Cecubo 2001 Roccamonfina igt Villa Matilde

Letture: 111
Cecubo 2001
Cecubo 2001

Uva: piedirosso, primitivo e altre varietà locali
Fascia di prezzo: nd
fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Purtroppo non è facile trovare  bottiglie vecchie quando si gira nei locali campani. Con la crisi pochi hanno proseguito ad investire. Quando si va a Benevento da Dionisio l’occasione c’è sempre perchè dal papà ha ereditato la passione dei prodotti ed è un piacere andare sia al ristorante che al Bistrot nel corso principale, uno dei miei posti preferiti in Campania.
Becchiamo qui il Cecubo, uno dei rossi a cui sono più affezionato perché ha segnato all’inizio degli anni ’90 la ripresa del vino regionale. Avevamo già fatto la prova con un 1990 in piena forma nel 2009 al President di Pompei trovandolo perfetto ed emozionante.
Il 2001 non emoziona, ma colpisce per la sua perfezione stilistica: frutta integrata al legno, fresco, sapido, lungo. La prova della incredibile longevità e di una annata che più passa il tempo più migliora chi ha lavorato bene e con lungimiranza.

Villa Matilde SS Domiziana n°18, 81030 Cellole CE www.villamatilde.it info@villamatilde.it. Ettari: 70. Enologo: Riccardo Cotarella. Bottiglie prodotte: 700.000. Vitigni: aglianico, piedirosso, abbuoto, falanghina

Un commento

  • michele

    (2 novembre 2015 - 17:49)

    grandissimo rosso

I commenti sono chiusi.