Cavallino (Le), Osteria del Pozzo Vecchio. Tradizione rinnovata in cucina con Ivan Spirto e le sorelle De Carlo

Letture: 338
Osteria del Pozzo Vecchio
Osteria del Pozzo Vecchio

Osteria del Pozzo Vecchio Cavallino
Via San Silvestro 16
Tel. 0832.611649
www.osteriadelpozzovecchio.net
Aperto sempre; in estate solo la sera
Chiuso lunedì
Sui 30 euro

di Tommaso Esposito

Il pozzo vecchio veramente c’è ed era in passato quello che dissetava tutto il borgo.
Ora è l’attrazione del locale nel dehors dove d’estate è bello cenare.

Osteria del Pozzo Vecchio
Osteria del Pozzo Vecchio

Rustici, ma quasi un museo, gli interni.

Osteria del Pozzo Vecchio
Osteria del Pozzo Vecchio

Del resto questa osteria era il buen retiro di Fernando Calà e di sua moglie Adelaide Della Monica, che avevano portato anche tra i fornelli la loro passione e l’impegno sociale.
Ora non ci sono più.
E da qualche mese hanno deciso di continuare la loro, diciamo così, missione gastronomica le sorelle Serena e Simona De Carlo che con Roberto Fellico alle braci e Giuseppe Rollo al forno per il pane e le pizze, aiutano il cuoco Ivan Spirto.

Osteria del Pozzo Vecchio Roberto Fellico, Serena e Simona De Carlo
Osteria del Pozzo Vecchio Roberto Fellico, Serena e Simona De Carlo
Osteria del Pozzo Vecchio Ivan Spirto il cuoco
Osteria del Pozzo Vecchio Ivan Spirto il cuoco

La scelta è quella del territorio ovviamente con una tavola che propone i piatti tipici del Salento: dai fritti ai ciciri e tria ai pezzetti di cavallo.
Poi Serena De Carlo e Roberto Fellico essendo vissuti a lungo a Napoli hanno portato un po’ di ventata partenopea, sicché qualche primo profuma vesuviano, ad esempio si è rivalutato il baccalà, e a bocca di forno oltre alle buone pizze in stile pugliese, sottili croccanti arruscatelle farcite con ortaggi, si può a richiesta mangiare una verace Margherita.

Osteria del Pozzo Vecchio La pizza leccese di Giuseppe Rollo
Osteria del Pozzo Vecchio La pizza leccese di Giuseppe Rollo

Servizio familiare che coccola e buon vino in cantina.
Il pescato c’è ed è quello del giorno.

Osteria del Pozzo Vecchio il tonno scottato
Osteria del Pozzo Vecchio il tonno scottato

Lo si nota subito gustando gli antipasti: la cottura del tonno è impeccabile e lo lascia umoroso, morbido, tenero; l’insalatina di polpo e seppie è tutta mediterranea così ricca di verdure com’è.

Osteria del Pozzo Vecchio insalata di polpo e seppie
Osteria del Pozzo Vecchio insalata di polpo e seppie

Il carpaccio di baccalà è sontuoso nella sua semplicità.

Osteria del Pozzo Vecchio il carpaccio di baccala
Osteria del Pozzo Vecchio il carpaccio di baccala

Porzioni più che abbondanti che lasciano capire come proseguire.
Con un primo, ad esempio, classico qui e a Napoli.

Osteria del Pozzo Vecchio linguine con le cozze in bianco
Osteria del Pozzo Vecchio linguine con le cozze in bianco

Linguine con le cozze in bianco, quello che ti fa riscoprire il profumo e il sapore dello scoglio con la sua sapidità non salata eppure piena, decisa, inequivocabile.

Osteria del Pozzo Vecchio linguine con le cozze in bianco
Osteria del Pozzo Vecchio linguine con le cozze in bianco

Poi ancora baccalà, ma c’erano calamari e triglie in attesa oppure carni di scottona locale.

Osteria del Pozzo Vecchio baccala con le vongole
Osteria del Pozzo Vecchio baccala con le vongole

Trancio di fella, no mussillo, con le vongole, tanto per variare la ricetta con cipolle, capperi e olive. Anche in Salento come nei pressi del Vesuvio il baccalà è un piatto di tradizione.
Oltre al pasticciotto Serena ha portato qui la pastiera.

Osteria del Pozzo Vecchio la pastiera di Serena De Carlo
Osteria del Pozzo Vecchio la pastiera di Serena De Carlo

Ed è una bella pastiera.
Passateci ne vale la pena.

Osteria del Pozzo Vecchio la pastiera di Serena De Carlo
Osteria del Pozzo Vecchio la pastiera di Serena De Carlo

Un commento

  • Simona

    (15 agosto 2015 - 15:21)

    E’ bello quando l’impegno è ripagato. Grazie mille

I commenti sono chiusi.