Langa ed è sosta da fare. Il tempo è fermo, come deve essere in ogni trattoria: piatti di tradizione serviti alla buona, bottiglie di vino della zona, siamo nella doc Colli di Luni, raccolto i in una stanzetta e magari anche un po’ fuori nella bella stagione. Una di quelle mangiate didascaliche e didattiche, molto utili quando non si conose un territorio. Una chiocciola Slow Food dove si legge il mestiere, la fedeltà costituzionale alla cucina del luogo e un conto un po’ più alto delle aspettative: con una bottiglia di Vermentino si arriva facile a 60 euro.

Trattoria Armanda

 

pane e oli

Siamo ancora nella civiltà dell’olio e subito si viene accolti così.

prosciutto

Molto buono il prosciutto locale.

baccalà fritto

 

carne salata

 

Sedano ripieno

 

Il Vermentino

 

I polsini di Maffi

 

Lattuga imbottita in brodo

Ecco il piatto bandiera della trattoria, molto buono, apre lo stomaco e ben predispone soprattutto nelle giornate fredde.

panigaccio

Altro piatto obbligato: il panigaccio, presentato assoluto o con il pesto. Molto buono.

Niccolò V

coniglio

 

focaccia

 

agnello

 

tris di baccalà: trippa, fegato e filetto

Efficaci i piatti di carne, da incorniciare per intensità di sapore il tris di baccalà.

dolce

E dopo il dolce, la visita alla Enoteca Regionale della Liguria, molto ben organizzata.

L'enoteca regionale della Liguria

 

L'enoteca regionale della Liguria

 

L'enoteca regionale della Liguria, la sala

 

L'enoteca regionale della Liguria

 

L'enoteca regionale della Liguria

 

L'enoteca regionale della Liguria

 

L'enoteca regionale della Liguria

 

Betta è la nostra guida gentile e competente

 

  • Palazzo Comunale – Centro Storico
  • Tel. e fax segreteria 0187/677406

Cell ufficio (Betta e Cordula)     334 8720155

Cell Presidente Ricci                 334 8719899
e-mail: enotecaregionaleliguria@gmail.com

L'esterno

4 Commenti a “Castelnuovo Magra, Trattoria Armanda e l’Enoteca regionale della Liguria”

  1. Fabrizio Scarpato scrive:

    Lo capisco, lo capisco: con i polsini e relativi gemelli che il Maffi ti para davanti agli occhi, è impossibile restare concentrati. Forse per questo, il bellissimo Vermentino di Ottaviano Lambruschi è diventato un impossibile verdicchio (magari pensavi a qualcuno…). La desolazione per la sedia vuota del Ciomei, ha bypassato il piatto con olio nuovo e la mattonella di polenta incatenata (polenta, legumi e cavolo), così come “la prosciutta” castelnovina, e forse il dolce (?)… e il coniglio (?)… Belìn che giornata, per di più alluvionata…

  2. leo scrive:

    Sì, dispiace non aver potuto partecipare. Più per la compagnia che per il cibo, non me ne voglia l’Armanda ;-)

    Mi sembra che nella riviera ligure di Levante sia attecchita l’epidemia marcucciana, cioè quel virus che porta buone e oneste trattorie ad alzare a dismisura prezzi che invece potrebbero essere più leggeri in virtù della sì buona materia prima ma francamente di basso costo. Stessa opinione ho del famoso Cappun Magro di Riomaggiore, caro a Fabrizio.

    A Spezia e dintorni, fra i pochi ristoranti visitati, ho un ottimo ricordo di una piccola trattoria a Corniglia e del mai troppo lodato Claudio al Posta nel centro della cittadina ligure.

    • Fabrizio Scarpato scrive:

      Oh, cittadina lo dici a Montecatini. ;-))) Comunque hai ragione: i buoni ristoranti e le trattorie, quelle pochissime sopra la media e con attenzione nel piatto, possono praticare prezzi alti perchè non hanno concorrenza. Sotto c’è la banale pizzeria o panigacceria. La Posta a questo punto è persino praticabile per prezzi in confronto agli altri. Potremmo provare quel piccolo ristorante di cui si parlava in viaggio, alla prima occasione, non fosse altro per assaggiare un risotto. Ma anche lì non ci si schioda dal cinquantone, tutte le quattro corse e bevendo il giusto. Spezia è un posto che se la tira, facendo le nozze coi fichi secchi.

  3. Giancarlo Maffi scrive:

    ” cittadina” alla Spezia e’ un attacco sanguinoso:-). E prima di andare a mangiare un risotto dovete parlarne a me. Per quanto riguarda l’Armanda, per me ha chiuso. Ne abbiamo parlato tante volte. Sta in una fascia di prezzo assurda. Prezzi da ristorante, senza merito. Al Posta, con 20 euro in piu’, mangi pesci da primato. Limiti di una popolazione, italiana tutta, poco attenta e stupida.