Ciao Kyle, amico nostro e grande degustatore

Letture: 96
Kyle Phillips

Un forte dolore annunciato e temuto: Kyle Phillips ci ha lasciato. Carlo Macchi lo ricorda per me, Lorenzo Colombo, Roberto Giuliani, Stefano Tesi.

Alle 12.30 di lunedì 21 ottobre il nostro amico e collega Kyle Phillips si è arreso alla malattia che da più di anno cercava di combattere. E’ morto sereno, letteralmente tra le braccia della moglie Elisabetta, con accanto i figli.

Era bello stare accanto a Kyle perché ti sentivi sempre il più importante. Lui era talmente forte che lasciava volentieri agli altri i ruoli di primo piano. Gli piaceva osservare e poi dire la sua, sempre con rispetto, profondo rispetto. Era forte dentro Kyle ma non abbastanza forte per chi non gioca a carte scoperte, per chi si nasconde dentro di te e ti distrugge senza dirtelo. Quando lo ha scoperto ce lo ha detto con lo stesso tono con cui avrebbe commentato un vino: tranquillo, apparentemente sereno, come se non lo riguardasse, ma in realtà lo faceva per non far pesare sugli altri quello che lui riteneva un suo errore, il non aver fatto alcuni esami di controllo.

Era bello stargli accanto, guardarlo mentre camminava beato per chilometri con macchine fotografiche e obiettivi che pesavano quanto un bambino; era bello vedere il fanciullo che era in lui, quanto ti guardava senza strizzare gli occhi, sorridendo.

Sorrideva anche quando lo prendevi in giro perché per ogni vino che degustava scriveva un poema ma lui era così, un metodico forte e tranquillo, che alzava gli occhi dal suo lavoro, ti concedeva quell’attimo, e poi continuava senza battere ciglio.

Era bello averlo come amico e sono convinto che era ancora più bello averlo come marito, come padre.

Sono certo che se potesse direbbe “tranquilli, non è successo niente. Andrete avanti benissimo anche senza di me” con quella scherzosa cadenza fiorentina che nessun americano e forse anche nessun toscano può sognarsi di emulare.

Ma non è vero. E’ successo che te ne sei andato, per di più avendo sempre la consapevolezza, negli ultimi tempi, che non potevi fare niente per rimanere.

Che ti sia lieve la terra caro amico

Il funerale di Kyle si svolge oggi martedì 22 ottobre alle 15.30, presso la Chiesa di San Cristoforo, Via della Chiesa 28, a Strada in Chianti.

 

5 commenti

  • Marco Contursi

    (21 ottobre 2013 - 14:35)

    Ci stanno lasciando tanti amici del mondo del vino…..speriamo di ritrovarli altrove per brindare all infinito.Mi associo al dolore di chi lo ha amato.

  • Mondelli Francesco

    (21 ottobre 2013 - 18:49)

    Bello sarebbe conservare,almeno per un certo periodo ,la sua foto

  • Enrico Malgi

    (21 ottobre 2013 - 19:40)

    Mi spiace molto apprendere questa ferale notizia. Non ci conoscevamo
    personalmente, ma eravamo amici su facebook. Ho letto alcuni suoi report sul
    vino. Era sempre molto preciso, competente, discreto ed imparziale.

    Che il Signore lo abbia in gloria. Sentite condoglianze alla famiglia.

  • Monica Piscitel

    (21 ottobre 2013 - 19:41)

    Mi spiace molto, lo conoscevo poco. A parte le qualità professionali … era un uomo buono, evidentemente buono. Con un sorriso puro. Le mie condoglianze.

  • Alberto Tricolore

    (23 ottobre 2013 - 19:10)

    .Non lo conoscevo personalmente ma mi piaceva molto il suo modo di descrivere degustazioni, cene,visite alle cantine, con grande umilta’ e professionalita’.Evidentemente innamorato dell’Italia.
    Che Dio lo benedica.

I commenti sono chiusi.